Siti illegali...quali i rischi?


I siti di scommesse che non hanno una licenza italiana sono illegali e vengono oscurati da AAMS, per non permettere agli italiani di poter giocare e quindi eludere la normativa italiana.  
Di fatto, però, esistono dei sistemi per andare e giocare sui siti di scommesse stranieri. Sistemi che aggirano i blocchi. Sul sito di AAMS è possibile consultare quali sono i siti scoperti ed oscurati da AAMS (circa 4000).
Cosa si rischia quando si gioca su un sito straniero? Innanzitutto, si è passibili di una sanzione pecuniaria, che può essere di 1000 volte superiore ad una eventuale vincita. Già l’accesso è un atto di violazione passibile legalmente.
Ovviamente, andando su un sito .com non si ha nessuna tutela legale, commettendo un reato.  
Sul fronte monetario i rischi sono molti: si va dal mancato pagamento delle vincite che spesso si registra su questi siti, alle truffe telematiche e per finire, si va incontro alle difficoltà di contattare la piattaforma per controllare il proprio conto gioco.

Commenti

  1. Tutte affermazioni false. Il massimo che fà l'ex AAMS è oscurare i siti .com (cosa facilmente aggirabile) L'unica norma esistente (tra l'altro prevista senza alcuna sanzione a carico dello scommettitore) è la segnalazione all'ex AAMS che sono obbligati a fare tutti gli operatori finanziari delle transazioni finanziarie verso i .com (tra l'altro norma facilmente aggirabile, basta pagare e prelevare dai .com con strumenti finanziari non italiani

    RispondiElimina

Posta un commento

Il Blog di Betting Trader è uno spazio aperto, una libera piazza dove far circolare idee, informazioni, pareri e opinioni riguardo la più rivoluzionaria forma di scommesse mai esistita: il Betting Exchange.
Tuttavia, in ogni piazza che si rispetti esistono delle regole. Poche, semplici e di buon senso.
All’interno di questo spazio tutti i commenti sono liberi, quindi non sottoposti in alcun modo a filtri preventivi. Il Blog, però, si riserva il diritto di eliminare in qualunque momento commenti:
-offensivi
-diffamatori
-contenenti contenuti illegali
-che incitino all’odio e alla violenza
-che contengano messaggi xenofobi e omofobi
-contenenti spam
Chiunque scriva su questo blog si assume la piena ed unica responsabilità di quanto sostenuto.