Cerca una parola/argomento nel Blog

martedì 8 aprile 2014

Corcoran (Ceo Betfair):”Felici per la regolamentazione in Italia”

Ok amici. Ci siamo. Betfair Exchange ormai è una realtà anche in Italia. Qualcuno tra noi è stato costretto a migrare dal .com, altri stanno provando per la prima volta questo nuovo prodotto. Stiamo raccogliendo tantissime vostre opinioni, sia sui nostri canali social (Facebook, Twitter, G+) ma anche nella Community, con sempre più iscritti quotidiani. Grazie!

Oggi crediamo sia doveroso riprendere il comunicato stampa diffuso da Betfair per il lancio del punta e banca in Italia. È stato pubblicato poco fa e sulla questione si è espresso il Ceo dell’azienda, Breon Corcoran:”Siamo lieti di essere il primo operatore di Exchange completamente regolamentato in Italia e siamo ansiosi di portare i vantaggi della nostra piattaforma di scommesse innovative ai clienti italiani, compresa la possibilità di usare la modalità Cash Out. Crediamo che questo lancio segni un passo importante nel nostro sforzo di aumentare i ricavi sostenibili”.

Dichiarazioni normalissime, da parte di un CEO di un’azienda quotata in borsa. In queste ore c’è molto malcontento tra i traders italiani per il funzionamento dell’Exchange. È evidente a tutti. Fare trading è (quasi) utopia in questo momento.

“E allora perchè Betfair sta facendo tutto questo?” vi starete chiedendo. Una domanda giusta, a cui si può trovare risposta con una parola presente nel comunicato di Betfair.

RICAVI SOSTENIBILI

Betfair ha intenzione di rendere sostenibile il suo business, dunque non vuole avere problemi con i vari regolatori. Vuole tuffarsi nei principali mercati mondiali, ma senza avere problemi da un punto di vista normativo. Lo sbarco dell’Exchange va proprio in questa direzione. Il nuovo prodotto, ha attirato numerosi utenti a creare i conti (chi per curiosità, chi per necessità, lo abbiamo fatto in molti). Adesso, diverse persone in più fanno parte dell’universo di Betfair. Dunque ci sono possibilità maggiori di ricavi attraverso lo Sportsbook. L’Exchange bene o male qualcosa riesce a muovere (oltre 8000€ abbinati su Juve-Livorno nel mercato esito finale, quante commissioni hanno generato?). E ancora, maggiori possibilità di introiti con il Poker. Maggiori possibilità di aumentare i guadagni col casinò. In questo caso, in conclusione, è abbastanza evidente che l’obiettivo dell’azienda sia quello di ampliare il numero di utenti. Questo non significa che in un futuro prossimo non ci possano essere svolte in grado di (ri)avvicinare i traders. Ma significa che, in questo preciso momento, l’obiettivo dell’azienda Betfair è un altro. Tutto qui.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate in merito e se avete idee differenti riguardo la questione.


Share:

28 commenti:

  1. ma dai mi meraviglio di te che intelligente e attento
    ti domandi che tutto sommato 8000 di abbinate quante commissioni hanno generato,se permetti ti faccio io una stima
    intanto il dato va diviso per due(a 2 euro di punta corrisponsono 2 euro di banca,totale abbinate 4 euro(quindi 4000, euro,prima dell inizio partita le abbinate erano circa 1,700 euro(850)in play sono arriviti a 8.000,considerando il trader che avra assorbito almeno un terzo delle abbinate ,quindi siamo circa 6500 di abbinate alias 3250,quota media e su chi? il 90% sulla iuve ad una quota media di non piu di 1.2 quindi vincite(questi sono dati che com trovi,ma non sull it) per circa 700 euro,sui quali applicare la commissione del 5%.TOTALE ENTRATA AL LORDO DI TUTTO(VEDI TASSE ,PERSONALE SPESE DI ESERCIZIO ECT)ALLORA TOTALE 35 EURO,QUANTO CI HA RIMESSO IERI COMPLESSIVAMENTE BETFAIR.IT?NON SI SA.IL SIGNORE DI CUI SOPRA E UNO DI QUELLI CHE PRESTO SARA CACCIATO VIA DAGLI AZIONISTI,ATTENDETEVI UN CALO ANCHE FINIO AL 30% DELLE AZIONI DI BETFAIR,DA QUI A FINE ANNO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente si trattava di una domanda retorica :D

      Elimina
  2. E mentre ieri il .it segnava 2.500 euro su Juve-Livorno, il .com segnava per lo stesso evento 1.500.000 euro. Io ancora non comprendo perché molti altri Paesi del mondo concedono di utilizzare il .com mentre invece l'Italia come al solito deve rompere le scatole. Stessa cosa dicasi per il palinsesto, perché l'ippica no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .com e .it sono imparagonabili. Sia per anzianità di servizio, sia per questioni normative.

      Elimina
  3. Hanno ucciso il betting exchange in Italia... quote impossibili da tradare mercati deserti come il sahara..... io che vivo di 2..3 tick non posso tradare... complimenti a questo Corcoran... finchè non riusciranno ad implementare la liquidità, i mercati (compresa l'ippica!!!) del punto com il betting exchange sarà destinato agli avventori della domenica con il solito lenzuolo delle multiple... che adottano il sistema punta e prega!!! se sono contenti per 8000 euro abbinati allora qui stiamo solo perdendo tempo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo hanno ammazzato. Si è trattato di un aborto.

      Elimina
  4. aggiungo ,che sono d accordo con te quando sostieni che l exchange in fondo e solo un esca per avvicinare a betfair,it altri clienti oltre agli espulsi del com per poi cercare di fare profitti con poker casino giochi ect.
    Tuttavia il primo traino per l xchange dovrebbe essere i profughi del com,ma qui sorge il primo interrogativo quanti ne prendera ?forse la metà di loro,ma sicuramente gli sfuggirano quelli piu sostanziosi,secondo problema l exchange non affascina gli italiani,la magior parte preferisce giocare tre euro per vincerne 1000,Tirando le somme e considerando anche il flop pazzesco che in questi anni ha fatto betfair.it il massimo a cui possono aspirare e un utile al netto di tutto(non adesso che sono e resteranno in perdita)molto piccolo,rispetto ale aspettative.
    Ma a betfair group quanto costerà la campagna italiana?oltre i soldi investiti e che chissa quando e se torneranno,bisogna aggiugere che agli utili di betfair group mancherenna(secondo una stima attendibile)30 milioni di euro che gli italaini-profughi fornivano annualmente a betfair group.
    oggi il titolo di betfair group e gia sovrastimato di suo,quando a fine anno l utile che era di 467 nilioni invece che crescere sarà considerando le perdite della campagna d italia fra investimenti costi di esercizio e commissioni che non ci sono piu,inferiore del 10% e cio circa 50 milioni.
    questo piu la sovrastimazione delle azione che c e oggi portera ad una ridimensione del titolo betfair che come dicevo potrà arrivare anche fino al 30% del valore attuale.
    non credo che gli azionisti daranno modo al il signor corcoran di blaferare di presunta sostenibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessero voluto attirare davvero i clienti del .com, avrebbero potuto anche spostare semplicemente il tasso di sconto. Tutto questo non è accaduto poichè, secondo la mia opinione, si stanno concentrando quasi esclusivamente sui nuovi utenti. Sbagliando aggiungerei.

      Elimina
  5. Ciò che è stato scritto da altri utenti prima è corretto, aggiungo che i professionisti del .com non si avvicineranno mai a questa inutile piattaforma. Non giocavo da anni su betfair ma ieri sera sembrava di essere al funerale dell'exchange. Lauti premi per il CEO......

    Davide

    RispondiElimina
  6. Al momento la politica del CEO da un punto di vista puramente economico è positiva. Questa è l'ultima relazione economica: http://www.bettingtraderblog.com/2014/03/ricavi-in-aumento-per-betfair.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo segnalare che i ricavi sono cresciuti,grazie anche alle tassazioni agevolate di cui betfair gode,naturalmente a svantaggio,
      delle tutele dei propi clienti visto che ha create e trasferito le sue società in paesi diciamo, a fiscalità agevolata,e dove gli utenti non possono rompere le scatole.

      Elimina
    2. Una prassi comune a numerose grandi aziende purtroppo.

      Elimina
  7. ma scusami,ci stano cacciando dove pensi si augurano che andiamo?
    tu hai ragione nel dire nuovi utenti,i clienti del com che andranno all it saranno nuovi utenti,faranno massa e liquidità che attrarrà altri clienti nuovi,questa è ha mia avviso la strategia,
    Tuttavia betfair e un colosso ma sta sbagliando molte mosse anche sul piano della correttezza della comunicazione,e davanti agli occhi di tutti ma pochi se ne sono accorti,io personalmente al momento taccio,poi al momento oppurtuno faccio scoppiare il bubbone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da parte mia, Betfair sta sbagliando tantissimo da diverso tempo. Al di là dell'Exchange Italiano. Ma Betfair era un'azienda che creava iniziative pubbliche di marketing dove organizzava i FUNERALI ai bookies tradizionali. Oggi è un'azienda quotata in borsa che agisce anche da bookies tradizionale con lo Sportsbook. Sono cambiate tante cose in questo mondo...

      Elimina
  8. Avendo sempre giocato sugli aams è stata la prima esperienza ieri sull'exchange e mi dispiace dirlo ma ne sono rimasto deluso.

    Cioè il betting exchange dovrebbe attirare i gambler meno "gambler", quelli che tentano di speculare con qualche pips (non so se il termine si usa anche in questo campo) non certo i giocatori da singole/multiple di 50/100 euro, parliamo di un mercato rivolto a operazioni da almeno 600/800 dove la speculazione è oscillazione.

    IL PROBLEMA è che non esisteva OSCILLAZIONE in quello che ho visto, cioè la differenza tra il punta e banca dovrebbe essere MINIMA, parlo di pips, solo così si possono giustificare i 5% sul capital gain.

    Questo Betting Exchange non trova mercato con i nostalgici delle bollette né con gli speculatori, visto che nessun trader o bettingtrader che si rispetti giocherebbe con un payout simile. (Parlo per quello che visto sul betfair.it, fuori aams non so come è la situazione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuori dall'Italia la situazione è completamente diversa. Betfair.com è ovviamente un altro pianeta. Purtroppo Betfair Exchange al momento non gode di situazioni normative agevoli, per cui ha un potenziale fortemente limitato.

      Elimina
  9. io comunque se puo interessare mi sono iscritto a SMARKETS.COM (che ha riaperto per gli italiani) c'è una buona liquidita poi ci sono ciucci tennis nba ecc ecc... credo che sia il miglior paracadute per adesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Le 2 alternative al momento sono Smarkets e Matchbook.

      Elimina
    2. Sono affidabili questi bookmakers non aams? Come pagamenti sono veloci o si prendono i loro tempi?

      Elimina
    3. Per adesso sono stati sempre affidabili.

      Elimina
    4. confermo affidabili e puntuali.. ieri ho giochicciato per provare con juve e un po di tennis ed è andato tutto bene

      Elimina
  10. fate come me,con un buon vpn e d un amico estero di fiducia,continui a giocare sul punto com senza leccare il .... ad aams come fa betfair.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, ..dopo 6 anni di bf com mi hanno lasciato a piedi....potrei contattarti in pvt?
      Grazie
      Ciao

      Elimina
  11. Avere un amico di fiducia all'estero non è una caratteristica che hanno tutti.

    RispondiElimina
  12. i due exchange sopra citati, sono affidabili. Hanno quote uguali, o quasi a betfair.com, e la tassa che applicano è addirittura del 2% nel caso di Smarkets, e l1% in Matchbook.
    Questa si che è una strategia per attirare nuovi clienti.
    Penso che ci saranno novità in futuro, su betfair.it, tipo liquidità europea, o internazionale.... aumento dei mercati e dei palinsesti, con quote competitive....perchè così non ha motivo di esistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci fa piacere avere ulteriore conferma dell'affidabilità delle due piattaforme. Non a caso sono state entrambe inserite nei TOP 2013 dal Blog: http://www.bettingtraderblog.com/2013/12/betting-exchange-i-top-flop-del-2013.html

      Riguardo la commissione: Matchbook fino al 1° aprile ha offerto una commissione dello 0% su tutti i mercati calcistici: http://www.bettingtraderblog.com/2013/12/matchbook-clamoroso-0-di-commissione.html

      Elimina
  13. ma questo corcoran il panettone lo mangera' a casa di betfair?
    no sta infilando un fallimento dietro l altro(betfair.it docet) esponendo betfair a perdite attuali e future e danneggiando l immaggine di betfair,per non parlare delle cause legali che a vario titolo betfair sara chiamata a sostenere,e se le perde sono molti milioni di risarcimenti.
    date uno squardo a questo post.
    http://clientiitalianibetfaircom.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corcoran ha dalla sua il fatto di aver recentemente aumentato i ricavi. Ovviamente questo non sempre coincide con un più alto grado di soddisfazione da parte degli utenti, sia chiaro. Ne abbiamo parlato qui: http://www.bettingtraderblog.com/2014/03/ricavi-in-aumento-per-betfair.html

      Elimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange