domenica 30 marzo 2014

Accordo comitato-betfair.com?


Negli ultimi giorni, sta sicuramente destando scalpore la notizia della nascita di un comitato a tutela dei diritti dei clienti italiani operanti su betfair.com. Nel post di oggi vogliamo dare spazio al nuovo comunicato espresso dal comitato. Eccolo nel dettaglio:

APPELLO AI CLIENTI ITALIANI BETFAIR.COM 
Fermo restando che il comitato per la class action è già attivo ed al lavoro per studiare al meglio la situazione sotto il profilo giuridico.
Vorremmo sottoporre alla vostra attenzione e ricordarvi che la class action non può che scattare, solo dopo che Betfair ci chiuderà i conti e sarà un'azione efficace e producente. 
INTANTO VORREMMO AGIRE PER IMPEDIRE LA CHIUSURA DEI CONTI 
Detto questo vogliamo chiederci perché betfair ci vuole chiudere i conti? Tutti voi conoscete già il motivo, betfair parte fra poco con l’ exchange anche in Italia e ha pensato bene (a loro modo e senza fare i conti con l’oste) che i clienti italiani di betfair.com, dovrebbero tutti trasferirsi al betfair.it, costituendo così lo zoccolo duro dell’ exchange Italia. Fra l’ altro questo è dimostrato anche dall’ avviso che stiamo trovando su betfair.com, dove ci comunicano che entro 2 settimane i conti saranno chiusi e al contempo ci chiedono di aprire un conto con betfair.it e anche di trasferire le nostre credenziali di user e password da betfair.com a betfair.it.
Insomma la conferma che betfair conta su di noi per far partire betfair.it exchange.
Betfair è un colosso e noi siamo piccolini, ma siamo piccolini se ognuno di noi rimane chiuso da solo nel suo angolino.
Se invece comunichiamo e ci uniamo, allora assumiamo un potere contrattuale molto forte,e se perseguiamo dei precisi comportamenti, tipo non aprire conti con betfair.it, allora addirittura betfair.com, potrebbe incominciare ad avere qualche difficoltà e qualche ripensamento.
Betfair.com sta agendo senza tenere conto dei nostri diritti e senza buon senso, semplicemente si muove in questo modo solo ed esclusivamente per i propri interessi economici, che sono legati all’ exchange Italia. 
MA SENZA DI NOI L’ OPERAZIONE EXCHANGE ITALIA È DESTINATA A FALLIRE. 
E questo betfair lo sa bene. 
NOI DOBBIAMO PRESENTARE A BETFAIR.COM, UNA PROPOSTA DI ACCORDO. 
Sì amici, ricordiamoci che il nostro primo interesse è mantenere i conti con betfair.com.
Quindi un accordo che preveda, a noi tutti di, CONTINUARE AD UTILIZZARE BETFAIR.COM,
e alla nostra controparte di far partire l’ exchange italia ANCHE CON NOI.
E mi spiego meglio:
1)Fra gli eventi che saranno quotati in italia non ci saranno le corse dei cavalli, oltre ad altri eventi che invece sono presenti sul com.
2)Noi pensiamo che una proposta equa e saggia, che betfair.com deve esaminare
con altissima considerazione sia questa:
a)Betfair.com NON ci chiude i conti, ma ci PERMETTERÀ di fare exchange su betfair.
com, solo ed esclusivamente sugli eventi che in Italia non saranno in palinsesto e cito un evento su tutti: HORSE RACING
b)In cambio chi di noi lo vorrà, per puntare o bancare su calcio,tennis e il poco altro che presenteranno in Italia,lo potra fare aprendo un conto con betfair.it
Se questa proposta riceverà il vostro consenso che dovra essere NUMEROSISSIMO, allora è probabile che betfair.com possa fare dignitosamente un passo indietro,
e non ci sara bisogno di class action nè di altro. 
ALLORA SVEGLIAMOCI!! E INVIATE IL VOSTRO CONSENSO
DOBBIAMO RACCOGLIERE ALMENO MILLE FIRME, il tempo è poco, auguri a tutti. 
PS:  fate girare la notizia. Postatela sui forum,sui social network, fate passa
parola, insomma impegnatevi affinchè la maggior parte di noi clienti betfair.
com, ne venga a conoscenza.
inviate prime adesioni al seguente contatto:
clientiitaliani.com@libero.it
ringraziamo tutti per l’ attenzione
comitato tutela diritti clientiitaliani betfair.com

Share:

9 commenti:

  1. Mah, rimango perplesso: lasciare aperto betfair.com solo per l'ippica e dover usare betfair.it per lo sport ? Non ho nessuna intenzione di usare betfair.it ! L'unica soluzione è non iscriversi al .it e sperare che nel medio-lungo periodo visti i magri introiti (così si spera) betfair abbia un ripensamento deciso su tutta la linea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sicuramente è sicuramente complessa e di non facile soluzione. Però aspettare il medio-lungo termine vuol dire non fare trading per almeno 3-4 anni. Bisogna tenerlo in considerazione questo fattore.

      Elimina
  2. concordo,aspettare anni significa uscire fuori,e poi magari ci fosse un accordo ippica.com calcio.it,sarebbe gia un enorme risultato,senza contare che se dopo qualche mese,se la liquidità fosse insufficiente,tutto potrebbe succedere il visto l eventuale accordo precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente l'accordo farebbe felici le 2 parti in causa (Betfair e i clienti italiani). C'è il terzo incomodo rappresentato da AAMS che potrebbe non essere favorevole alla cosa...

      Elimina
    2. giusto AAMS,non e favorele certamente.Tuttavia se betfair.com in questi 10 anni ha prosperato con l italia malgrado AAMS,Potrebbe volendo continuare a farlo,è solo una questione di affari,sai che betfair.it in italia raccoglie un misero,mi pare 0.15%,e attraverso l exchange(non con l exchange).scommette che questo possa far da traino a tutto il comparto dell it.È un azzardo sopratutto quando hai perso la faccia con decine di migliaia di tuoi clienti.Da qui a qualche tempo in betfair,group cadranne delle teste,

      Elimina
  3. Io invierò la mia adesione, però l'accordo non può essere improntato sul genere dello sport ma sull'offerta singola. io come tanti credo, trado principalmente sul calcio e l'offerta ridicola che ci sarà sul .it non può sopperire alla mancanza. Ieri 4 incontri (contro oltre 100) dei quali mercati giocabili solo 1. Oggi incontri 2... stiamo scherzando ? Le regole della comunità europea ci permetterebbero di utilizzare il .com, allora perchè chiuderci i conti ? Almeno facciamoli andare in parallelo fino a quando il .it non potrà essere cosa interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È evidente che si tratti di un accordo di compromesso. Tra l'altro il comitato è nato prima del lancio di Betfair Exchange Italia, dunque non potevano neanche sapere cosa sarebbe stato il punta e banca in Italia.

      Elimina
  4. oldstyleturfman10 aprile 2014 20:31

    Se e quando si fara 'una petizione io ci sarò. A loro ho già scritto che subetfair.itvnon mi i scriverò di certo . fra l altro sono interessato solo alle corse e sol o estere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente la petizione potrebbe essere una buona soluzione. Ma pare che stiano per andare per vie legali. Staremo a vedere.

      Elimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange