Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 22 aprile 2014

Corcoran (Ceo Betfair):”Cercheremo di portare l’ippica nel betting exchange italiano”


Il Ceo di Betfair, Breon Corcoran, ha commentato per la prima volta l’introduzione del betting exchange in Italia. Innanzitutto, ha cercato di rassicurare gli amanti dell’ippica, affermando la volontà di voler parlare con il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, per introdurre lo scambio scommesse anche sui cavalli. Ha inoltre aggiunto, che per una novità del genere ci vorranno anni.
Ha poi aggiunto, sul tema dell’imposizione fiscale:”Il modello giusto è la tassazione sul margine e non sugli incassi, come previsto dalla legge italiana in vigore, ed è sostenibile: l’obiettivo di tutti deve essere quello di tenere questa attività in Italia e per riuscirci la tassazione non deve essere eccessiva”. Dunque, un assist agli operatori tradizionali:”Auspichiamo che la tassazione sul margine di guadagno dei bookmakers possa essere applicata anche alle scommesse tradizionali”.

Infine, porte aperte agli altri concessionari per quanto riguarda la liquidità. “Il nostro business è ok anche senza la liquidità UE (eeeeeh?! ndr). Abbiamo parlato con molti operatori negli ultimi anni e saremmo contenti di poter collaborare con altri bookmaker, che naturalmente godono di un vantaggio rispetto a Betfair in termini di brand e di presenza sul territorio. Noi abbiamo la migliore tecnologia, ma mi aspetto un’elevata concorrenza: anche altre società offriranno l’Exchange attraverso noi o altre piattaforme. In ogni caso, siamo aperti ad ogni forma di collaborazione per far decollare la Borsa delle Scommesse".

lunedì 21 aprile 2014

Betting exchange .IT e depositi non prelevabili: è tutto legale?


In questi giorni, numerosi Traders hanno segnalato sulla nostra fanpage (cliccate mi piace!) un’anomalia registrata su Betfair Exchange .IT. Dove è possibile riscontrarla? Andando nella sezione conto personale, voce “riepilogo”. In questa zona del sito, è possibile osservare il saldo disponibile per le scommesse, i bonus, le vincite. Ma non solo. C’è una vocina, in particolare, che sta facendo discutere: quella dei depositi non prelevabili.

Facciamo un esempio per capirci meglio: io utente Mario Rossi, deposito su Betfair.it 100€. A questo punto, la voce dei depositi non prelevabili segnalerà che ci sono 100€ non prelevabili. Fin qui, prassi comune. Per cercare di ridurre il fenomeno del riciclaggio, è stata attuata questa misura. Il problema dove sorge? Quando operiamo.

Ipotizziamo che lo stesso Mario Rossi abbia mosso, attraverso varie operazioni sull’Exchange, circa 40€ per vincerne 10€. La voce depositi non prelevabili segnalerà che ci sono 90€ non prelevabili, invece che 50€ (40+10).

Facendo la stessa operazione su un bookmaker tradizionale, che offre solo lo Sportsbook, il saldo prelevabile è regolarmente giocata+vincita e non solo la vincita.

Probabilmente, questo aspetto è regolato dal punto di vista normativo, dunque è indipendente dalla volontà di Betfair Italia. La stessa società, però, può farsi portavoce verso le istituzioni di questa vera e propria truffa legalizzata ai danni di chi opera sulle piattaforme Exchange. No al sequestro dei depositi.

domenica 20 aprile 2014

Le quote del Betting Exchange sono più alte di quelle dei bookies?


Nel giorno di Pasqua (auguri Traders!) vogliamo rispondere ad un quesito che ci viene posto spesso. “Le quote del Betting Exchange sono più alte di quelle dei bookmakers tradizionali?” In genere, sì! Due sono le cause di questa differenza. La prima è il margine di guadagno che è inserito nel calcolo delle quote delle scommesse tradizionali. Invece, nel Betting Exchange l’operatore prende una commissione solo in caso di vincita (su Betfair Exchange Italia è del 5%).
Il secondo aspetto è riconducibile a chi fa la quota. Nelle scommesse tradizionali ci sono i quotisti professionisti dipendenti del bookmaker che hanno solo il compito di mettere sul mercato le quote il più possibile “giuste”. Dall’altro lato l’utente che vuole “vendere” la sua quota sulle piattaforme Exchange, deve renderla più appetibile rispetto alle quote tradizionali e quindi la offre più alta.
A volte, però, capita di trovare delle quote completamente differenti e questo si può ricondurre alla poco esperienza degli utenti, oppure alla necessità da parte di uno scommettitore, anche esperto, di voler chiudere subito un trading (All Green) perché già sta traendo beneficio da un’altra operazione sullo stesso evento.
Inoltre, è importante sottolineare cosa si intenda per “quote”. Se parliamo di quote massime, possiamo trovarle veramente ovunque: sia piattaforme Exchange, sia bookies tradizionali. È proprio per questo motivo che è meglio per uno scommettitore o un trader avere più conti dislocati su più piattaforme bettistiche. Se parliamo di quote “medie”, allora tendenzialmente troveremo lavagne più basse sulle piattaforme exchange e su qualche bookie tradizionale che magari risparmia sul marketing, per offrire quote più basse ai propri clienti (dunque avere un margine inferiore).

sabato 19 aprile 2014

Scommesse: tutta la verità su Juve Stabia - Avellino


Premessa obbligatoria: il fatto che su una partita di calcio girino voci di combine o di strani movimenti di mercato non indica affatto una certezza, nè un sospetto. Sono solo voci, come ne girano tante: talvolta si dimostrano vere, molte altre volte si dimostrano bufale.
Oggi prendiamo in oggetto la partita tra Juve Stabia e Avellino, che si è disputata ieri sera a Castellammare di Stabia. Inutile dire che le quote pre-match indicassero ovviamente l’Avellino come favorita, sia per il netto divario in classifica tra le due squadre, sia perchè la Juve Stabia sta per dire addio alla Serie B. A molte ore dall’inizio della partita, tuttavia, c’è stato un improvviso crollo di mercato sulla quota della Juve Stabia: Pinnacle è sceso a 3.65, Sbobet (riferimento importante per quanto concerne la liquidità asiatica) addirittura 3.20. I books italiani si sono subito adeguati al mercato: alcuni rimanendo alti, altri scendendo decisamente. Perchè questa quota è scesa? Boh. Non c’era un motivo al mondo che giustificasse questo crollo. In Asia, lo spread dell’Avellino è salito tantissimo.
Fin qui, comunque, nulla di troppo anomalo: un crollo ingiustificato non significa nulla, di per sè. Più saporito, invece, è stato il crollo su alcune classi di esito riferite al primo tempo della stessa partita: gol primo tempo e X primo tempo.
Come è andata la partita? Dopo soli due minuti, la Juve Stabia ha segnato un gol, per la gioia di chi aveva puntato sull’1 a quota alta quando il mercato aveva cominciato a crollare (e, così facendo, ha potuto subito coprirsi e bancare). Al 47esimo del primo tempo, pareggio dell’Avellino (quindi gol e X primo tempo): inutile dire che la quota live dell’X primo tempo era altissima.
Secondo tempo: al 74esimo ancora un gol della Juve Stabia (quindi ancora una possibilità di copertura per chi ha giocato l’1 in crollo); infine pareggio dell’Avellino a due minuti dalla fine.
Casualità? Combine? Non spetta a noi dirlo. Noi di Betting Trader ci limitiamo ad informare e a valutare le variazioni di quota che abbiamo considerate anomale, o quanto meno ingiustificate, su questa partita.

venerdì 18 aprile 2014

Attacco alla regolamentazione del betting exchange in Spagna


Duro attacco alla regolamentazione del betting exchange in corso in queste settimane in Spagna. Parte della sinistra spagnola, secondo Agimeg, avrebbe presentato una mozione per chiedere l’annullamento della regolamentazione del betting exchange e delle slot online. Secondo i detrattori, dunque, questi 2 prodotti non contribuirebbero al raggiungimento dell’obiettivo relativo al contrasto del gioco patologico.
Mozione comprensibile, ma ingenua. Con abbastanza facilità è possibile operare con gli stessi prodotti sul .com e dunque il problema dei malati patologici di ludopatia continuerebbe ad esistere. Dal nostro punto di vista, la ludopatia non si contrasta nè limitando l’offerta di giochi a disposizione nel singolo paese, nè vietando le pubblicità.

Innanzitutto, si deve partire dalla consapevolezza che il problema si può migliorare, ma è complicato risolverlo del tutto. Le auto, pur migliorando notevolmente in termini di sicurezza e affidabilità, continuano a produrre migliaia di morti in tutti gli anni. È solo un paragone. Ma utile per far capire come, nonostante il progresso, sia difficile eliminare del tutto un problema.
Allo stesso modo, una quota di persone che giocheranno in maniera compulsiva, ci sarà sempre. Questo però, non vuol dire che l’impegno verso questa battaglia debba scemare. Dal nostro punto di vista, l’educazione ai giovani riguardo le probabilità e il money management può rappresentare un valido punto d’inizio. Giocare di per sè, non è un aspetto da demonizzare. Occorre diffondere la cultura della responsabilità.

giovedì 17 aprile 2014

Betflag Exchange: ecco le prime immagini

In questi giorni abbiamo avuto la possibilità di testare la nuova piattaforma di betting exchange firmata Betflag. Attualmente il sito è in versione beta e una cerchia selezionata di utenti sta avendo occasione di provare il prodotto con commissione zero.

Partiamo dal primo punto fondamentale: la liquidità. In questa fase di sviluppo, è assolutamente ingiudicabile. È assente su numerosi eventi, tranne qualche eccezione. Questo elemento, probabilmente anche dopo il lancio ufficiale, rappresenterà un fattore di differenza tra Betfair Exchange e Betflag Exchange, poichè questi ultimi sono partiti in ritardo. Ma non solo. Probabilmente, il gap riguarda anche l’aspetto comunicativo, visto che il brand Betfair è storicamente associato al betting exchange. Betflag, essendo appena sbarcato nel settore, avrà bisogno di forti investimenti nel marketing per poter lanciare al meglio il prodotto.

Betflag però, cercherà di colmare questo oggettivo gap con le commissioni. Come abbiamo già anticipato, al momento i test si svolgono con una commissione al 0%. Probabilmente, a parte qualche piccolo periodo promozionale, dopo il lancio non sarà così. Ma quasi sicuramente, la commissione che incasserà Betflag sarà inferiore a quella che incassa attualmente Betfair (5%). È una dinamica che abbiamo potuto notare anche nei .com, con le piattaforme concorrenti di Betfair in perenne lotta per avere commissioni inferiori al 5%.

Altro punto a favore di Betflag: al momento, è possibile scommettere cifre inferiori ai 2€, ma superiori a 0,50€. Questo elemento sicuramente può piacere a tutti i neofiti dell’Exchange, perchè così hanno la possibilità di provare il funzionamento di questa nuova modalità rischiando meno dal punto di vista economico.

E passiamo adesso alle immagini.


Da un punto di vista cromatico, la punta resta di colore azzurro, esattamente come Betfair Exchange. Diverso invece il colore del Banca, che in Betflag Exchange è di colore arancione. Da notare anche come sia diversa la disposizione tra 1 X e 2 rispetto a Betfair Exchange. 


Sotto l'1 nel punta e banca di Betflag appare l'X, mentre la tradizionale schermata di Betfair prevede la squadra in trasferta appena sotto la squadra di casa. Per cui, fate molta attenzione.



Per quanto riguarda il live, questa è la schermata che vi troverete davanti. Grande risalto sia per i minuti correnti della partita, sia per il risultato provvisorio del match, espressi con un carattere molto grande. 


Infine, è interessante notare la differenza terminologica nel caso della "responsabilità". Il concetto espresso da Betflag, invece, è "esposizione". Termini differenti, stesse funzionalità. 






mercoledì 16 aprile 2014

Betflag Exchange: al via i test con gli utenti



Una volta effettuato il collaudo, Betflag Exchange ha iniziato a far testare il proprio prodotto ad un gruppo ristretto di utenti. L’obiettivo è quello di limare i piccoli difetti della piattaforma per proporre sin da subito un Exchange degno di tale nome. Sarà molto interessante capire nei prossimi giorni, come la società si sarà strutturata per avere una piattaforma dotata di una buona liquidità. Però, per quanto riguarda l’Italia, non possiamo che essere felici dell’arrivo di nuovi competitor di Betfair, che comunque dovrebbe restare la regina del settore. Riguardo i tempi di introduzione ufficiale di Betflag Exchange, dovrebbe ormai mancare davvero poco per questo atteso lancio.