Cerca una parola/argomento nel Blog

giovedì 9 aprile 2015

Betting Exchange cross changing






E' uscito un interessante articolo oggi sul portale del gioco in Italia gioconews.it che affronta il tema del Betting Exchange riportando le considerazioni di un esponente di Sogei e di Betfair che fanno intravedere un possibile cambiamento ed accelerazione nello sviluppo del prodotto.

In particolare Carla Ramella responsabile Sogei ha dichiarato che le novità del 2015 saranno incentrate sul Betting Exchange e in particolare sarà lanciata la modalità cross changing cioè la possibilità di accettare le puntate e bancate provenienti da diversi concessionari. 
Il cross changing nel betting exchange potrebbe portare alla creazione di un unica Borsa delle Scommesse italiane, raccogliendo di fatto la liquidità di tutti gli operatori e incrementando quindi i volumi e gli scambi. 
Non si è specificato se saranno convogliate tutte le scommesse su un unica piattaforma, o saranno i vari concessionari a decidere tra di loro se unire la liquidità. Comunuqe sia ci sarà un cambiamento migliorativo della liqudiità anche perchè entranno altri operatori in questo segmento con un bookmaker di primo piano.
Aspettiamo quindi con impazienza di sapere le modalità del cross changing e sopratutto gli svuluppi futuri.
E' stato riportata anche la dichiarazione del Commercial & Product Manager Guido Marsilietti di Betfair Italia ha asserito che a marzo 2015 i volumi sull'exchange sono stati di circa 47 milioni di euro.
Marsiletti ha però sottolineato che i limit del betting exchange in Italia sono l'assenza di liquidità condivisa con gli altri Paesi e la mancanza dell'ippica che è il motore trainante dell'exhcnage di Betfair nel Regno Unito.
Ci auguriamo che nel 2015 il Betting Exchange possa crescere e siano introdotte alcune novità.
Share:

14 commenti:

  1. Ehhhh.... applausone al gestore..

    L'ideona della cancellazione dei post e' grandiosa!! Hai fatto qualche esame all'universita' per imparare questo sistema?

    Se possibile darmi informazioni.. sono qui che attendo.

    RispondiElimina
  2. senti Anonimo, questo è un blog di approfondimento al betting exchange e al betting in generale che deve portare un contributo ai lettori e al sistema betitng in generale. Per questo motivo abbiamo deciso che tutti commenti, insulti senza senso, e affermazioni denigratorie delle persone "tipo quello che c'era prima...." o all'AAMS o a Betfair etc saranno cancellate. Qui si deve portare un contributo per fare crescere il movimento in Italia. Se non ti sta bene se sei lo stesso del sistema vincente sull'ippica, vai a fare quello e lascia stare gli altri. Se sei il tipo di prima e sei adesso in UK a fare l'ippica metti la tua premium charge sotto cosi possiamo vedere. Da adesso in poi tutti i commenti al di fuori di un contributo serio ai lettori saranno cancellati. Se non ti sta bene vai da un altra parte oppure che è megli concentrati di più sul tuo trading sui cavalli cosi guadagnerai di più

    RispondiElimina
  3. Un serio contributo e' anche spiegare quello che davvero sta accadendo.
    Se voglio comprare un oggetto su ebay da un tedesco il sito non mi dice, no, se non c'e' in italia non lo puoi comprare.
    Un serio contributo e' anche quello di essere sinceri e trasparenti con gli utenti. Utenti.. non clienti. Perche' il sito betfair ha degli utenti che utilizzano il servizio di brokeraggio di quote sportive. L'aggio sulle quote non e' lo stesso del sito internazionale, come mai? Offriamo un contributo serio, spieghiamo come mai c'e' un aggio che spetta alle agenzie normali e non a un sito exchange.
    Insomma, mio caro gestore del sito, inutile che credi di insultarmi dicendo, torna al tuo metodo ( non sistema) dei cavalli per farmi sembrare il folle di turno. Ti prego non insultare la mia intelligenza cosi' perche' vorrei farti notare che il gestore del sito di prima era anch'egli entusiasta di quello che faceva, forse pero' non ha ricevuto il dovuto e questa di non mantenere le promesse e' una caratteristica alquanto italiana.
    Comunque voglio porre qualche domanda per offrire un contributo serio alla crescita dell'exchange italiano:
    Perche' c'e' aggio sulle quote?
    Perche' si porta avanti l'illusoria opzione di includere le corse ippiche quando basterebbe risolvere il problema semplicemente offrendo le corse ippiche?
    Come fai a formare quota se poi non ci sara' liquidita sulle corse ippiche?
    Perche' il governo italiano non si prende la sua piu' che giusta quota di tasse dagli utenti italiani che entrano sul .com e chiudono questo esperimento negativo che continuano a portare avanti?

    Io parlo della sezione exchange, che poi si voglia bastonare il cliente che mette mano ai giochini slot virtuali.. ahhh.. per me li potete anche svaligiare.. quelli sono muli da soma e basta anche per me.

    Grazie.

    Gennaro

    P.S. non chiamarmi anonimo please, io ogni volta inserisco sempre il mio nome. non essere scortese che non mi conosci e sono una persona delicata e gentile.

    RispondiElimina
  4. bravo Gennaro scortese e anche antipatico

    RispondiElimina
  5. Ciao Anonimo, sono Gennaro.

    La questione che la propaganda betting exchange non capisce e' che proponendo un prodotto scadente e un'assistenza ancora piu' scadente non attireranno mai il trader che investe i veri soldi, per non parlare poi del market maker che ci deve mettere ancora piu' grano a giro.
    Io italiano perche' dovrei preferire essere clandestino? Vorrei operare senza alcun problema con il mio bel conto skrill collegato al sito italiano o sito che mi permette una connessione normale dal mio amato paese. E invece no.. ho posto delle domande ma noto che ancora non e' arrivata alcuna risposta.
    Mi volete convincere con delle risposte valide ad iscrivermi a betfair.it? Io voglio iscrivermi e voglio poter guadagnare con i miei metodi di investimento senza sentirtmi un italiano in esilio. Volete convincere un ex cliente .com ad aprirmi un conto presso di voi?
    O forse quelli come me che hanno un proprio pensiero presso di voi non sono accettati?

    Aspetto risposte caro moderatore...

    Gennaro
    pierrogennaro@outlook.com

    RispondiElimina
  6. L'ultimo messaggio di "anonimo" porge il problema in maniera seria e da un contributo alla discussione e quindi sono ben accetti commenti di questa natura. Cerchiamo di ripondere alle tue domande in base alla nostra conoscenza riteniamo approfondita del betting exchange.
    1) l'aggio delle quote è dovuto essenzialmente alla scarsa liquidità presente nel book e crea lo spread e di conseguenza l'overround si allontana dal 100% che rappresenta la situazione "ideale" senza aggio. Più aumenta la liqudità e più l'aggio sarà limitato.
    2) e 3) l'ippica è voluta sia da Betfair che da Betflag ma il problema è complesso in quanto l'ippica italiana è morta e anche se ci fosse quella, la liquidità sarebbe modesta. L'unico modo di avere la liqudità e l'assenza dell'aggio sarebbe avere quella inglese. Anche se avessimo l'ippica inglese senza la liqudità del .com non avremmo ottenuto nulla. Quindi ci vuole ippica inglese con liquidità .com
    4) Il betting exchange con liqudità internazionale era presente nella prima versione del decreto Abruzzo che regolamentava il betting exchange in Italia. Nella versione ufficiale è sparita in quanto si vede che le pressioni per non averla sono state maggiori... E' chiaro che in Italia il betting exchange non è voluto dai bookmaker principali in quanto lo vedono come un amico e quindi meglio farlo partire in questo modo... La liquidità internazionale arriverà è solo questione di tempo e per questo motivo è importante che qualche operatore importante entri nel betting exchange per cambiare gli schemi. Sappiamo che un big sta per entrare e quindi aspettiamo l'evolversi della situazione...
    E' chiaro che la situazione migliore sarebbe stata quella del portafoglio "italiano" cosi come c'è quello australiano e per tutti i mercati giocati in Italia, Betfair avrebbe potuto riscuotere le tasse per lo Stato Italiano e aver quindi un entrata elevata e noi aver avuto un prodotto ottimo...ma i bookmaker sarebbero stati contenti? qui sta il problema....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di conseguenza si fa credere di offrire un exchange, quando exchange non è, ma è essenzialmente un contenitore di denaro a disposizione dei bookies che ne fanno uso per i loro interessi.
      Ancora, ma cosa vuol dire entrata di operatore importante ? cosa può fare ?
      Le contraddizioni: se è vero che nessun bookie vuole il betting exchange perchè rivale, come potrebbero essere interessati a diffonderlo in Italia se prima o poi arriverà la liquidità internazionale ? o forse siete convinti che sia sufficiente la sola liquidità condivisa Italiana per far tutti felici e contenti, dimenticando del reale mondo delle scommesse che fuori dai confini va a velocità supersonioca ?

      Pierino

      Elimina
  7. Come funziona la liquidità condivisa ? si può spiegare meglio tecnicamente ? perchè pare che dei 3 già .it sembra funzionano insieme, ( giochi24, betflag, betpoint ) mentre betfair è indipendente.
    come si spiega ?

    RispondiElimina
  8. per il momento la liquidità è condivisa solamente tra le singole piattaforme: I 3 citati non hanno una piattaforma indipendente ma usano la stessa che è quella di active games e quindi hanno la stessa liquidità. Betfair invece ha la sua piattaform e quindi la sua liquidità indipendente.
    Abbiamo scritto che una rappresentante di sogei parlava di cross changing e quindi di unione di andare a scambiare ordini tra i vari operatori. Non ci resta che capire se ci sarà una Borsa unica italiana, oppure gli operatori potranno unire tra di loro le loro liquidità solo se lo vorranno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è chi sono gli attori della piattaforma active games????????? betflag con i suoi proprietari arrestati a suo tempo e del relativo processo di cui non si sà nulla?, e di giochi24 e betpoint operatori praticamente sconosciuti?. Da cliente betflag in una situazione simile, non mi fido ad avere più di 100/200€ sul conto gioco

      Elimina
  9. Ciao Gestore del sito,

    sono sempre Gennaro e continuo a non capire il motivo per il quale mi chiami anonimo.

    Le risposte che hai dato in pratica non collimano con la realta'. A parita' di liquidita' ( paragono il .it a siti quali smarkets o matchbook) l'aggio e' in ogni caso superiore e quindi lampante e' la ragione per il quale lo stesso ci sia.

    Per quanto riguarda l'ippica, parlavo di quella uk. Se non c'e' la possibilita' di inserirla ( e anche questa ragione e' tanto semplice quanto impossibile raggiungerla) perche' viene prospettata? La tecnica dei venditori dei purificatori di acqua porta a porta e' la stessa. Noi intando vendiamo... poi si vede.

    Liquidita'? Ma se la liquidita' non e' importante.. prima lo e' e poi non lo e'.. ecco l'asso. dov'e' l'asso.. eccolo eccolo. Ecco la ragione per la quale Tony Schillaci dice sempre cosi'. Perche' fate questo? Perche' prima e' importante la liquidita' e bisogna metterla insieme mentre poi non lo e' per scommettere?

    Signori, io sono nessuno per poter dare consigli, ma si capisce da lontano che impostata cosi' com'e' non serve a nulla. Ripeto che quegli sciocchi che bruciano soldi ai virtual e alle slot hanno l'obbligo di assaggiare la vostra frusta... pero' i trader e i metodisti no.. dai.. e' proprio un peccato.

    Gennaro
    pierrogennaro@outlook.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gennaro, persa che il Robin Hood ( che ruba ai poveri ) si vantava di un mercato ( giocato online ) di 800 milioni che può generare una dozzina di milioni per l' erario, che rappresenta soltanto lì 1% degli 80 miliardi che ogni anno ignari cittadini raccolgono e danno in beneficienza alle ricche compagnie del gioco.
      E betfair rispecchia l 1% ( e spesso il 5X1000 ) del . com
      Considerando l' entrata di ogni compagnia che può operare da sola ( e quindi aumentare la dispersione di liquidità ) cosa può venire fuori ?
      Pierino il suddita !

      Elimina
  10. Puoi spiegare meglio ? cosa è un screen shot dimostrativo ? conoscevo betflag operativo da aprile 2104, adesso dici che è quella di active games, immagino che se gioco in una compagnia non posso riscuotere le vincite da un' altra, ( vedere le abbinate muoversi simultaneamente è davvero pittoresco ) come si spiega questa illusione ottica ( non sarà un gioco delle 3 carte ) ?
    Questi Cross Changing si uniranno a betfair.it ?
    Perdonami sono un ignorante e curioso Suddita che vuole capire, Grazie !
    Pierino

    RispondiElimina
  11. 47 mln raccolti a marzo significa che l'exchange non solo non cresce ma è addirittura in contrazione.
    I conti aperti sono la miseria di 3000 e considerando che quasi tutti hanno aperto sia su betfair che su betflag, possiamo dire che in italia giocano sull'exchange appena 2 mila clienti (e mi tengo largo)
    Il fallimento di quella che era annunciata come la rivoluzione delle scommesse è oggi confermata anche dal presidente di Sogei, dott. Cannarsa.
    Daniele

    RispondiElimina

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Libro Betting Exchange