sabato 18 ottobre 2014

A fine mese le licenze per il betting exchange spagnolo

Dgoj betting exchange
La Direccion General de Ordenacion del Juego, a partire da fine ottobre aprirà la procedura per consentire alle società interessate di acquisire le licenze per il betting exchange in Spagna. Si tratta quindi di un ulteriore passo in avanti per la regolarizzazione dell'Exchange. L'ordine ministeriale dovrebbe essere pubblicato, salvo clamorose sorprese, il 31 ottobre. Le varie compagnie, avranno circa 30 giorni per richiedere la licenza. Una volta acquisite le licenze, le società dovranno effettuare i test delle piattaforme entro 6 mesi. 

Andiamo al sodo, ovvero ciò che interessa in particolar modo ai nostri amici spagnoli. Secondo fonti di agenzia, la data d'introduzione del prodotto dovrebbe essere fine gennaio 2015. Oltre all'Exchange, anche le slot online saranno regolamentate. L'aliquota che sarà applicata per lo scambio scommesse, sarà pari al 7,5% sugli utili netti. Gli utili netti, derivano dalle commissioni applicate. Come paragone, possiamo prendere proprio la nostra Italia, che preleva il 20% sulle commissioni applicate dai bookies (che, comunque, non possono superare il 10%). 
Share:

10 commenti:

  1. Spero x loro che non sia una schifezza come la nostra!!!!!!

    RispondiElimina
  2. È una coalizione tra i maggiori stati Europei iniziata qualche anno fa e destinata a completarsi nel 2101, contro betfair.com, per il solo motivo di trattenere il denaro degli scommettitori.
    Quando si accergeranno che le entrate sui giochi diminuiranno anno dopo anno gli stati partecipanti daranno l oscar all inventore di questo geniale inganno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falso. Senza la spinta decisiva di Betfair, non avrebbero mai regolamentato gli Exchange in Italia e tra poco in Spagna.

      Elimina
    2. Sempre quella teoria che pur di assere presente sul territorio con lotterie varie, casinò e giochi che causano dipendenza ( con Governi assassini e complici ) si sono abbassati alle minacce, per un esistenza del gioco sui territori nemici della legalità, trasparenza e convenienza degli scommettitori, che devono soltanto perdere ! Altrimenti come si spiegherebbe il proliferare di compagnie di gioco ? o di governi che vogliono sempre pareggiare le entrate e i bilanci spremendo sempre gli scommettitori ?
      Nonostante i notevoli profitti di margine, ci si mettono anche quelli che, convincono i malati patologici che con un programma le vincite sono sicure.... e cosi via dicendo creando un circolo vizioso che porta al genocidio silenzioso.

      Elimina
    3. Tante altre cose causano dipendenza, non solo lotterie e casinò. Anche l'alcol causa dipendenza. Che dovremmo fare, abolire la vendita legale di alcol? Anche le sigarette causano dipendenza. Dovremmo abolire la vendita legale di sigarette? Ognuno ha un cervello, per decidere cosa è giusto fare e cosa no. Giocare al casinò, di per sè, non è affatto negativo. È negativo esporsi a perdite imponenti.

      Elimina
  3. Stavo parlando di libertà competitività e circolazione di merci valida per qualsiasi business come dici tu sigarette, alcool ecc... e negato nel betting, ho preso questo esempio solo per spiegare che anche noi vorremmo fumare le sigarette, bere alcool e usufruire di un nostro diritto, negato dal Governo e Aams.
    E anche noi abbiamo un cervello come gli ubriachi, e i tossici, vorremmo decidere come diventare giocatori patologici con le compagnie che più ci piacciono, e betfair.com è una di queste !
    Questo si che è un bel morire ! sicuri di andare in paradiso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente perchè nel betting, c'è un monopolio statale. Può piacerci o meno, ma c'è.

      Elimina
  4. Esattamente ! che hanno finito di comandare, dettare leggi e condizionare le vite degli scommettitori, sostenendo di offrire un gioco legale, quando legale non è, e di stanziare soldi ( rubati agli scommettitori ) per il controllo della ludopatia, quando bisognerebbe aumentare i PAY OUT e non avere profitti di margine fuori di ogni logica matematica ( 800% ) FOLLIA PURA !
    Il cammino per un lento ma inevitabile ridimenzionamento e soppressione di questa associazione antica che non guarda all EUROPA è iniziato.
    Il Popolo Italiano guarda con fiducia al prossimo 25 aprile.

    RispondiElimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange