Cerca una parola/argomento nel Blog

domenica 5 ottobre 2014

Un caos chiamato Betfair.it

Mercato vuoto Betfair

Oggi, a partire dalle 14 (più o meno) ci sono stati dei problemi con i server Sogei. Dunque, è stato impossibile fare trading sul match dello United di Van Gaal e numerosi problemi si sono riscontrati anche sugli altri match. Dove? Sia su Betfair, sia su Betflag. E qual è la novità? Nessuna. Ormai è una triste abitudine che si ripete quasi ogni mese. Scrivo questo post, perchè:

1) Oggi, con questi problemi, non voglio rischiare neanche 1€ nelle piattaforme Exchange.

2) Per l'enorme mole di messaggi che mi stanno arrivando riguardo la vicenda, sia su Twitter, sia su Facebook, sia via email.

Critiche a Sogei o Betfair?

Nonostante il problema sia stato causato da Sogei, la stragrande maggioranza delle persone sta continuando a criticare Betfair, aumentando il buzz negativo in rete. Mi pongo una semplice domanda: perchè accade questo? Se ci pensate, può apparire irrazionale: perchè prendersela con qualcuno che non c'entra? Ve lo spiego io.

L'organizzazione aziendale di Betfair

Betfair Italia, è organizzata in modo tale da separare nettamente la comunicazione dalle questioni "tecniche", come l'assistenza. Dunque, nel caso di problemi come quelli di oggi, il riferimento per gli utenti dovrebbe essere l'assistenza (via email o live chat). Invece cosa accade? Semplicemente, che nel 2014 gli utenti ritengano che sia più immediato interfacciarsi con la società, tramite social network, perchè così avviene con tante altre società di altri ambiti. I risultati? Gli utenti, ignari, si scagliano contro chi non c'entra nulla, come chi gestisce i profili social.
Signori: sono semplicemente dei dipendenti. Che non c'entrano nulla con i problemi di Sogei. Provano a spiegare, semplicemente, che per questi problemi occorre rivolgersi all'area dedicata, ovvero l'assistenza sul sito. E devo dire, che lo fanno sempre con grande educazione e disponibilità.

Betfair Italia, è strutturata male? Sì. 

Betfair Italia, a mio avviso, al momento non ha una struttura idonea per gestire un business milionario nel 2014. Credo proprio che facciano fatica a comprendere le dinamiche di comportamento di chi opera in rete, ovvero nel proprio ecosistema di riferimento. Oggi, per un'azienda è impensabile essere sui social network, separando l'area di comunicazione con quella di assistenza. Le 2 cose, devono fondersi e aiutare gli utenti in maniera più rapida e diretta. Se poi, si vogliono fare le cose fatte bene, è possibile creare un forum ufficiale (quanto può costare?), in modo tale che le risposte dell'assistenza siano pubbliche e che possano aiutare non più un utente per volta, ma 10-20-30 con una semplice risposta. Questo si chiama miglioramento della produttività. Peraltro, bisogna entrare nella logica che i problemi vanno anche prevenuti. All'assistenza, ci si rivolge se un problema è già stato riscontrato. Ma se un utente sta per entrare, senza saperlo, in un mercato con problemi, ha il diritto di saperlo prima sì o no?

Altri interrogativi... 

Qualche altro dubbio mi assilla. Ma Betfair Italia, un monitoraggio della reputazione online, lo ha? Se sì, come è possibile che non si rendano conto che sia rimasta solo la cenere della propria reputazione? Come è possibile che non si rendano conto, che la propria reputazione, peggiora anche quando non si è direttamente responsabili? Come è possibile avere un atteggiamento così passivo nei confronti della propria risorsa principale, costituita dai clienti? In società, ci sono persone che realmente conoscono le dinamiche dell'Exchange? Ci sono persone che conoscono i luoghi principali di ritrovo dei propri clienti? Ci sono persone che capiscono che ogni opinione detta in rete, influenza quella di chi legge il messaggio?

Domani è un nuovo giorno. Domani è lunedì. 

Io mi auguro che domani, facciano una riunione su ciò che è accaduto oggi. E che prendano una decisione che mostri quanto la società abbia a cuore le opinioni dei propri utenti. Che mostri la voglia di migliorare, di cambiare, di imboccare una nuova strada. Anche perchè, di domenica all'ora di pranzo, vorrei poter mangiare, non rispondere a decine di utenti indiavolati! :-D
Share:

55 commenti:

  1. Sempre fumo negli occhi su una società da sempre rispettata e benvoluta nel mondo. Ma di quale cenere parlate se hanno fatto affari con delinquenti made in Italy ?
    Ma di quale reputazione che peggiora parlate ? avere atteggiamento passivo nei confronti dei clienti ? I veri e fedeli clienti sanno dell incubo che stanno vivendo e aspetterannno il momento giusto per riabbracciarli.
    Pensate che non ci sono persone che realmente conoscono le dinamiche dell exchange, quando sono proprio loro che lo hanno inventato 15 anni fà?
    Una risposta a tutto questo ? togliete di mezzo le quattro pecore che gestiscono questa ciofeca nello scantinato di un ex laboratorio di scarpe e liberate dal ricatto e sequestro il .com.
    È CHIARO IL MESSAGGIO DI QUESTI CONTINUI DISGUIDI, NON VOGLIONO FARE BUSINESS CON DELINQUENTI AL GOVERNO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che esistano utenti più veri di altri, eh.

      Elimina
  2. il problema è di sogei non di betfair.
    quello successo oggi passera alla storia.
    di domenica con juve roma il sistema va in tilt e su bet365 molti abbiamos commesse nona ccettate e non presenti nell archivio ma con i soldi scalati dal conto.
    IMPRESSIONANTE!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È specificato all'inizio del post che il problema è di Sogei, non di Betfair. Ma è proprio questo il punto: anche quando non ha colpe, gli utenti si scagliano contro Betfair. C'è un problema grande nel gestire situazioni come queste all'interno della società.

      Elimina
  3. Veramente una schifezza totale!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non generalizzerei. Però sì, c'è molto da migliorare.

      Elimina
  4. Alla faccia della legalità, ditemi dove sono tutelati gli scommettitori quando succedono queste cose come oggi.Ho scommesso e non posso piu' escirne.Ma andate a .......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te. Ci vorrebbe maggior tutela per chi opera sui .it.

      Elimina
  5. Non c’è una cosa che venga fatta in questo Paese e che vada come deve andare, non c’è una cosa nella quale a rimetterci, alla fine non sia il consumatore. Come si fa a non prevedere un rimborso all’utente, in caso di problemi che non dipendono dall’utente stesso? Un passo alla volta usciranno tutti i compromessi ai quali si è dovuti sottostare per avere l’exchange in Italia e non saranno certo compromessi a favore degli scommettitori. Credo che gli utenti dovrebbero unirsi in gruppi per poi, in casi come questi, fare delle class-action che facciano passare la voglia a chiunque, se non sempre agli stessi, di intascare denaro in maniera che, in questo caso direi “illecita” e senza colpo ferire. Siamo in Europa e in Europa vi è un mercato libero, dovremmo poter acquistare un prodotto dove più ci piace e dove più conviene, scommesse comprese. Però qui sono tanti i soldini che girano e quando i soldini da incassare sono così tanti, allora i bei propositi non contano più. Ancora una volta, nostro malgrado e purtroppo a ragione, non possiamo che dire, siamo in Italia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema del gioco in Italia è il monopolio statale, che impedisce di liberalizzare l'intero sistema.

      Elimina
  6. Incredibile mi ha chiamato un amico x scommettergli juve/roma x/1 che non compare nell'archivio di bet365 ma mi hanno scalato i soldi e non sono in grado di dirgli se la scommessa è valida o no.
    Vincerebbe 300 euro....
    NON SOLO NON CI TUTELANO MA SIAMO NOI CHE DOBBIAMO TUTELARCI DALL'AAMS.
    Senza parlare del danno che hanno avuto i bookmakers in questa giornata....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a contattare in chat Bet365 per chiedere spiegazioni.

      Elimina
  7. finchè ci saranno delle pecore che giocano sui .it fanno bene quelli di aams a tosarle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, un po' di rispetto per milioni di persone però, su. Ognuno, è libero di giocare dove vuole.

      Elimina
    2. Prendi pure per i fondelli.... "ognuno DOVREBBE essere libero di giocare dove vuole" semmai.... e rispetto per chi lo impedisce non c'e'

      Elimina
    3. Anche rispetto e silenzio per altri centinaia di migliaia che stanno meditando il suicidio a causa del gioco scorretto e truffaldino Italiano.

      Elimina
    4. A me sembra un po' esagerato mettere in correlazione suicidi e gioco.

      Elimina
    5. Questo è bel un slogan per le famiglie che piangono i loro cari a causa del gioco maledetto Italiano targato ( AAMS ). Peccato che non leggeranno mai quanto hai affermato.

      Elimina
    6. Non è che sia colpa di AAMS pure se uno si indebita fino al collo eh fino ad arrivare ad un gesto così estremo eh.

      Elimina
    7. E va bene per le scommesse 8%, ma i guadagni del LOTTO che partono dal 50% al 732% sono vergognosi.
      Negli schermi delle tabaccherie ormai ci sono milioni di giovani e anziani diventati Zombie in attesa di resuscitare, credi che con la sola scritta gioca responsabilmente è sufficiente ?
      Come nelle sigarette ( il fumo fa male ecc.. ) dovrebbero scrivere, ricordati che per restituirti 100 euro, mi devi consegnare ( collettivamente ) 732 euro, il tuo Governo.

      Elimina
    8. Le persone sono libere di non giocare.

      Elimina
  8. concordo con chi mi ha peceduto, con tutti i books che esistono al mondo continuare a giocare e farsi fregare da aams è degno del marchese de sade

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono anche i bookies .com che non hanno più interesse ad accettare gli italiani. Stiamo preparando un bel post in proposito...

      Elimina
    2. Abbiamo esportato la mafia a new york, vuoi che si fermano al confine ? con le buone o con le cattive ci facciamo rispettare sempre ! capito mi hai ?

      Elimina
    3. A parer mio, non in tutti i casi c'entra l'Italia. C'entra, invece, la voglia di fare business di diversi bookies in questo Paese.

      Elimina
    4. E allora ? che ben vengano ! è quello che vogliono milioni di scommettitori ! non la scritta o slogan aams : gioco responsabile, o convegni su come proteggere gli scommettitori, ci difendiamo da soli APRITE LE FRONTIERE E DIDATECI BETFAIR.COM

      La guerra è iniziata e qualcuno diceva che è invisibile....

      Elimina
    5. La scritta e gli slogan AAMS resteranno finchè ci sarà il monopolio statale sul gioco. Questa è la realtà.

      Elimina
  9. Sono le 00.38 e nessuno si è preso la briga di spiegare cosa sia successo oggi a AAMS che dalle ore 14.00 di oggi ha bloccato tutti i bookmakers.Sono passate 10 ore e nessun comunicato.Bravi i dirigenti, sono veramente professionali e capaci.Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te. Nel 2014, questa mancanza di comunicazione credo sia assurda.

      Elimina
  10. l Europa ha fatto il suo corso ! Sè presentata negli uffici AAMS ed è stata commissariata !

    Troppi criminali responsabili di morte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aridaje con sta morte. Stiamo parlando del blocco Sogei e di Betfair. Non mettere in mezzo temi che non c'entrano nulla, peraltro così drammatici.

      Elimina
  11. Che rabbia non è la prima volta che ci rimetto dei soldi! Dove sono le tutele? Chi rimborsa ? Nessuno? Allora cosa ci stanno a fare sogei e aams? Solo x pagare fior di stipendi alla faccia nostra........sono molto i......o nn vedo un futuro per l'exchange.it. Scusate lo sfogo. Andrea71

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono d'accordo con te. C'è bisogno di tutelare chi investe i propri soldi sui .it e AAMS dovrebbe servire proprio a questo.

      Elimina
  12. betfair,it e solo un paravento
    Al punto com non interessa minimamente cosa succede qui in italia
    e quindi ci troviamo un sito classico italiano con tutte le sue problematiche e ristrettezze !!!
    E sara sempre cosi anche fra 1 2 3anni ect
    Chi puo continui sul .com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sbagli. In ogni relazione economica di Betfair, c'è il riferimento all'Italia e agli investimenti fatti. In questo post, le parole di Corcoran (Ceo dell'azienda): http://www.bettingtraderblog.com/2014/09/record-di-ricavi-trimestrali-per-betfair.html

      Elimina
  13. Esattamente cosa afferma tony schillaci, Bravo !

    RispondiElimina
  14. Anche io ieri ho riscontrato i problemi avuti da tutti coloro che hanno tentato di scommettere sugli eventi del ricco palinsesto domenicale: su Betfair.it una scomessa piazzata e che sarebbe stata vincente è stata dichiarata nulla in quanto mancante dell'identificativo AAMS, mentre su Sisal.it non mi è stato proprio possibile scommettere (ma lì avrei perso, perché avrei scommesso sull'X2 della Roma senza fare i conti con l'arbitro).
    Premesso che un malfunzionamento è sempre possibile, sebbene non capisca perchè ne capitino così spesso e come mai sui siti cosiddetti "illegali" queste cose non capitino mai o comunque con molta minore frequenza, trovo davvero scandaloso avere appreso la ragione di tutto ciò solamente questa mattina dalla peraltro gentilissima operatrice della chat di Betfair.it a cui mi sono rivolto.
    Spiace doverlo sottolineare, ma la gestione delle scommesse in Italia sembra veramente affidata a dei dilettanti allo sbaraglio, con il rischio di gettare discredito su operatori che non hanno quasi mai una diretta responsabilità, ma che subiscono anch'essi un danno notevole sia economico che d'immagine, sebbene siano, questo sì, complici di mancata informazione.
    Ringrazio di cuore in questa sede i responsabili di questo sito che mantiene un'ammirevole obiettività nei confronti del mondo delle scommesse in salsa italiana, sottolineandone con innegabile oggettività i lati positivi, ma senza tacere le peraltro evidenti ed incredibili magagne, come invece sono soliti fare altri siti che si vantano di essere punti di riferimento per il settore.
    Roberto da Modena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberto. E per noi, è un piacere avere lettori così equilibrati intellettualmente come te. :-)

      Elimina
    2. Quanti giri di parole, quante moine, quante sviolinate quante quante e quante !
      Premesso che tutti vi siamo grati per lo spazio concesso, i nostri coloriti commenti non sono a voi diretti, ma una cosa è certa, chiunque voglia portare avanti questo inutile progetto in primis ( betfair.it ) è destinato a fallire ! e piu tempo passa, piu danni al sistema economico provoca.
      Parola di scienziati !

      Elimina
    3. Nessun giro di parole, nessuna moina e nessuna sviolinata, ma semplicemente il tentativo di esporre le mie personali considerazioni in modo pacato, facendo un ragionamento a mente fredda e cercando di attribuire correttamente le responsabilità, se ve ne sono.
      Io non sono uno scienziato e non pretendo di esserlo o di apparire come tale, ma sono semplicemente un appassionato di lunga data di scommesse e affini e cerco di rispettare le opinioni di tutti e di comprendere anche le esigenze di regolamentazione di un mercato ricco e che fa gola a molti come quello delle scommesse sportive e del gioco online.
      Che in Italia viga un regime di monopolio del settore è un fatto, che lo stesso sia stato creato e mantenuto per ragioni puramente fiscali anche in violazione di norme comunitarie che in altri settori regolano la libera concorrenza tra operatori di diversa nazionalità probabilmente è un altro fatto, che gli scommettitori italiani siano per questo penalizzati con una riduzione dell'offerta, quote spesso meno appetibili e vincoli ridicoli ed anacronistici pure, ma, volenti o nolenti, viviamo in uno stato di diritto, così stanno le cose e non resta che prenderne atto.
      Quello che è e resta inaccettabile è la qualità del servizio offerto dal controllore che, per sue esclusive responsabilità, ha già dato ampiamente e ripetutamente prova di non essere in grado di fornire un servizio appena decente e che dia quelle garanzie necessarie forse non tanto agli scommettitori occasionali, ma soprattutto a chi del gioco fa una vera e propria professione.
      In questo senso concordo con chi sostiene che, se non ci sarà un evidente e netto miglioramento del servizio offerto, il betting exchange avrà enormi difficoltà ad affermarsi in salsa italiana.
      Di nuovo grazie di cuore per lo spazio offerto ed un saluto a tutti.
      Roberto da Modena

      Elimina
    4. Noi siamo solidali e a favore dei ced e ctd, e siccome il nome del blog è chiaro ( parlare di exchange, e possiamo capire che è tutto un unico interesse nel grande pentolone ) non vorremmo allargare troppo il raggio di azione, la nostra e unica lotta è per in ritorno di betfair.com, ma comprendiamo come dite voi gli enormi interessi e del magna magna degli attori principali.
      Quello che dici è verità ! sono leggi norme e disciplina di un sistema ben organizzato, e nulla possiamo fare noi comuni mortali.
      Siamo arrogantemente e spudoratamente senza modestia gli scienziati, perchè da sei mesi abbiamo provato un confronto con i veri scienziati ( ossia professori ) che non hanno avuto il coraggio di affrontare le cose a viso aperto e nascondendo tutta la verita mistificandola attraverso comunicati stampa fasulli, e insabbiando ogni argomento che poteva essere interessante e costruttivo per tutti, per non dimenticare l arrogante iniziativa di intraprendere questa strada senza nemmeno chiedere parere agli stessi scommettitori, direte, ma chi cavolo siamo per pretendere questo ? siamo nesssuno !
      Ma dal 7 aprrile cè qualcuno che difende anche gli interessi degli scommettitori Italiani, e sempre democraticamente vedremo se saranno capaci di far sentire la loro voce.
      Modestamente e ironicamente Gli Scienziati.

      Elimina
    5. Tony, ma parla al singolare. Continui a ripetere "noi" "noi" "noi". Le tue parole, rispecchiano il TUO punto di vista, non quello degli altri.

      Elimina
    6. Chi scrive è davide, Tony è impegnato con il primo sistemone che rivoluzionerà il mondo delle scommesse in Italia.
      Aveva detto che piloterà 100 milioni di giocate su tutto il territorio e farli restituire con gli interesssi ai legittimi scommettitori ? sta lavorando per questo !
      Tempo a tempo, siamo online solo da 6 mesi, e per rimanere sui messaggi stupidi di qualche vostro collega divulgatore della verità sull exchange, che spesso mette in mostra quell articolo che parla di falsi venditori di sistemi, pronostici ecc.... possiamo dire che in parte ha ragione, ma a NOI non ci tocca, perchè siamo professionisti della sistemistica, e sappiamo quanto e impossibile vincere in Italia. Non cambieremo mai il blog, casomai i Potenti faranno di tutto per chiuderci, ma non molleremo.
      Nonostante nominate spesso i professionisti delle scommesse, possiamo affermare che in Italia non esistono, per i motivi che conosciamo.
      Permetteteci di presentare il primo di una lunga serie di sistemi a correzione d errore, cosa vuol dire ? che se sei un bravo pronosticatore con i nostri sistemi diventi milionario, altrimenti è meglio dedicarsi alla pesca.
      A proposito.... non siamo pronti per entrare in un gioco ( betfair.it ) che inganna gli scommettitori.
      Davide, Gli Scienziati.
      https://www.youtube.com/watch?v=3CrgpYQZsE0

      Elimina
  15. Caro Roberto sottoscrivo la tua garbata considerazione. Condivido il fatto che sui .com di problemi ce ne siano meno. Il fatto che mi fa irritare è che è proprio sui com.com che dovrebbe esserci una giungla mentre qui in Italia con i vari controllori tutto dovrebbe filare liscio e cmq l'utente non dovrebbe rimanere intrappolato in simili situazioni. Per quanto riguarda certi siti che tutti conosciamo meglio stendere un velo pietoso. Andrea71

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ritornando sul tema dei problemi inferiori a livello quantitativo sui .com. C'è una questione strutturale da dover sottolineare: lì, non c'è il controllo centralizzato di SOGEI come avviene in Italia. Per questo, lì i problemi derivano solo dai singoli operatori.

      Elimina
    2. La questione strutturale alla base dei problemi tecnici che già più volte si sono ripetuti in Italia è senza dubbio da sottolineare, ma, senza polemica alcuna, sia chiaro, andrebbe anche detto anche che chi si arroga il diritto di essere arbitro e manifesta la pretesa di controllare tutto il gioco millantando ragioni etiche e tacciando come "illegale" tutto quello che non passa sotto il suo marchio, quando invece le motivazioni sono puramente economico/fiscali, dovrebbe quanto meno dotarsi di una struttura tale per cui non sia la struttura stessa a causare il blocco del gioco.
      Sarebbe un po' come se i vigili urbani per controllare patente e libretto di tutti quelli che passano su una strada trafficata bloccassero tutto il traffico per un giorno intero: il fine giustifica i mezzi, ma per perseguire un fine ci si deve dotare dei mezzi adeguati.
      Sempre grazie di cuore per lo spazio e per la possibilità di confronto.
      Roberto da Modena

      Elimina
    3. Roberto, sono assolutamente d'accordo con te.

      Elimina
  16. non perdete più tempo affidatevi ai professionisti

    https://www.youtube.com/watch?v=8wfORjx_nyY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà stato linkato 30 volte questo video. Lo abbiamo condiviso anche sulla fanpage, lo conoscono tutti ormai :-D

      Elimina
  17. Ma si rischia di aver il conto congelato su siti tipo betfair.it solo perchè si era clienti di betfair.com? Sottolineo che ho la fedina penale pulita...

    RispondiElimina
  18. scusa te ma il 04 novembre 2014 si è ripresentato lo stesso problema, betfair ha avuto problemi con il sito e non è stato possibile scommettere. però chi aveva gia scommesso su exchange non ha potuto riprendersi i soldi in tempo data l'interruzione. ho scritto all'assistenza chiedendo il rimborso e mi hanno risposto:
    Grazie per averci contattato.
    Siamo spiacenti per quanto accaduto e non e` nostro interesse affinché ciò si verifichi.
    Ad ogni modo ti riportiamo quanto segue:
    Limitazione di responsabilità
    Fermo restando quanto disposto nel contratto di gioco, nel par. 5.13, non possiamo essere ritenuti responsabili di perdite, danni, malfunzionamenti o errori causati da interruzioni del sistema o da una trasmissione dati difettosa, ritardata, interrotta, manipolata o impropria o per cause di forza maggiore.
    Non ci assumiamo responsabilità riguardo all'esattezza, completezza e attualità dei servizi di informazione. Non siamo responsabili di danni di alcun tipo derivanti da un uso improprio o illecito. L'utente è consapevole che utilizzando i nostri servizi può perdere denaro per le scommesse piazzate e accettate e si dichiara pienamente responsabile per qualsiasi perdita.

    mi domando, è possibile non potergli fare causa? qualcuno si è informato?

    RispondiElimina
  19. scusa te ma il 04 novembre 2014 si è ripresentato lo stesso problema, betfair ha avuto problemi con il sito e non è stato possibile scommettere. però chi aveva gia scommesso su exchange non ha potuto riprendersi i soldi in tempo data l'interruzione. ho scritto all'assistenza chiedendo il rimborso e mi hanno risposto:
    Grazie per averci contattato.
    Siamo spiacenti per quanto accaduto e non e` nostro interesse affinché ciò si verifichi.
    Ad ogni modo ti riportiamo quanto segue:
    Limitazione di responsabilità
    Fermo restando quanto disposto nel contratto di gioco, nel par. 5.13, non possiamo essere ritenuti responsabili di perdite, danni, malfunzionamenti o errori causati da interruzioni del sistema o da una trasmissione dati difettosa, ritardata, interrotta, manipolata o impropria o per cause di forza maggiore.
    Non ci assumiamo responsabilità riguardo all'esattezza, completezza e attualità dei servizi di informazione. Non siamo responsabili di danni di alcun tipo derivanti da un uso improprio o illecito. L'utente è consapevole che utilizzando i nostri servizi può perdere denaro per le scommesse piazzate e accettate e si dichiara pienamente responsabile per qualsiasi perdita.

    mi domando, è possibile non potergli fare causa? qualcuno si è informato?

    RispondiElimina
  20. Ti devi attaccare al Tram e seguire le regole della dittatura nostrana in fatto di giochi,che questo vogliono dire : METTI SORRIDI E PERDI COME UN DISGRAZIATO, MALATO PATOLOGICO ! e se manifesti il tuo malessere, stanziamo 50 milioni di mazzette per dare a campà agli psicoterapeuti ( che li pagano i tuoi colleghi malati del LOTTO ).
    Non preoccuparti è meglio morire di LOTTO che di altre malattie procuate da altri CRIMINALI del pianeta.

    RispondiElimina
  21. altri problemi sul sito betfair.it
    Quelli che lo sapevano fare betfair.com però è bloccato dall'italia. E noi ci dobbiamo accontentare di Paperoga e Paperino che gestiscono un business di milioni. L'italia è anni luce indietro però per tassare e bloccare siamo talmente avanti che abbiamo fatto il giro.

    RispondiElimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange