Cerca una parola/argomento nel Blog

martedì 28 gennaio 2014

Betting exchange, scarso interesse iniziale degli operatori

Da quando AAMS/ADM ha deciso di pubblicare le modalità di rilascio delle autorizzazioni per il betting exchange, sono stati pochi gli operatori ad interessarsi al nuovo prodotto. È ciò che riporta l’agenzia giornalistica specializzata nel gioco, Agimeg. Solo alcuni, infatti, avrebbero svolto i test e nessuno avrebbe richiesto il collaudo della piattaforma. La prima richiesta potrebbe arrivare da Betfair (e ci mancherebbe!) verso la metà di febbraio. Non si escludono, ovviamente, accelerazioni improvvise. Difficilmente mancherà all’appello la piattaforma di Microgame, People’s Ibex, la prima ad essere presentata ufficialmente all’Enada.
Il motivo dello scarso interesse degli operatori è probabilmente da ricercare in 2 fattori. Il primo riguarda la natura del betting exchange, notoriamente legato al livello di liquidità presente sulle piattaforme. Anche a livello mondiale, non è elevato il numero di piattaforme esistenti. Chi ha liquidità, sopravvive. Chi non ne ha, fatica. Ciò ci introduce al secondo fattore: le caratteristiche del betting exchange italiano. La liquidità nazionale e soprattutto l’impossibilità di creare network con liquidità condivisa, impedisce il decollo totale di questo prodotto. La sensazione è che molti operatori mostreranno scarso interesse per i test iniziali, ma grande attenzione all’evoluzione del settore. Non appena ci sarà una liquidità condivisa con altri paesi, saranno diversi gli operatori pronti a lanciarsi in questa fantastica occasione di business. Pensate: l’avvio del business italiano potrebbe comportare per Betfair ricavi per oltre 50 milioni di euro e un giro di affari complessivo per il comparto dello scambio scommesse vicino al miliardo di euro complessivo secondo stime di Exane-Bnp Paribas.


Secondo il nostro giudizio, il secondo dato è probabilmente sovrastimato. Ma il tempo potrà dimostrare se gli italiani riusciranno (o meno) a farsi contagiare in massa dal fenomeno del Punta e Banca.

Share:

2 commenti:

  1. Secondo me sono sovrastimate e non vengono considerate le grosse perdite che invece avranno alla chiusura dei conti agli italiani che operavano sul .com che sono quelli che davvero avrebbero interesse immediato. Sono convinto che non decollerà nulla fino a quando non (e se ) si arriverà ad una liquidità condivida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la liquidità condivisa è un passo indispensabile per migliore il betting exchange italiano.

      Elimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange