Il cavallo. La candela. Le sale di gioco?

                                                                         (Credit photo)

Qualche giorno fa abbiamo trattato del futuro dei quotisti con l’avvento del betting exchange in Italia. La tesi di fondo è: il ruolo di quotista verrà svolto sempre di meno, inteso come chi fa la quota, ma si imporrà la funzione di gestione del rischio. Insomma, il quotista assomiglierà più ad un analista di borsa, che controlla le variazioni di mercato su un determinato evento in base alle puntate.
Invece, la domanda che ci poniamo oggi è: così come l’auto ha sostituito il cavallo, la lampadina ha sostituito la candela, il betting exchange renderà superflui i negozi di gioco?
Per arrivare alla risposta, esaminiamo come AAMS/ADM si sta muovendo nel settore dei giochi.
Entro la fine dell’anno partiranno le sperimentazione dei Virtual Games e del palinsesto personalizzato.
I Virtual Games sono scommesse a quota fissa su simulazione di eventi sportivi , in tutto e per tutto simili a quelli veri, ma generati dal computer. Sarà il concessionario a decidere quando inserirli e presumibilmente combaceranno con i momenti “morti” all’interno dell’agenzia di scommesse.
Anche il palinsesto personalizzato darà un impulso alle scommesse. Così come avviene nella patria del Betting, l’Inghilterra, si potrà giocare su tutto, argomenti di attualità, di politica, di gossip, determinati accadimenti in eventi sportivi, (per Es. quale giocatore batterà il prossimo calcio d’angolo?)  Unico limite: non si possono inserire in palinsesto eventi o comportamenti contrari alla morale, all’ordine pubblico o al buon costume, o costituire incitamento alla commissione di reati o violazioni.
Inoltre, la società Sportradar ha vinto a luglio l’appalto per la fornitura di un supporto informatico per le scommesse live. Ciò porterà ad un ampliamento di questa tipologia di scommessa in palinsesto. Per esempio, si potrà scommettere ogni giorno sul tennis. Come conseguenza, ci sarà l’ampliamento del numero di puntate in tutto l’arco della giornata, che porterà un vantaggio al betting exchange, ma anche alle scommesse tradizionali.
Dopo questa disamine, la risposta al nostro interrogativo, e cioè il Betting Exchange segnerà la fine dei negozi di gioco, è no. L’agenzia sarà ancora un’attrazione per lo scommettitore, almeno nel futuro prossimo.
Senza dimenticare il ruolo sociale che svolge un’agenzia, fatto di relazioni, di emozioni, di condivisione…ma questa è un’altra storia, che saremo felici un giorno di raccontarvi.

Commenti