Entra anche tu nella rivoluzione del Betting Exchange

Se non hai ancora aperto un conto fallo subito, e segui il nostro blog per imparare ad operare nel Betting Exchange sia da scommettitore evoluto che da Sport Trader - BettingTraderBlog.com.

lunedì 31 dicembre 2012

Buon 2013!


              Ci ritroviamo nel 2013. Che sia, finalmente, l'anno buono?
 
Share:

domenica 30 dicembre 2012

Calcioscommesse: e venne il momento del "Totonero bis".



In un precedente post, abbiamo parlato della prima inchiesta sul calcio scommesse in Italia: il “caso Totonero”. Oggi affrontiamo una sorta di evoluzione dell’inchiesta del Totonero, passata alla storia col nome di Totonero Bis.
L’inchiesta partì il 2 maggio 1986, quando si costituì e venne arrestato il braccio destro di Italo Allodi, Armando Carbone, il quale confessò l'esistenza di un giro di scommesse riguardanti alcune partite di calcio nei campionati dalla Serie A fino alla Serie C2.
Il presidente della LR Vicenza, Dario Maraschin, confessò di aver versato 120 milioni per comprare la partita contro l'Asti e lo spareggio contro il Piacenza nel Campionato di 1984-1985, ma sostenne di non aver truccato nessun incontro del campionato successivo, nonostante vi fossero alcune intercettazioni telefoniche che dimostrarono il contrario.
Al termine dell’inchiesta, e dopo due gradi di giudizio, furono emesse sentenze molto pesanti: l’Udinese partecipò alla serie A con 9 punti di penalizzazione; il Vicenza, che era stato promosso in serie A, fu retrocesso di nuovo in serie B; la Lazio, che in primo grado fu retrocessa in C1, in appello fu condannata a 9 punti di penalizzazione nel campionato di serie B.
Per quanto concerne i dirigenti e i tesserati, il general manager dell’Udinese, Tito Corsi, viene squalificato per 5 anni con proposta di radiazione; 5 anni anche per il presidente del Perugia, Spartaco Ghini, e 4 anni per il presidente del Vicenza, Dario Maraschin; il famoso allenatore Renzo Ulivieri fu squalificato per 3 anni; i calciatori Cerilli, Lorini, Rossi, Vinazzani furono squalificati per 5 anni con proposta di radiazione.
Dopo questo scandalo, si pensava di aver definitivamente debellato la piaga del calcio scommesse dal “mondo del pallone”: gli ultimi accadimenti, purtroppo, hanno dimostrato il contrario.

Share:

sabato 29 dicembre 2012

Betfair partner dell'Aussie Millions 2013!



Gennaio è da sempre uno dei mesi più importanti per il poker, visto il grande numero di tornei che si disputano in questo mese. Uno dei più importanti è sicuramente l’Aussie Millions che vedrà come suo partner il leader mondiale del betting exchange: Betfair!
Questa partnership garantirà a Betfair un notevole ritorno in termini di visibilità visto il grande risalto mediatico dato all’evento. Il Chef Executive Officer di Crown si è detto entusiasta dell’accordo e ha ribadito, per chi non lo sapesse, le caratteristiche principali del betting exchange e la relativa posizione di Betfair nell’ambito proprio dello scambio scommesse.
Share:

venerdì 28 dicembre 2012

Decreto Balduzzi: dal primo gennaio si cambia.



Dal primo gennaio tutti i siti di gioco dovranno rispettare le prescrizioni contenute nel decreto Balduzzi (convertito in legge 8 novembre 2012, n. 189).
In particolare, all’articolo 7 del suddetto decreto, per prevenire i fenomeni di ludopatia e accesso al gioco dei soggetti “vulnerabili”, stabilisce come deve essere svolta l’attività di comunicazione in materia di gioco in Italia.
E’ vietato:
-Rilasciare messaggi pubblicitari  relativi ai giochi con vincita in denaro in trasmissioni destinate ai minori;
-Fare pubblicità sulla stampa rivolta ai minori;
-Trasmettere qualsiasi messaggio pubblicitario che inciti al gioco, con presenza di minori, che non  abbia formule di avvertimento di dipendenza e sulla probabilità di vincita.
Gli avvertimenti di gioco patologico, il divieto di gioco ai minori e le probabilità di vincita devono essere inseriti anche nei tagliandi  di gioco.

Lo staff di Betting Trader fin dalla nascita sostiene e diffonde il gioco in maniera legale e pulito. Non vogliamo giocatori dipendenti, ma consapevoli.

Share:

giovedì 27 dicembre 2012

Stellini:”Parlato con Carobbio? Non per combinare la partita!”



Cristian Stellini, ex collaboratore tecnico della Juventus, è tornato a parlare dello scandalo scommesse che ha travolto il calcio italiano. Lo ha fatto attraverso la Gazzetta dello Sport. Queste le parole rilasciate:”Con Conte c’era una profonda stima professionale. Gli ho mandato 2-3 sms dopo le più belle vittorie in stagione. Ha apprezzato”. Ha poi continuato, dicendo:”Parlato con Carobbio? Non per combinare la gara. Dopo la sfida di andata c’era stata una rissa. Avevo usato parole sbagliate e non volevo che il ritorno fosse una caccia all’uomo. A Carobbio avevo chiesto di spiegare questo aggli ex compagni. Non c’era nessuna intenzione di illecito. C’è un video di Sky che lo dimostra. Alla fine della partita mi si vede mentre discuto con Carobbio. Ero andato a chiedergli conto del suo comportamento: perdevamo 1-0 e lui batteva le punizioni all’indietro. Poco prima dell’audizione ho spiegato a Conte cosa era accaduto. Non l’ha presa benissimo...”
Share:

martedì 25 dicembre 2012

Buon 25 da Betting Trader!


Auguri! Per gli amanti del Natale e per chi...crede che oggi sia semplicemente la vigilia del Boxing Day.
Share:

lunedì 24 dicembre 2012

Caro Babbo Natale...



Caro Babbo Natale,
sono Betting Trader, sono piccino, ho quasi 5 mesi e sono qui pronto a scriverti la mia prima letterina.
Vorrei tanto che il betting exchange fosse finalmente introdotto il prima possibile in Italia, possibilmente entro i primi mesi del nuovo anno, così come ipotizzato da illustre persone e autorevoli siti.
Babbo Natale vorrei che fosse applicata una tassazione adeguata, che renda competitive le piattaforme .it rispetto alle .com.
Vorrei un mondo sportivo pulito, dove non ci siano corruzione e malaffare in grado di  penalizzare le persone oneste, che credono nei bei valori dello sport.
Mi piacerebbe, infine, che ci fosse maggiore apertura tra gli operatori di gioco per diffondere notizie riguardanti questo nuovo prodotto di gioco, al fine di aumentare il “chiacchierare” intorno allo scambio scommesse, indispensabile per un buon lancio di questa nuova modalità.
Ecco tutto! Non mi sembra di averti chiesto tanto.
Mi renderai il bambino più felice di questo mondo se riuscirai ad  accontentarmi.
Tanti auguri. A te e tutti i bimbi come me.

Share:

domenica 23 dicembre 2012

Natale in casa Lega Calcio




Mancano solo 5 voti ad Andrea Abodi per conquistare la presidenza della Lega Calcio. L’ormai ex presidente della Lega di B nei primi 3 scrutini ha ottenuto un massimo di 11 voti, distanziando gli altri concorrenti. Secondo le indiscrezioni, il “rottamatore” avrebbe dalla sua parte: Atalanta, Inter, Napoli, Juventus, Roma, Bologna, Catania, Palermo, Pescara, Siena e Udinese. Abodi è un nome conosciuto per tutti gli appassionati del betting exchange italiani. Infatti, dichiarò (nel luglio del 2012):”Siamo pronti per il betting exchange. Arriverà presumibilmente tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. Stiamo già collaborando con i Monopoli di Stato per l’introduzione. Inoltre, studieremo la possibilità di aderire al Memorandum of Understanding promosso da Betfair”. Speriamo che le sue previsioni possano realizzarsi a breve. Intanto, tifiamo per lui.

Share:

sabato 22 dicembre 2012

Calcioscommesse: in principio fu il "totonero"



Il primo scandalo del calcioscommesse in Italia si verificò nel lontano, ma purtroppo non lontanissimo, 1980. La stampa utilizzò il nome di “Totonero”, in quanto allora le uniche scommesse legali consentinte in Italia erano le schedine del Totocalcio. Le squadre inquisite furono Avellino, Bologna, Juventus, Lazio, Milan, Perugia e Pescara in Serie A; Genoa, Lecce, Palermo, Pistoiese e Taranto in Serie B. Il 23 marzo 1980, al termine delle partite di calcio, le camionette delle forze dell’ordine irruppero nei campi di gioco e arrestarono alcuni calciatori, tra i quali i famosi Giordano, Manfredonia e Wilson della Lazio o anche Albertosi e Morini del MIlan. 

Alcuni calciatori ebbero un ordine di comparizione, tra cui il famosissimo centravanti della Nazionale Paolo Rossi. Il tutto partì da una denuncia di un commerciante ortofrutticolo, Massimo Cruciani, il quale accusò alcuni giocatori della Lazio di averlo spinto a giocare svariati milioni (più di un centinaio) su alcune partite di serie A considerate combinate: alcuni risultati, però, non si verificarono, e il Cruciani perse ingenti somme di denaro e denunciò tutto.

Il processo non ebbe ripercussioni penali, in quanto il fatto non costituiva reato, ma ebbe serissime ripercussioni sportive, in quanto la giustizia sportiva considerò i fatti una dimostrazione palese di illecito sportivo: la Lazio e il Milan furono retrocesse in serie B (e il presidente rossonero Colombo fu radiato); Avellino, Bologna e Perugia furono penalizzate. Per i calciatori, le sanzioni comminate furono: squalifica di 6 anni per l’avellinese Pellegrini; 5 anni per il laziale Cacciatori; 4 anni per Albertosi; 3 anni e 6 mesi per Bruno Giordano; 2 anni per Paolo Rossi, che tornò in campo nel 1982 riuscendo a giocare le ultime partite e fu convocato per il mundial spagnolo, in cui fu assoluto protagonista spingendo l’Italia alla vittoria finale e meritandosi l’imperituro soprannome di “Pablito”.

Share:

venerdì 21 dicembre 2012

Il futuro dell'ippica



Martedì 18 dicembre si è discusso in Commissione Agricoltura il decreto “Rilancio del comparto ippico per la tutela delle razze equine”.
Il testo affida alla Federazione italiana sport equestri (FISE) le competenze e lo svolgimento dell'attività tecnico-ippica dell'area “sella”, già attribuite all'Agenzia per lo sviluppo del settore ippico (ASSI), poi soppressa con trasferimento delle funzioni al Ministero delle politiche agricole.
Il testo istituisce l'Unione ippica italiana che ha lo scopo di rilanciare le 'attività ippiche, basandosi sulla riqualificazione etica e sportiva. L’avanzamento dei lavori è lento, ma comunque procede. Si è discusso anche dell’emendamento di Callegari (Lega Nord), ma è stato bocciato. Esso prevedeva che il 50 % delle imposte derivanti dalle attività di raccolta di giochi pubblici effettuate negli ippodromi  e dalle scommesse  su eventi virtuali fosse destinato al rilancio dell’ippica per il 90% a integrazione del montepremi dell'ippodromo nel quale è stato raccolto il gioco, per il 10% a integrazione del montepremi di prove del circuito classico.
Il comparto dell’ippico si trova in uno stato di sofferenza, sono la riprova le sospensioni delle attività che di volta in volta avvengono nei diversi ippodromi italiani.

Share:

giovedì 20 dicembre 2012

Abete:"La responsabilità oggettiva non si tocca!"




Giancarlo Abete, presidente della FIGC a margine della presentazione del libro “il calcio ai tempi dello spread” ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni in merito alla responsabilità oggettiva, principio che tanto sta facendo discutere in questi giorni.
Queste le parole:”La responsabilità oggettiva è prevista nell’ordinamento di Fifa, Uefa e delle principali federazioni nazionali. Poi c’è tutto un lavoro da fare a livello di attenuanti, di attività di prevenzione svolte da parte della società e su questo c’è massima attenzione, massima disponibilità”. Abete ha continuato dicendo:”Non bisogna commettere l’errore di pensare che sia
il principio a dover essere azzerato perchè è presente nell’ordinamento internazionale all’interno del quale operiamo. Per quanto, invece, riguarda il rapporto tra l’esistenza di un principio e la dimensione della pena c’è l’impegno del Coni e della Federazione ad analizzarlo a bocce ferme”. Dichiarazioni, queste, che sicuramente non faranno felicissimi i presidenti dei club...

Share:

martedì 18 dicembre 2012

Calcioscommesse: 2 punti di penalizzazione al Napoli.



La commissione disciplinare della FIGC ha aggravato le richieste avanzate dal procuratore Palazzi penalizzando il Napoli di due punti per responsabilità oggettiva e punendo con una squalifica di sei mesi le omesse denunce di Paolo Cannavaro e Gianluca Grava. Le precedenti richieste erano state di 1 punto di penalizzazione per gli azzurri, più 100.000€ di ammenda. Inoltre, l’ex portiere partenopeo, Matteo Gianello, è stato squalificato per 3 anni e 3 mesi. Considerata l’età del portiere (36enne), è praticamente un invito ad appendere le scarpette al chiodo. Ricordiamo, che questa vicenda riguarda la partita Sampdoria-Napoli giocata nel maggio del 2010 allo stadio Marassi di Genova. Ci fu un tentativo di combine da parte di Gianello che tentò di coinvolgere i suoi compagni di squadra Cannavaro e Grava i quali rifiutarono, ma non denunciarono il tentato illecito. Un’altra brutta tegola sulla squadra di Mazzarri, costretta a ritornare sul mercato per rinforzare il reparto difensivo.
Share:

sabato 15 dicembre 2012

Calcioscommesse: 13 arresti in Bulgaria.



Undici calciatori sono stati arrestati in Bulgaria dai servizi speciali per la lotta alla criminalità organizzata. I giocatori militavano nel Chernomorets (serie A, sesta in classifica) e nel Neftochimik (capolista in serie B). Secondo gli inquirenti i calciatori sarebbero implicati in scommesse illegali. Oltre ai calciatori sono stati arrestati anche due rappresentanti di bookmaker che avrebbero reclutato calciatori delle due squadre, che a loro volta avrebbero avuto il compito di raccogliere le puntate dai rispettivi compagni di squadra.
Share:

giovedì 13 dicembre 2012

Betfair e la nuova strategia di Corcoran



Betfair, leader mondiale dello scambio scommesse, ha intrapreso una nuova strategia con l’avvento del CEO Breon Corcoran. La nuova linea, prevede una maggior concentrazione di risorse in mercati già regolamentati piuttosto che cercare l’espansione in mercati complicati sotto il profilo normativo. La strategia è in linea con le ultime decisioni intraprese dalla società che ha scelto di abbandonare i mercati tedeschi e greci. Il nuovo Ceo, avrebbe addirittura individuato possibili risparmi per un ammontare complessivo di 20 milioni di pounds. “Ci concentreremo su mercati regolamentati e ridurremo la nostra esposizione in mercati incerti dal punto di vista della regolamentazione” ha affermato Corcoran. Betfair, inoltre, ha rivisto anche la sua politica per quanto riguarda i dividendi. Insomma, un terremoto sta scuotendo il leader mondiale del betting exchange in questi giorni. La prossima scossa, arriverà dall’approdo ufficiale con lo scambio scommesse in Italia?
Share:

martedì 11 dicembre 2012

La Uefa:”Gare sospette? Lo 0,7% su 9000 partite”.



Secondo l’UEFA Lo 0,7% delle partite nel continente europeo sarebbero sospette. Attenzione: sospette, non truccate (come scritto da qualche organo di stampa, forse per cercare il titolo sensazionalistico...). Il dato è veritiero? Non lo è? Non possiamo rispondere con certezza a queste domande. Sappiamo solo che il fenomeno esiste e bisogna combatterlo. Secondo Michel Platini “la salute del calcio sembra buona, ma non è così”, le partite truccate sono per il presidente dell’UEFA “come il cancro, che quando si radica comincia a diffondersi per tutto il corpo”. Riguardo questo argomento è intervenuto anche Gianni Infantino (segretario generale UEFA) affermando:”Non possiamo dire che tutte le partite che rientrano nello 0,7% sono truccate, vogliamo dire che sono avvolte in un alone di sospetto e che bisogna indagare. Si potrebbe anche dire che si tratta di una cifra irrisoria, ma noi siamo convinti del contrario”.
Share:

lunedì 10 dicembre 2012

BTpedia: cos'è il vincente set live?




Sia sul tennis che sul volley, cioè su tipologie di sport con set, è possibile effettuare una gustosa scommessa live: il Vincente Set Live. In pratica, occorre “pronosticare quale tennista (o quale squadra, nda) vincerà il set in gioco”.
Analizziamo questa tipologia di scommessa dal punto di vista del Tennis, partendo da un concetto fondamentale per questa classe d’esito: il break. “Fare un break” o “breakkare” significa vincere un game in cui il nostro avversario ha servito. In pratica, abbiamo vinto un game in cui partivamo sfavoriti, in quanto il nostro avversario aveva il vantaggio del servizio. Questa vittoria, che magari fa variare poco le quote sul Vincente Match, specie se le quote sono abbastanza squilibrate verso un favorito, genera una grande variazione sulle quote del Vincente set, e quindi è ideale per chi volesse fare trading o scalping. Ovviamente, qualora si arrivasse all’ultimo set (terzo o quinto, dipende dai tornei), le quote del Vincente Set e del Vincente Match sarebbero identiche.
Passiamo adesso al volley, sport in cui c’è la divisione dell’incontro in set ma non c’è il concetto di break, in quanto i set non sono divisi in game e il servizio è spesso alternato (in quanto batte chi ha fatto l’ultimo punto). Inoltre, con il cambio di regolamento che anni fa ha abolito il cambio-palla introducendo il punto per ogni azione offensiva, la variazione di quote è sicuramente inferiore, ed accelera man man che ci si avvicina alla fine del set. Pertanto, è necessario che vi siano almeno 3 o più punti di divario tra una squadra ed un’altra per vedere le quote modificarsi in maniera abbastanza considerevole, o quanto meno in maniera tale da consentire un trading o uno scalping.

Share:

mercoledì 5 dicembre 2012

Calcio: Italia seconda nella classifica della corruzione.



Secondo un’indagine creata da Sportradar, società leader nell’ambito del monitoraggio delle quote e dei flussi delle giocate, l’Italia si trova al secondo posto nella classifica della corruzione nel calcio. E’ questo l’esito della sconvolgente analisi, compiuta su oltre 400 bookmaker internazionali. Secondo il report, da giugno 2009 a novembre 2012 sarebbero state truccate oltre 70 partite (20 in A, 36 in B e 14 in Lega Pro). L’Italia si trova dunque al secondo posto in questa specialissima classifica, subito dopo l’Albania (97 segnalazioni) ma prima della Moldova (66). A seguire, nell’ordine: Estonia, Grecia, Russia, Macedonia, Bulgaria, Lettonia e Lituania. Ultima in classifica il Belgio con “solo” una segnalazione. Si tratta di un’indagine molto importante, che addirittura potrebbe influenzare i campionati di riferimento per i vari traders, che di conseguenza potrebbero decidere di virare su campionati al di sopra di ogni sospetto.
Share:

martedì 4 dicembre 2012

AAMS-Agenzia delle Dogane: a che punto sta l’accorpamento?




Vi avevamo lasciati con la domanda: accorpamento sì – accorpamento no? La risposta è stata: sì.
Si legge ben evidenza sulla homepage del sito dell’AAMS: dal primo dicembre è effettivo l'accorpamento tra l’Agenzia delle Dogane e l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Il decreto prevede che Giuseppe Peleggi, attuale direttore dell’Agenzia delle dogane, diventi il “capo” dell’ente unificato, mentre l’attuale direttore dei Monopoli di Stato Luigi Magistro assuma la carica di “vice” con delega specifica per il comparto giochi-tabacchi.
I sindacati hanno annunciato che sono pronti alla mobilitazione e al conflitto. Secondo l’Unione Sindacale di Base questo accorpamento risponde solo ad una logica matematica di riduzione dei costi, senza tener conto che le due agenzie svolgono attività totalmente differenti tra di loro. Il rischio è ci possa essere la paralisi delle attività a causa di traslochi e adempimenti burocratici.
Share:

lunedì 3 dicembre 2012

BTpedia live: cos'è il segna goal live?




Una delle scommesse live che gli scommettitori (e i banchi) amano di più è il “Segna goal Live”, meglio conosciuta come “Prossimo goal Live”. Volendo darne una definizione, possiamo dire che “occorre pronosticare chi segnerà il prossimo gol della partita”. Le opzioni, quindi, sono tre: 1, cioè il prossimo goal verrà segnato dalla squadra in casa; 2, cioè il prossimo goal verrà segnato dalla squadra ospite; Nessuno, cioè il risultato non cambierà.
Proprio quest’ultima scommessa è quella che va tenuta maggiormente in considerazione, sia perché è poco amata dagli scommettitori (che preferiscono, come è noto, scommesse il cui esito vincente possa essere raggiunto prima della fine del match), sia perchè è maggiormente condizionata dalle altre quote. Per fare un esempio semplice, quando inizia la partita, la quota del “Nessuno” deve essere uguale a quella dello 0-0, perché ovviamente si sta scommettendo che nessuno segnerà e che, quindi, il risultato iniziale non cambierà. Ciò significa che la quota del “Nessuno” sarà la prima a scendere, e quindi si potrebbe provare a fare trading o scalping proprio su questa poco amata scommessa.
Qualora invece una delle due squadre segni, portandosi ad esempio sull’1-0, la quota del “Nessuno” diventerà uguale a quella dell’Under 1.5, perché se non vi saranno altre marcature, la partita finirà Under 1.5.
Lo stesso discorso è valido qualora si segnasse una seconda rete (con l’Under 2.5), una terza rete (con l’Under 3.) e così via.
Infine, consideriamo un ultimo dato che potremmo definire “umorale”: quando una squadra favorita subisce un gol, magari passando in svantaggio, è molto probabile che la quota del prossimo goal realizzato dalla favorita sia parecchio “drogata”, nel senso che sarà sicuramente più bassa di quanto effettivamente vale perché ci si aspetta che gli scommettitori puntino molto sul prossimo goal della squadra favorita che ne ha appena subito uno.

Share:

sabato 1 dicembre 2012

Le autorità USA fermano InTrade




In un post precedente vi avevamo parlato del grande impatto che aveva avuto nelle elezioni americane InTrade, piattaforma di scambio scommesse basata su eventi non sportivi. Da pochi giorni però, le autorità USA hanno deciso di fermare la piattaforma e agli utenti statunitensi è stato ordinato di chiudere i propri conti entro e non oltre il 23 dicembre. Si tratta di una decisione sostanzialemente giusta, visto che altre piattaforme (come, appunto, Betfair) spendono numerose risorse per cercare di non far accedere clienti USA nella sua piattaforma e dunque non violare le regole.
Tra l’altro proprio nel periodo delle elezioni americane è capitato che vi fosse un grande divario tra la quota di Romney nel mercato di InTrade e quello di Betfair, causando grandi possibilità di arbitraggio. Ovviamente questa decisione causerà una diminuzione della liquidità presente sulla piattaforma di Intrade. Quali saranno le contromosse? InTrade cercherà di espandersi maggiormente nel Regno Unito? Staremo a vedere...

Share:

venerdì 30 novembre 2012

BTpedia: cos'è il set betting?




Quante volte uno scommettitore si è trovato di fronte ad un incontro di tennis, o di volley, e ha preferito non scommettere su un tennista o su una squadra in quanto la quota era troppo bassa? Tantissime.
La scommessa “set betting” viene proprio incontro a questa esigenza. Volendo darne una definizione, diciamo che “occorre pronosticare il risultato di un match tenendo presente quanti set verranno vinti da X e quanti da Y”.
Prendiamo ad esempio il volley, Macerata - Trento. Per vincere l’incontro, una delle due squadre dovrà vincere almeno tre set. Quindi le scommesse per il Set Betting (su 5 set possibili) sono:
3-0; 3-1; 3-2; 2-3; 1-3; 0-3.
Per il tennis il discorso è identico, a meno che il torneo di tennis non preveda che, per vincere un incontro, sia necessario vincere due set su tre. In questo caso avremo un’altra classe di esito: Set Betting a 3 (cioè, alla meglio dei 3 set), e le scommesse relative saranno:
2-0; 2-1; 1-2; 0-2.
Per quanto concerne il betting exchange, è chiaro che le strategie di trading e scalping possono essere molto fruttuose in quanto la variazione di quota nel set betting è sempre maggiore rispetto alla variazione della quota relativa al vincitore del match (il Testa a Testa Match Risultato). Basti pensare che è sufficiente un break, cioè il fatto che un tennista che serve perda il game, per variare di moltissimo le quote del Set Betting.

Share:

giovedì 29 novembre 2012

BTpedia: basket, cos'è il margine di vittoria?




Tra le scommesse di basket più gustose, c’è il “margine di vittoria”. O meglio... ci sono i margini di vittoria, visto che si tratta di due scommesse: la prima su 7 esiti; la seconda su 12 esiti. Analizziamole:
“Margini di vittoria 7 esiti”: si tratta di pronosticare quanti punti di differenza ci saranno tra le due squadre indipendentemente da chi vincerà la partita. I sette esiti sono:

  • da 1 a 5 punti di differenza;
  • da 6 a 10 punti di differenza;
  • da 11 a 15 punti di differenza;
  • da 16 a 20 punti di differenza;
  • da 21 a 25 punti di differenza;
  • da 26 a 30 punti di differenza;
  • 31 o più punti di differenza.

“Margini di vittoria 12 esiti”: si tratta di pronosticare quanti punti di differenza ci saranno tra la due squadre indicando chi vincerà la partita. I 12 esiti sono:

  • A 1-5: la squadra A (in casa) vince con un di divario da 1 a 5 punti;
  • A 6-10: la squadra A vince con un di divario da 6 a 10 punti;
  • A 11-15: la squadra A vince con un di divario da 11 a 15 punti;
  • A 16-20: la squadra A vince con un di divario da 16 a 20 punti;
  • A 21-25: la squadra A vince con un di divario da 21 a 25 punti;
  • A +26: la squadra A vince con un di divario superiore ai 26 punti;
  • B 1-5: la squadra B (ospite) vince con un di divario da 1 a 5 punti;
  • B 6-10: la squadra B vince con un di divario da 6 a 10 punti;
  • B 11-15: la squadra B vince con un di divario da 11 a 15 punti;
  • B 16-20: la squadra B vince con un di divario da 16 a 20 punti;
  • B 21-25: la squadra B vince con un di divario da 21 a 25 punti;
  • B +26: la squadra B vince con un di divario superiore ai 26 punti.

Ovviamente, le scommesse sopra indicate si riferiscono a tutta la partita di basket, supplementari inclusi.

Share:

mercoledì 28 novembre 2012

Roberto Fanelli (AAMS) frena per i nuovi giochi




Nel convegno “Finanza, Gioco e Legalità” che si è tenuto a Roma nella sala conferenze di Palazzo Bologna e organizzato da Codere, è intervenuto Roberto Fanelli, Direttore per i Giochi di AAMS, affermando che è il caso di frenare l’introduzione di nuovi giochi e concentrare l’intervento sui prodotti di gioco in difficoltà e sostenere le categorie più deboli.
Secondo Fanelli è necessario limitare l’offerta, “dopo anni di espansione, dobbiamo consolidare il comparto utilizzando il sistema sanzionatorio per chi viola le regole”.
Le domande che ci poniamo sono: cosa c’è dietro a queste parole del Direttore per i giochi di AAMS? Per salvare giochi che muovono pochi soldi, potrebbe esserci un ulteriore ritardo per il betting exchange che invece porterebbe nuovo vigore al comparto dei giochi ? Ma il betting exchange va considerato come nuovo gioco, sebbene la normativa vada avanti da molto tempo?
Lasciamo a voi i commenti.

Share:

martedì 27 novembre 2012

BTpedia: cos'è l'1X2 nell'hockey sul ghiaccio?




Uno sport molto apprezzato nell’Italia del Nord e in genere nei paesi “freddi” è l’hockey sul ghiaccio. Uno sport che si disputa tra due squadre composte da 6 giocatori ciascuna. Ogni incontro, della durata totale di 60 minuti, è diviso in tre periodi di 20 minuti ciascuno. Se le due squadre alla fine dei tempi regolamentari sono in pareggio, si gioca un tempo supplementare di 5 minuti. Nel caso in cui i supplementari non risolvano la situazione, la partita viene decisa agli shootout (rigori). La squadra che perde durante l'overtime prende comunque un punto per la classifica.
Le scommesse dell’hockey su ghiaccio sono simili al calcio. Abbiamo l’ esito finale 1X2 in cui si deve pronosticare il risultato ai tempi regolamentari. Ovviamente con 1 si pronostica che vince la squadra in casa, X che pareggiano e 2 che uscirà vittoriosa la squadra fuori casa.

PS: scopri qui la sezione BTpedia.

Share:

lunedì 26 novembre 2012

Betfair fuori anche dal mercato greco!



Finchè non ci sarà una maggiore chiarezza riguardo la regolamentazione, Betfair sarà fuori dal mercato greco. E’ questa la posizione netta assunta dal leader mondiale del betting exchange che da tempo stava battagliando col governo locale in merito a costi e autorizzazioni. Alcune condizioni economiche imposte dal governo greco avrebbe rischiato di rendere poco redditizio il business per Betfair, proprio come accaduto in Germania (mercato lasciato quasi un mese fa). Betfair, inoltre, ha giudicato il comportamento del governo ellenico troppo “protezionista” e si ritiene sorpresa per i mancati provvedimenti da parte della commissione europea. La decisione di lasciare il mercato greco avrà, ovviamente, ripercussioni anche sul bilancio: infatti ammontava a  13 milioni di pounds la stima dei ricavi provenienti dal mercato greco per questo anno fiscale.
Share:

domenica 25 novembre 2012

Cruddace:"Speriamo di partire col betting exchange in Italia nel 2013"




Al convegno tenutosi a Roma dal titolo “2013: Betting and Gambling in Europe” ha partecipato anche Martin Cruddace, company secretary di Betfair, che ha ribadito 2 concetti essenziali. Il primo riguarda la data d’introduzione del betting exchange in Italia: infatti sembra svanita completamente l’ipotesi di una partenza già a dicembre del betting exchange in Italia. Come lui stesso ha dichiarato:”Speriamo di partire nel 2013 con questo prodotto anche in Italia”. Il secondo concetto riguarda la liquidità internazionale. Sul tema Cruddace ha ribadito:”Dobbiamo evidenziare che la liquidità internazionale non compromette le procedure in vigore per la lotta al riciclaggio di denaro. I concessionari in genere devono essere reponsabili. Specie nelle scommesse, dove c’è l’anonimato nel gioco, ancor di più nel betting exchange. In Italia vorremmo proporre questa liquidità altrimenti il nostro business rischia di non avere senso.”

Share:

sabato 24 novembre 2012

Bancora:"Betting exchange volano per l'intero segmento delle scommesse".




A margine del convegno “2013 Betting and Gambling in Europe” Max Bancora, Ceo di Betfair Italia, ha rilasciato importanti dichiarazioni per quanto concerne lo scambio scommesse in Italia. Bancora ha esordito dicendo che “il betting exchange può riportare il segmento delle scommesse in positivo nel 2013.” A cosa si riferisce? Allo storico calo che è stato registrato nel 2012, dove il settore delle scommesse ha fatto registrare una riduzione sensibile del business, complice lo scandalo del calcioscomesse che probabilmente ha fatto diminuire la fiducia degli scommettitori. Bancora ha poi sottolineato che “il betting exchange è in grado di strappare quote di mercato ai siti .com, attirando quei giocatori che adesso non trovano l’offerta che desiderano sui siti legali. E inoltre può far rientrare in Italia le giocate che adesso vengono attirate dai bookmaker asiatici”. Ha inoltre ribadito che “siamo alla fine di un percorso dopo anni dedicati alla regolamentazione del prodotto, adesso siamo pronti per lanciarlo”. Fine 2012? Inizio 2013? Staremo a vedere. Di certo le parole di Bancora confortano tutti gli appassionati del p2p in Italia. Bancora ha infine concluso affermando che “il prodotto può essere un valido volano per l’intero segmento che in Italia in questa fase sta segnando il passo”.

Share:

venerdì 23 novembre 2012

Allara (Paddypower):"Bene il betting exchange in Italia"




Sono molto importanti le dichiarazioni rilasciate a Gioco News di Alessandro Allara, direttore della comunicazione in Italia di Paddy Power, uno dei nomi più famosi nel mondo per quando concerne il betting. La notizia della prossima apertura del mercato italiano al betting exchange rallegra Allara, che però ammonisce: “Una tassazione al 20% è improponibile. Deve cambiare il regime di tassazione altrimenti non ce la faremo mai ad importare tutta la competenza e il valore che ha dato lustro al nostro titolo”.
Allara, inoltre, evidenzia anche la necessità di liberalizzare i limiti di vincita: “Oggi un player italiano non può giocare più di una certa cifra. Una quota a 2 non può essere giocata a più di 5,000 euro per un limite di 10,000 euro fissato da Aams per la vincita massima. C'è chi spezza le scommesse in più bollette ma è una cosa anacronistica”.
Allara rivolge un invito ad una maggior libertà anche per quanto concerne le classi d’esito: “L'offerta è ancora limitata. Alcuni meccanismi sono tracciati e limitati dal regolatore che deve controllare col palinsesto ma anche questo ci offre difficoltà. Oggi una grossa fetta di denaro viaggia in Asia e ci sono anche tantissimi agenti che operano sul territorio italiano. Tramite un'ampiezza dell'offerta potremmo portare in Italia anche le scommesse più curiose che proponiamo ma possiamo farlo solo all'estero”.
Altro tema interessante affrontato da Allara e che può interessare particolarmente chi opera con l’arbitraggio sportivo, riguarda il “void”, cioè la possibilità per i bookmaker di non pagare scommesse sulle quali è stato commesso un errore tecnico: “Discuteremo poi con Aams sull'errore delle quote. Se sbagliamo una quota a 25 piuttosto che sia a 2,5 sbagliando una virgola, io sono costretto a pagare. Tanti operatori terrestri hanno sputato sangue su questi errori e questa è una cosa che castra la competitività del bookmaker. Così siamo troppo prudenti e usciamo dopo il dot com oppure usciremo con livelli più bassi per paura di sbagliare quota”.
Allara conclude dicendo che risolvendo solo questi problemi già si amplierebbe del 40% il mercato delle scommesse in Italia.
E’ indubbio che molte considerazioni fatte dal direttore della comunicazione di Paddy Power in Italia sia condivisibili: una revisione del regime di tassazione unito ad un ampliamento dell’offerta sono assolutamente necessarie e improrogabili. Sul void il discorso andrebbe ampliato, in quanto uno scommettitore ha tutto il diritto di incassare qualora abbia indovinato l’esito di un evento, indipendentemente dal fatto che la rispettiva quota fosse errata o giusta. Anche perchè bisognerebbe stabilire una soglia oltre la quale è possibile definire un “errore tecnico o umano” tale da giustificare il void.
Share:

giovedì 22 novembre 2012

Accorpamento AAMS-Dogane rinviato!




Nella giornata di ieri 21 novembre è stato approvato, in Commissione Finanze al Senato, un emendamento alla delega fiscale presentato dal Partito Democratico che rinvia al 30 maggio 2013 l'accorpamento delle Agenzie fiscali, e quindi anche di AAMS-Agenzia delle Dogane. Questo accorpamento voluto dal primo ministro Monti con il decreto della Spending Review sta creando non pochi problemi al ministro Grilli. Sul piede di guerra ci sono i sindacati che dopo aver dichiarato lo stato di agitazione, per ottenere chiarimenti sul futuro dei lavoratori e sulla parità di trattamento, hanno oggi in programma un incontro con i dirigenti dell’AAMS.
Ora cosa succederà? Ci sono due ipotesi sul  corso che prenderà questa vicenda.
Questo rinvio potrebbe giovare ai diversi giochi che sono prossimi all’uscita, come al betting exchange, perché non ci sarebbero ritardi dovuti al processo di accorpamento.
La seconda ipotesi è che questa situazione non ancora ben definita potrebbe portare a qualche forma più forte di protesta da parte dei lavoratori, fino allo sciopero e ciò di conseguenza causerebbe invece  dei ritardi nell’iter amministrativo dello scambio scommesse.  Staremo a vedere cosa succederà.

Share:

mercoledì 21 novembre 2012

Cogliere l'attimo: l'essenza del trading sportivo.

Carpe Diem Frase
Ogni giorno nel mondo vengono scambiati migliaia e migliaia di euro sulle piattaforme di betting exchange. C’è chi piazza una scommessa in maniera occasionale solo per divertimento, magari su un grande evento come la Champions League o il Roland Garros. 

Mentre c’è chi cerca di sfruttare le piattaforme di scambio scommesse come un’opportunità di investimento e che quindi utilizza un approccio professionale, facendosi aiutare anche da software specifici. 

Questi ultimi, sono generalmente persone che hanno intuito la vera chiave del trading sportivo: cogliere l’attimo. Le occasioni di trading si presentano abitualmente in un lasso di tempo breve e che quindi necessitano di un occhio esperto per essere individuate. Le quote che vengono proposte spesso rispecchiano la reale probabilità di riuscita di un evento: una quota molto bassa sta ad indicare possibilità elevate di realizzazione di un determinato esito. 

Uno dei possibili approcci legati al punta e banca è quello di cercare di intuire una quota che non rispecchia fedelmente le reali probabilità di riuscita di un evento. Se si ha la fortuna di disporre di notizie che possono mandare all’aria il binomio quota-reali probabilità, allora bisogna cogliere l’attimo e approfittare della situazione favorevole. Il “carpe diem” dovrà diventare l’essenza della vostra attività sulle piattaforme di betting exchange.
Share:

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange