giovedì 6 febbraio 2014

Castaldo (GM Microgame): “Spero non si dia il via alla liquidità internazionale”


All’Ice Totally Gaming di Londra non sono mancati personaggi di spicco del settore del gioco italiano. Tra i più importanti sicuramente ritroviamo Marco Castaldo, General Manager di Microgame. Perchè sono importanti le sue parole in un blog dedicato al betting exchange? Perchè rappresenta il principale (e per ora unico) competitor di Betfair nel mercato dello scambio scommesse in Italia. In che modo? Con la piattaforma People’s Ibex. Se volete vedere la preview del sito di scambio scommesse, vi basta cliccare qui ;-)

Ritornando all’evento di Londra, le parole di Castaldo in queste ore hanno fatto discutere. Ha dichiarato ad Agipro:
"Il mercato va verso il consolidamento e anche nel poker è impossibile che tanti network possano sopravvivere, per questo propongo che attorno al marchio People's si aggreghino anche altri operatori di poker, così da contrastare la forza delle multinazionali. In ogni caso, spero che non si dia il via libera alla liquidità internazionale, che penalizzerebbe il "made in Italy" avvantaggiando i competitor esteri. Analogo discorso vale per il betting exchange: Microgame ha un accordo con Betdaq, mettiamoci tutti insieme e proviamo a creare un network tutto italiano, che abbia liquidità e know-how"
La liquidità internazionale, in realtà, può solo favorire la nascente realtà italiana, poichè ridurrebbe in maniera drastica il gap con le piattaforme straniere. Il betting exchange, come abbiamo avuto modo più volte di sottolineare su questo Blog, ha necessità di una liquidità che sia il più consistente possibile per consentire agli utenti di fare trading in sport e mercati ricchi e variegati. In Italia, al momento, non esiste una liquidità internazionale. Ma c’è di più: non è consentito neanche creare network con liquidità condivisa. Questi elementi, combinati, renderanno necessario concentrarsi inizialmente su pochi sport e pochi mercati, rendendo poco attrattiva l’offerta.

Share:

8 commenti:

  1. è allucinante, sentire parole del genere!!
    è come mangiare la pasta e fagioli....ma senza i fagioli.
    Gente incompetente a capo di aziende, che purtroppo, non capisce nulla.
    è la storia del mondo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La metafora di pasta e fagioli è veramente stupenda :-D

      Ritornando al post, l'obiettivo di chi conosce un po' meglio il prodotto del betting exchange deve essere proprio quello di sottolineare i notevoli vantaggi che la liquidità internazionale potrebbe apportare anche alle società che hanno deciso di investire nello scambio scommesse in Italia.

      Elimina
  2. Io non vedo l'ora che inizi il betting exchange italiano per vedere dei bilanci in rosso, con perdite stratorsferiche a danno di questi idioti...

    Come e' possibile solo lontanamente parlare del Know How .... bestemmie al quadrato dette da gente che non sa neanche cosa sia il betting exchange... che tristezza

    RispondiElimina
  3. Hai ragione "anonimo" :-)
    Questo potrebbe verificarsi,però , se in Italia ci fossero più traders, che scommettitori standard.....chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo il discorso dei traders in Italia, probabilmente è difficile che ci saranno più degli scommettitori standard. Anche in UK, in un mercato maturo, i traders sono numericamente inferiori rispetto agli scommettitori standard. Questo accade probabilmente perchè la scommessa classica è sicuramente meno impegnativa, ma anche meno remunerativa. In UK, ritornando al discorso della liquidità, il sistema "betting exchange" funziona proprio perchè tante persone provenienti da diversi paesi del mondo, contribuiscono ad immettere liquidità. Compresi i residenti in Italia che operano sulle piattaforme .com.

      Elimina
  4. Purtroppo questi idioti (betfair) hanno ben pensato di far si che nessun programma API normalmente usato da qualsiasi trader sarà funzionante sul nuovo .it, così anche quei pochi che erano ben disposti a provare a fare qualcosa rinuncieranno in partenza.

    Quando voi parlate di scommettitori e traders vi riferite al mercato globale vero? Su Betfair sono tutti traders mentre lo scommettitore e' una rarità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il ragionamento era basato sull'ambito bettistico generale. Ovviamente su betfair.com la maggioranza sono traders.

      Elimina
  5. L'exchange è nato per innovare, scardinare figure come Castaldo, a favore degli scommettitori...

    RispondiElimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange