Entra anche tu nella rivoluzione del Betting Exchange

Se non hai ancora aperto un conto fallo subito, e segui il nostro blog per imparare ad operare nel Betting Exchange sia da scommettitore evoluto che da Sport Trader - BettingTraderBlog.com.

mercoledì 31 ottobre 2012

Betdaq lancia il microsito dedicato alla NFL




Il sito di betting exchange Betdaq ha lanciato Betdaqnfl.com, sito dedicato alla NFL, il campionato professionista americano di football americano. La crescita di interesse per l’NFL in Inghilterra e in Irlanda ha spinto Betdaq ad investire nel betting exchange su questo sport, che negli USA è vissuto quasi come una religione: basti pensare che il Superbowl, cioè la finalissima del campionato nazionale, è l’evento sportivo più visto in America, e genera introiti clamorosi tra pubblicità, sponsor, diritti tv e merchandising.
Betdaqnfl.com offre le anteprime e le variazioni di mercato, le notizie e i videos delle partite di NFL, statistiche e tabellini aggiornati.
Inoltre ogni domenica John Arnette, esperto di NFL per BETDAQ, offrirà analisi e riflessioni sulle partite per aiutare gli scommettitori. Betdaqnfl.com è il primo sito di betting exchange dedicato alla NFL nel Regno Unito e in Irlanda. Il Direttore marketing di BETDAQ, Shane McLaughlin, ha detto che il sito a breve offrirà agli scommettitori anche uno spazio dedicato ai consigli e alle informazioni direttamente da esperti NFL negli Stati Uniti.
"La NFL è un grande sport per le scommesse live, viste le enormi oscillazioni delle quote e dei volumi; noi stiamo facendo la nostra parte dando agli scommettitori la possibilità di accedere ad analisi e consigli sulle scommesse live", ha concluso McLaughlin.
Share:

martedì 30 ottobre 2012

Sidebets, il fenomeno del momento.





La Blue Ox Entertainment ha lanciato una nuova applicazione gratuita dedicata sia al sistema operativo iOS, sia per Android. Il nome? Sidebets!

La prima frase che è possibile trovare sia sull’App Store e sia su Google Play è:”Screw the bookie, bet your friends!”. Parole e musica per tutti gli appassionati di betting exchange. Visto che sarebbe stato illegale creare una piattaforma che utilizzasse soldi reali, Sidebets utilizza una moneta virtuale per far sfidare i propri utenti a colpi di scommesse, con una serie di classifiche in grado di tenere “traccia” dei propri risultati ottenuti. Inoltre è possibile creare dei gruppi (privati o pubblici), per riunire i propri amici o per creare dei campionati.
I numeri sono in continua crescita per questa applicazione e la definitiva consacrazione è arrivata grazie ad un
articolo pubblicato sull’edizione online di “Forbes” che si è dedicata al fenomeno del momento. Proprio nello stesso articolo il co-fondatore di questa app, Jon Goldstein, ha spiegato:”Di tutti i download di Sidebets, si finisce per convertire il 10% in utenti attivi (ossia persone che effettuano almeno 1 puntata a settimana). Tra gli utenti attivi, il 10% sono persone assidue (ossia che effettuano almeno 20 puntate a settimana). Abbiamo avuto oltre 40.000 giocate da utenti attivi”.
Le entrate di Sidebets provengono principalmente dagli utenti che decidono di comprare soldi finti, con soldi reali. Un po’ come accade con tantissimi giochi presenti su Facebook. La reputazione è il motore del gioco, visto che si consente di pubblicare sui principali social network i propri risultati, un modo per prendere in giro gli sconfitti e bullarsi per le proprie vittorie. L’App al momento non risulta essere stata tradotta in italia, ma l’esperimento nel complesso lo reputiamo positivo, un modo per attirare coloro che sono più interessati al lato ludico delle scommesse piuttosto che a quello del profitto.


Share:

lunedì 29 ottobre 2012

Betting exchange in Italia: liquidità nazionale o internazionale?



Il futuro dello scambio scommesse in Italia è quasi del tutto delineato. Partenza a breve (tra pochi mesi), operatori in gioco ufficialmente al momento: 2 (Betfair e People’s ibex, ma il numero è destinato a salire). In più, cominciano anche a circolare le prime preview riguardo le piattaforme come quella che abbiamo potuto ammirare pochi giorni fa grazie ad un video realizzato all’Enada e caricato sulla people’s tv. L’unico rebus riguarda un argomento delicato: la liquidità. Nazionale o internazionale? E’ questo il dilemma. In Rete è possibile trovare varie ipotesi: c’è chi pensa che ci sia una liquidità nazionale per i primi mesi del peer to peer in Italia, chi pensa che ci sia direttamente una liquidità internazionale, chi crede ci possa essere solo una liquidità nazionale causa vari ostacoli normativi.
In realtà, immaginare una liquidità esclusivamente nazionale ci risulta difficile per vari motivi. In primo luogo il prodotto non sarebbe più competitivo perchè la liquidità è un fattore cruciale per ogni exchanges che si rispetti. In più, sarebbe impossibile far ritornare a investire in Italia coloro che operano oggi negli exchange “.com” in maniera illegale. In ultima analisi non ci sarebbero neanche grossi benefici erarariali per lo Stato.
Oltre a tutte queste ragioni, alcuni bene informati del settore ci hanno in realtà confermato che la liquidità sarà internazionale (così, come tra l’altro previsto nel decreto). Una notizia che sicuramente renderà felici coloro che aspettano con impazienza l’arrivo del betting exchange in Italia!
 

Share:

domenica 28 ottobre 2012

Il betting exchange non piace a Confindustria Sistema Gioco



Confindustria Sistema Gioco, con una missiva inviata al direttore dell’AAMS Luigi Magistro, ha espresso il parere contrario sull’introduzione del betting exchange in Italia.
Nel documento si legge che il betting exchange “può aumentare il rischio di corruzione nello sport e di riciclaggio del denaro e che il concessionario italiano disporrebbe di dati parziali per la verifica di operazioni sospette, rendendo difficoltose le attività di prevenzione e segnalazione. Il modello proposto dal decreto esclude poi la partecipazione al gioco da parte di società ma, poiché è prevista la liquidità internazionale, l’elusione del divieto da parte di soggetti esteri sarà resa più agevole con notevoli ripercussioni sull’ordine pubblico. Viene poi conferita la possibilità ai giocatore di “bancare”, fin qui affidata esclusivamente ai concessionari di gioco”. Confindustria Sistema Gioco auspica, quindi, un periodo di sperimentazione dove si utilizzi solo la liquidità nazionale.
Poi, si va al vero nocciolo della questione, e cioè l’aspetto fiscale: “Il diverso sistema di tassazione è molto più vantaggioso rispetto a quello delle scommesse online – lo 0,6% contro il 3% del gioco tradizionale - e rende questo prodotto più appetibile rispetto a quello tradizionale. E anche la posta di gioco (50 centesimi) è più bassa rispetto a quanto previsto per le scommesse (2 euro)”
Da questa missiva è palese che la reale preoccupazione di Confindustria Sistema Gioco, che rappresenta il 70% del settore, non è solo il rischio di malaffare, ma è che dal betting exchange possa scaturire una riduzione del business dei bookmaker. Ovviamente, ognuno guarda i propri interessi.
Noi continuiamo a non capire dove sia il nesso tra betting exchange e corruzione. Ci sembra che la corruzione “sportiva” ci sia già tanta in Italia, ma le scommesse peer to peer non ci sono ancora.
Inoltre, escludere l’ippica dal betting exchange, a nostro avviso, è un grave errore. Lo scambio scommesse poteva dare una mano al rilancio dell’ippica, ma ormai si preferisce un ippica “virtuale” (vedi le prossime scommesse su simulazione di eventi) a quella reale.

Share:

sabato 27 ottobre 2012

Eurobet sulla difensiva: no al betting exchange.






Come ogni anno, la fiera Enada svoltasi a Roma la settimana scorsa ha visto realizzarsi lo strano connubio tra innovazione e conservatorismo. Nei padiglioni della Nuova Fiera di Roma era possibile incontrare nuovi, anzi nuovissimi prodotti realizzati da aziende che fanno della ricerca e della innovazione il loro marchio di fabbrica; accanto, i soliti - seppur sempre fortissimi - padroni del vapore, poco avvezzi alle novità ed interessati più al consolidamento della propria posizione sul mercato.
Tra questi gruppi c’è sicuramente Eurobet, famosissimo bookmaker di scommesse “classiche”. Il Direttore Commerciale di Eurobet, Giordano Carli, ha espresso la contrarietà della azienda alla introduzione del betting exchange nel mercato italiano: “Siamo contrari al betting exchange”, ha dichiarato Carli ad Agicos, “perchè nel betting exchange non è presente nessuna tassazione sui volumi di gioco; tassazione, del 2%, presente invece sui volumi di gioco delle singole della nostra azienda”.
Il problema principale, quindi, è sulla tassazione. Eurobet non è la prima voce che solleva questo problema, ma non abbiamo ancora sentito una proposta di soluzione: alzare le tasse del betting exchange? Abbassare quelle sul betting normale? Equipararle?
Infine, Carli solleva anche un’altra questione, già discussa altre volte: “Con il betting exchange si verrebbero a creare dei falsi clienti che vestono in realta' i panni dei raccoglitori di gioco: nascerebbero quindi dei nuovi bookmaker senza licenza”. Anche qui si solleva il problema, ma non si propone una soluzione. Forse perchè per Eurobet e aziende simili, la soluzione è una sola: impedire la rivoluzione del betting exchange in Italia!

Share:

venerdì 26 ottobre 2012

Sandi (SNAI):”Betting exchange? Meglio aspettare.”



Nella scorsa settimana si è tenuta una convention SNAI organizzata per riunire a Roma i tanti concessionari sparsi per il Belpaese. Obiettivo dichiarato: vincere la gara per le 2000 nuove agenzie di scommesse.  
All’agicos Giorgio Sandi, presidente SNAI, non ha fatto mancare un suo parere alla notizia del parere favorevole del consiglio di Stato per il decreto riguardo l’introduzione del betting exchange in Italia: “In un momento, per il settore del gioco, così pieno, così ricco di offerte, sarebbe meglio aspettare ancora un po’ prima del lancio definitivo del betting exchange”. ALT! Attendere prima del lancio dell’exchange? E perchè mai? La ricchezza di offerta legata al settore del gioco non intacca minimamente la voglia di avere in maniera legale un prodotto rivoluzionario come il betting exchange in Italia. C’è chi attende che arrivi in Italia in maniera legale, c’è chi oggi lo utilizza in maniera illegale su siti “.com”, ma una cosa è certa: il numero potenziali di utenti degli exchanges è già oggi elevatissimo. Sandi ha poi continuato affermando che c’è il rischio di “frastornare gli operatori alle prese con una gara, quella delle 2000 agenzie di scommesse, già molto impegnativa e con la gestione
con la gestione di recenti offerte come quelle del gioco online. Insomma meglio dare la possibilità agli operatori di offrire il loro importante contributo in maniera serena e con la massima attenzione, invece di sottoporli a troppi impegni in contemporanea".
Dichiarazioni che rientrano nel tradizionale gioco delle parti: all’innovazione fa sempre seguito la contrapposizione di chi detiene interessi consolidati nel settore.

Share:

giovedì 25 ottobre 2012

Aurigemma (LabGame):”Favorevoli al betting exchange”



La nascente LabGame si è presentata per la prima volta all’Enada, con l’intento di proporre un modello di business nuovo e personalizzato per ogni cliente. Soprattutto siamo stati felici di ascoltare le parole che l’amministratore unico Anna Aurigemma ha rilasciato all’Agicos quando è stata interpellata sullo scambio scommesse: “Siamo favorevoli al betting exchange perchè rappresenta un prodotto nuovo capace di dare uno scossone all'interno di un segmento, quello delle scommesse, che si è appiattito di recente”. 
Dichiarazioni importanti, che potrebbero rivelare un possibile coinvolgimento di LabGame nel mercato degli exchanges italiani. Non può che far piacere: un aumento di concorrenza tra le varie piattaforme non può che giovare a tutti i fruitori delle stesse. Restiamo in attesa di ulteriori novità.
La stessa Aurigemma è intervenuta anche in merito al decreto Balduzzi, affermando: “Per quanto riguarda la pubblicità sui giochi vietata nelle fasce orarie che interessano i minori, noi siamo d'accordo con la protezione del minore ma va aumentato anche il controllo dei minori nelle agenzie di scommesse: sono in tanti infatti a giocare nonostante il non raggiungimento della maggiore età”





Share:

mercoledì 24 ottobre 2012

Preview piattaforma People’s Ibex!



In questi mesi vi abbiamo raccontato dell’evoluzione del progetto People’s Ibex, la proposta di betting exchange in Italia targata People’s, nata grazie alla collaborazione tra Microgame, GBE (Global Betting Exchange) e Betlab. Oggi ci soffermiamo in particolare su un video di presentazione della piattaforma dello scambio scommesse disponibile sulla tv online di People’s caricato pochissime ore fa. Nella prima parte del video viene spiegato a grandi linee qual è il funzionamento del betting exchange e quali sono le particolari differenze rispetto al betting tradizionale. Inoltre viene dato ampio risalto ai punti di forza di questo nuovo prodotto che approderà a breve in Italia con particolare riferimento alle maggiori probabilità di vittoria da parte degli utenti più “skillati” (dall’inglese skill “abilità”, ossia gli utenti con più esperienza, informazioni, preparazione). Riferimento anche ai concessionari, che avranno la possibilità di non avere più rischio, grazie alla possibilità di puntare/bancare direttamente con utenti fisici. Il palinsesto verrà deciso da AAMS ovviamente sulla base di eventi reali, con la possibilità d’intervenire anche in live. Poi, la parte più interessante: le immagini del probabile futuro portale. C’è una possibile homepage della nuova piattaforma con sfondo bianco, con i principali eventi in primo piano. Cliccando sull’evento ovviamente viene fuori la parte principale dell’exchange, con la migliore quota della punta racchiusa in un rettangolino azzurro, mentre invece la migliore quota del banca viene racchiusa in un rettangolino di colore verde chiaro. Nella parte sinistra c’è la possibilità di navigare all’interno dei vari mercati presenti sulla piattaforma. Infine, sarà presente una sezione con la storico degli eventi giocati dove sarà possibile vedere anche le scommesse non ancora abbinate. La piattaforma, molto probabilmente, dovrebbe poter essere raggiungibile all’indirizzo http://ibex.peoples.it/ (al momento, ovviamente, in fase di manutenzione).
Share:

martedì 23 ottobre 2012

Marino (Mag Associati): “Il betting exchange avvicinerà moltissimi appassionati”.




“Le scommesse peer to peer rappresentano un completamento del portfolio giochi” e avvicineranno “decine di migliaia di appassionati che già giocano su siti stranieri, e che spesso puntano somme elevate”. Questa è la dichiarazione che Guido Marino, legale rappresentante della società di consulenza Mag Associati, ha rilasciato ad Agicos. Un’altra voce, quindi, che si schiera a favore dell’introduzione del betting exchange in Italia. Marino sottolinea anche perchè molti gruppi dediti alle scommesse tradizionali siano sul piede di guerra: “Le scommesse peer to peer sono destinate a offrire quote più interessanti rispetto alle tradizionali, dal momento che godono di un regime fiscale più vantaggioso. Per questo, la tassazione è forse il primo aspetto su cui intervenire”.
Per quanto riguarda tempi di introduzione e volumi del business, Marino non si sbilancia: secondo lui, bisognerà aspettare probabilmente la seconda metà del 2013 perchè il betting exchange parta; i volumi sono condizionati dalla capacità di accesso alla liquidità internazionale.
Infine, Marino lancia anche un monito, un avvertimento affinchè non si verifichino zone d’ombra: “Alcuni operatori minori di scommesse tradizionali potrebbero offrire il loro prodotto sulle piattaforme peer to peer bypassando il possesso della concessione comunitaria”. E’ un tema importante, che va tenuto in debita considerazione.
Share:

lunedì 22 ottobre 2012

Artioli (Microgame):”Il betting exchange doveva essere lanciato prima degli eventi virtuali”



Non poteva mancare la voce di Microgame alla notizia del parere favorevole del Consiglio di Stato. La società beneventana sarà tra i principali protagonisti dello scambio scommesse in Italia e le parole ufficiali della società sono trapelate grazie a Francesca Artioli, Key account manager Microgame. Queste le dichiarazioni rilasciate all’agicos:”Microgame è pronta a adeguarsi alle linee guida del betting exchange, aspettava questo prodotto da tempo e si è avvantaggiata grazie all’accordo stretto con un partner forte come BetLab. Speriamo non ci siano ulteriori rallenamenti. Una data per il lancio del peer to peer non c’è, ma questo prodotto avrebbe dovuto essere lanciato prima delle scommesse su eventi virtuali e delle slot online, invece è stato accantonato per lungo tempo. L’augurio è che non ci siano differimenti, come invece si ventila potrebbe accadere per le slot virtuali. Le scommesse peer to peer raccolgono volumi di gioco impressionanti sui siti esteri, e una parte rilevante delle scommesse proviene dall’Italia. Finchè il betting exchange non verrà lanciato questi giocatori non torneranno sulle piattaforme italiane.” A nostro parere, non basterà il semplice lancio in Italia dello scambio scommesse per far ritornare numerosi players a investire in Italia. Occorreranno 2 precise condizioni: liquidità internazionale e commissioni in linea con le altre piattaforme non nazionali. Infine, la precisazione della Artioli circa il target di riferimento principale di questo nuovo prodotto:”Si tratta di scommesse che piaceranno non solo ai giocatori tradizionali, ma anche a persone che non sono attratte dall’aspetto ludico del gioco”.

Share:

domenica 21 ottobre 2012

Intervista a Allan Aasterud, Vip business manager di Matchbook!


Ha lavorato per alcune delle più grandi piattaforme di scommesse al mondo come Ladbrokes, ha offerto consulenze per alcuni importanti club calcistici come il Sunderland e il Malaga, ha lanciato siti come 10kingspoker. Lui è Allan Aasterud, attuale Vip Business manager per Matchbook, che si è sottoposto ad un’intervista  a tutto campo per Betting Trader, dove non sono mancate le notizie degne di nota, anche per quanto concerne il mercato italiano.


Betting Trader: “Ciao Allan, introduci Matchbook. Chi siete?”
Aasterud:”Matchbook è una società di betting exchange in rapida crescita che è specializzata particolarmente in servizi per scommetitori professionisti. Matchbook può vantarsi di essere in grado di far scambiare scommesse con alti importi: basti pensare che la scommessa media è di 2000 euro! Noi siamo leader del mercato degli handicap asiatici, calcio e sport americani: garantiamo grande liquidità, la più bassa commissione (1%) e le migliori quote. Noi siamo autorizzati dall’Alderney Gambling Control Commission.”

Betting Trader:”La commissione bassa di Matchbook (1%) significa attrarre grandi giocatori d’azzardo?
Aasterud:”Sì, dopo molti anni in cui il mercato attendeva  l’alternativa a Betfair, siamo arrivati noi di Matchbook. L’1% di commissione è il più basso del mercato, mentre la commissione di Betfair(.com) è del 5%. Ciò attrae alti volumi di clienti, e noi crediamo  di poter offrire loro un ottimo servizio “VIP” . Inoltre, ci piace pensare di incentivare i giocatori a  scambiare scommesse con una commissione anche dello 0,5%.”

Betting Trader:”Puoi spiegarci in cosa consistono i servizi VIP?”
Aasterud:”I servizi VIP di Matchbook sono unici del mercato. Come cliente VIP puoi accedere al nostro gruppo VIP dove i più grandi giocatori sono in grado di presentare offerte (scommesse) di più di $ 3000 via Skype, MSN o e-mail. Il nostro team di brokers mette in relazione domanda e offerta di scommesse. Il servizio è veloce, riservato al 100% e ha permesso ai nostri maggiori clienti di ottenere il meglio rispetto ad altri siti.
Questo servizio ha movimentato milioni di euro per i nostri clienti di high rolling di Matchbook
Nel corso del 2011 il nostro servizio VIP è stato in grado di far scambiare scommesse per 25milioni di euro. Quest'anno fino ad ora siamo a 250 milioni di euro abbinati indipendentemente da quanto è abbinato sul sito!”

Betting Trader:”Sei soddisfatto dei risultati ottenuti da Matchbook?”
Aasterud:”Noi siamo ancora una società giovane. Come betting exchange noi siamo sul mercato dal 2004, ma Matchbook è passata sotto una nuova società solo nei primi mesi del 2011 e siamo effettivamente ripartiti da allora. C’è stato un grande investimento in termini finanziari, nell’IT, nelle risorse amministrative e manageriali e ciò ci ha dato la possibilità di crescere e svilupparci velocemente.
Matchbook ha anche ambizioni a lungo termine: abbiamo pianificato i prossimi anni, perchè l’esperienza di Betfair ci insegna che il successo non si ottiene in una notte. Betfair ha un grande seguito, ma con le commissioni che fa pagare anche ai suoi più importanti scommettitori c’è sicuramente spazio per un altro reale competitor. La chiave del successo è la liquidità, e noi stiamo facendo progressi settimana dopo settimana. Noi crediamo fortemente che Matchbook sia una azienda con un fenomenale potenziale globale.”

Betting Trader:”Di cosa sei più orgoglioso, fino ad ora?”
Aasterud:”Abbiamo raggiunto risultati notevoli negli ultimi 18 mesi, ma credo che la più grande impresa sia stata non solo sopravvivere, ma addirittura far crescere il business fuori dal redditizio mercato degli Stati Uniti.
Matchbook è già multi-valuta, a breve sarà multilingue e avrà una applicazione per scommettere sui mobile in vendita su I-Tunes. E tutto ciò per un business che non abbiamo ancora cominciato a pubblicizzare!
Il passaparola si sta diffondendo tra gli scommettitori e la liquidità sul sito è in continua crescita.
Abbiamo anche sviluppato Matchbookmedia.com, un social media dove i nuovi utenti possono leggere le previsioni sui match, seguire gli scambi di quota e partecipare a competizioni libere con grandi montepremi.
Matchbook ha inoltre sponsorizzato un gruppo d’elite di giocatori di poker guidati da Sam Trinckett, gruppo che ha partecipato a vari eventi di poker in giro per il mondo. Trickett, ad esempio, è giunto secondo nel torneo Big One for One Drop (buy-in 1 milione di dollari) che si è tenuto a Las Vegas questa estate, vincendo oltre 10 milioni di dollari.  Ciò lo ha fatto diventare il più grande vincitore in Europa di tutti i tempi! Una storia di grande successo, fantastica per le pubbliche relazioni di Matchbook e Trickett si è affermato come uno dei più grandi giocatori di poker al mondo. Matchbook presterà sempre attenzione al poker, ma abbiamo deciso di dedicarci esclusivamente allo sviluppo del betting exchange sportivo.”

Betting Trader:”Matchbook investirà nel mercato italiano?”
Aasterud:”L’espansione internazionale è una delle nostre massime priorità e, ovviamente, include anche l’Italia. Noi crediamo davvero nel mercato italiano e conosciamo l’amore degli italiani per le scommesse sportive. Gli italiani hanno una ricca storia per quanto riguarda le scommesse e i casinò, e molti siti web affiliati hanno avuto molto successo raggiungendo il mercato locale. Anche se ci troviamo di fronte a qualche ostacolo normativo, noi crediamo che l’Italia possa diventare un mercato importante per il betting exchange nel futuro. Matchbook ha molti clienti italiani che vivono fuori dall’Italia e che durante Euro 2012 hanno sfruttato le quote di Matchbook, che erano le migliori sul mercato.”

Betting Trader:”I residenti in Italia non possono scommettere sui siti “.com”. Cosa ne pensi di questa proibizione?”
Aasterud:”Stiamo valutando i costi e le risorse di cui abbiamo bisogno per ottenere una licenza, ma nel frattempo siamo desiderosi di sviluppare e mantenere i nostri forti legami con la grande comunità di italiani che vivono fuori d'Italia.”
Share:

sabato 20 ottobre 2012

Enada Roma 2012: briciole per il betting exchange.


Enada Roma 2012 si è conclusa senza tanti clamori e novità eclatanti. I virtual games sono stati i protagonisti di questa edizione, la cui sperimentazione dovrebbe partire a breve.
Di betting exchange? Solo briciole. Microgame ha presentato il suo prodotto People’s Ibex con una brochure che illustra le 4 caratteristiche chiave. Testualmente, dalla brochure, la descrizione delle 4 parole chiave:

-Tecnologia: GBE è sviluppatrice e proprietaria della tecnologia utilizzata e testata in questi 10 anni con oltre 1000 anni di lavoro uomo dedicati al progetto.

-Liquidità: GBE ha una forte e solida base di utilizzatori che forniscono denaro al sistema per circa 1,5 miliardi di euro a settimana su un totale di 4.500 mercati ( ma resta da comprendere come fornire questo denaro con la liqudità inizialmente solo nazionale).

-Affidabilità: GBE ha un totale di circa 50 milioni di scommesse processate annualmente per un valore complessivo che supera i 7 miliardi di euro

-Flessibilità: Le soluzioni offerte da GBE e Microgame e sono trasversali all'interno del mondo del betting, soddisfando sia gli scommettitori sia i bookmakers.

Inoltre, la piattaforma dovrebbe offrire idealmente mercati su qualsiasi evento, una gestione degli eventi 24h su 24 e 7 giorni su 7 e una vasta gamma di canali d'accesso (smatphone, tablets etc). Infine, vengono citati i dati che sottolineano la grande crescita del betting exchange a livello globale, con una crescita tra il 2003 e il 2009 con un rapporto di 9 a 1 rispetto alla tradizionale raccolta delle scommesse online. Noi, non vediamo l'ora di mettere alla prova questa piattaforma. Sarà un piacere.
Share:

venerdì 19 ottobre 2012

Accordo di cooperazione Francia-Spagna (Arjel-Dgoj)



Il 27 settembre l’Arjel (Autorità di regolamentazione del gioco online francese, nell'immagine il logo) ha ufficializzato l’accordo di cooperazione con la spagnola DGOJ (Direzione Generale del gioco). Lo scopo dell’accordo è “lottare efficacemente contro i siti illegali, per preservare l’etica delle competizioni sportive e per accrescere la protezione dei giocatori”. Questo accordo fa seguito a quelli già siglati nei mesi scorsi dalla stessa Arjel con l’AAMS e la Commissione sul gioco inglese.
Questi accordi sono promossi proprio dal presidente dell’Arjel Jean Franҫois Vilotte, con l’obiettivo di costruire un mercato europeo aperto del gaming.
Gli accordi tra Spagna, Francia e Italia porterebbero alla creazione di un mercato unico a partire dal poker, per poi arrivare a tutti i giochi online, compreso il betting exchange quando verrà definitivamente regolamentato.  Un giocatore francese, in questo modo, potrebbe decidere di accettare la quota offerta da uno spagnolo per scommettere su un determinato evento.
Al momento rimane esclusa da questo progetto la Germania, che va in direzione opposta  e pensa ad una chiusura del mercato del gioco online.

Share:

giovedì 18 ottobre 2012

Bancora (AD Betfair Italia):”Il processo di regolamentazione continua”



C’è fermento nel mondo del betting. Numerose sono state le reazioni alla notizia del parere favorevole del consiglio di Stato per il decreto riguardo il betting exchange. Di rilievo le opinioni espresse da Betfair, leader mondiale nello scambio scommesse, esternate in primo luogo da Martin Cruddace (Chief Legal Officer and Regulatory Affair) con un comunicato stampa e poi da Massimiliano Bancora (AD di Betfair Italia), con delle dichiarazioni rilasciate all’agicos. Ecco le parole di quest’ultimo:”Il processo di regolamentazione continua, siamo in attesa di conoscere il protocollo finale. A questo punto, mancano solo la firma del ministro Grilli ed il completamento dell’iter tecnologico per la creazione della piattaforma di gioco da parte di SOGEI, così da poter offrire, entro la fine dell’anno, come dichiarato da AAMS, il betting exchange agli italiani. Un prodotto adatto agli scommettitori che sono alla ricerca di scommesse con caratteristiche diverse da quelle attualmente disponibili: ad esempio, i nuovi giocatori provenienti dal mondo della finanza che potranno utilizzare le strategie di trading adottate in borsa, oppure coloro che già utilizzano il betting exchange su canali non autorizzati; o ancora tutti quei giocatori che, grazie alla loro abilità, vincono grandi somme scommettendo in modo professionale, una tipologia di scommettitore, questa, in genere non apprezzata dagli operatori tradizionali.”

Share:

mercoledì 17 ottobre 2012

Il betting exchange diventerà realtà. Quando?




La notizia del parere favorevole del consiglio di Stato per l’introduzione del betting exchange in Italia ha fatto esultare alcuni e ha intristito altri. La prima domanda che tutti si sono fatti è: quando partirà lo scambio scommesse? L’ultima notizia in tal senso l’avevamo avuta ad Agosto, grazie ad un'indiscrezione trapelata in Rete: non prima del 2015. Questa ipotesi è clamorosamente tramontata, visto che i passaggi tecnici per l’avvio di questa autentica rivoluzione del mondo delle scommesse sono già a buon punto. Il decreto, appena corretto, sarà firmato da Vittorio Grilli (Ministro dell'Economia), poi passerà in Corte dei Conti e, infine, verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Gli ultimi aggiornamenti, tuttavia, sembrano essere incoraggianti. L'Ansa, in una nota, ha titolato "Betfair: betting exchange entro fine anno" (vedi immagine). Ce lo auspichiamo. Parere discordante per Roma Capitale, che invece ha titolato "Prime partite nel 2013". Precisamente, l'introduzione secondo la testata romana, sarebbe prevista per il primo semestre del nuovo anno.
In conclusione, non c’è una data certa in cui partirà questa autentica rivoluzione del mondo delle scommesse. Di certo c’è solo che la rivoluzione ci sarà a breve, e noi la vivremo in diretta tra qualche mese!




Share:

martedì 16 ottobre 2012

Betfair (.com) commenta il parere del Consiglio di Stato





Con un comunicato stampa Betfair esprime con favore il via libera del Consiglio di Stato al betting exchange in Italia. Grazie alla concessione ottenuta Betfair potrà proporre il proprio prodotto di punta online sul sito betfair.it
Commentando la notizia di ieri, Martin Cruddace, Betfair Chief Legal Officer e Regulatory Affairs, ha detto le seguenti parole:
"Siamo lieti di avere l'opportunità di portare il nostro rivoluzionario betting exchange in Italia.
Questo parere conferma lo sviluppo positivo della regolamentazione del gioco d'azzardo online in Italia e dimostra che le autorità italiane hanno piena fiducia di questa tipologia di gioco e sarà una buona mossa sia per i consumatori che  per il mercato delle scommesse in generale. Non vediamo l'ora di collaborare con le autorità in Italia per offrire ai consumatori una scelta più ampia e un migliore rapporto. L'espansione internazionale è un elemento chiave della strategia di crescita attuale della società e la nostra capacità di concedere in licenza il nostro prodotto in Italia è estremamente importante per noi."

Share:

lunedì 15 ottobre 2012

CI SIAMO! Ok del consiglio di Stato per il betting exchange in Italia!


CI SIAMO! La notizia che tanto aspettavamo è arrivata: il consiglio di Stato ha dato parere favorevole per quanto riguarda il decreto dei Monopoli per il betting exchange in Italia!
I giudici, nonostante il parere favorevole, hanno comunque sottolineato il necessario intervento per quanto riguarda una serie di piccole correzioni del testo. In particolare, il riferimento è alla tutela dei minori, il calcolo dell’imposta e gli strumenti di limitazione o di autoesclusione da parte del player. Più una serie di piccoli accorgimenti su termini più o meno tecnici da utilizzare/evitare. Una volta realizzate queste piccole modifiche (ostacoli che, comunque, sembrano tutt’altro che insormontabili), dovrebbe arrivare la firma da parte del Ministro dell’Economia, Vittorio Grilli. L’ultimo passaggio, infine, riguarda la registrazione alla Corte dei Conti. Dopodichè, il mondo del betting in Italia cambierà definitivamente e in meglio.
Ancora qualche piccolo dettaglio: la puntata minima sarà pari a 0,50€, mentre quella massima a 10.000€. Il provider che mette a disposizione la piattaforma, potrà trattenere un massimo di 10% di commissione. Ma comunque, sembra ovvia e di buon senso l’applicazione di una commissione inferiore.
Un altro piccolo passo è stato fatto, adesso manca lo scatto decisivo che ci consentirà di scambiare scommesse in maniera legale anche in Italia. Scommettiamo che ci divertiamo?
Share:

domenica 14 ottobre 2012

“Presto il decreto per il betting exchange in Italia”. Parola di Fabio Felici.



(Homepage AGICOS)
In un intervista rilasciata 2 giorni fa a “Il Giornale”, Fabio Felici, direttore dell’agenzia agicos (agenzia giornalistica concorsi e scommesse) ha rilasciato interessanti novità riguardo il betting exchange. Queste le sue parole:”Presto l'Aams dovrebbe pubblicare anche il decreto sul betting exchange (scommesse tra utenti). In pratica, aprendo un conto di gioco online, una persona potrà offrire le proprie quote (fino al limite, controllato dalla Sogei, della solvibilità delle eventuali vincite con il capitale disponibile sul proprio conto) su vari eventi agli altri scommettitori. Insomma tutti potranno diventare dei bookmaker.”
Una curiosità: tra i vari giochi citati da Felici, c’è stato un preciso riferimento ai virtual games:”A breve si attende la pubblicazione del decreto Aams sulle scommesse su eventi virtuali, eventi simulati dal computer (come corse di cani, auto, partite tipo Playstation, ecc) sui quali si potrà scommettere ogni cinque minuti.” A distanza di sole 24 ore, c’è stata la pubblicazione sul sito dell’AAMS della bozza delle linee guida dei giochi virtuali. Che questo curioso episodio sia di buon auspicio anche per lo scambio scommesse?

Share:

sabato 13 ottobre 2012

Un mercato unico per il gambling?


(Homepage sito ufficiale Egba)


A giorni la Commissione Europea dovrebbe pubblicare le linee guida per il gambling online. Precisamente, la data dovrebbe essere il 24 ottobre. Il segretario generale dell’EGBA (European, Gaming & Betting Association) Sigrid Lignè ha fatto trapelare che il documento della Commissione Europea contenga le direttive per la creazione di un mercato unico dell’online. L’obiettivo è quello di uniformare le regole. Uniformare non solo nelle regole, ma anche nella tassazione. Proprio questo punto ha creato un dibattito in Italia per il betting exchange. Infatti, il decreto italiano prevede una tassazione più alta e potrebbe creare problemi per i concessionari italiani che offriranno questa tipologia di gioco, rispetto ai grandi competitors stranieri.
Per il betting exchange sarebbe importante creare un unico mercato europeo per favorire la liquidità, elemento indispensabile per il corretto funzionamento dell’exchange.
Sigrid Lignè ha affermato che: “E’ assurda la situazione attuale, nella quale si registrano ben 27 mini mercati interni nel Vecchio Continente. Alla  Commissione abbiamo chiesto l’introduzione di norme comuni, per garantire un’adeguata protezione degli utenti e per mantenere un ambiente legale in tutta l’Unione. La Commissione ritiene necessario un mercato unico per lavorare in maniera adeguata, come nell’offline. Bruxelles non può più permettersi di ignorare un settore come quello dei giochi online che nel 2010 rappresentava 8,5 miliardi di euro e nel 2015 passerà a 13 miliardi di guadagni”.
Ci saranno novità a breve. Noi, come sempre, ci saremo!

Share:

venerdì 12 ottobre 2012

Livorno-Spezia: combine o boutade?


“Puntate tutto sullo Spezia dato a 3.55. La partita è stata acquistata, dietro c'è la mafia. Il Livorno ha offerto il match con la complicità della mafia. L'informazione è totalmente sicura". Questo è il post che è apparso sulla pagina Facebook di Pronostiqueur Pro (un pronosticatore francese) prima della partita Livorno – Spezia, posticipo del lunedì del campionato di Serie B italiana. Come tutti sanno, la partita è finita con un roboante 1-5; quindi in molti hanno pensato che la “dritta” dello scommettitore francese fosse la prova di una combine. Il clamore è stato suscitato subito dal passaparola in rete, e immediatamente l’autore del pronostico si è affrettato a dichiarare: “La partita Livorno-Spezia non aveva niente di truccato. Bastava semplicemente fare un’analisi tattica, io non ho alcuna informazione, né conosco la mafia. Se davvero avessi avuto informazioni di questo tipo non le avrei mai pubblicate su Facebook. Sapevo solo che la difesa del Livorno non avrebbe potuto contenere l’attacco dello Spezia e ho inventato una storia altrimenti non mi avreste ascoltato. Non c’era niente di truccato, sono solo un buon pronosticatore".
Tuttavia questo episodio ci permette di accennare ad un grave problema: il discredito che il calcio italiano ha all’estero. Una volta, il sospetto che certe partite fossero “aggiustate” veniva alle ultime giornate di campionato, quando i giochi erano fatti o bisognava chiuderli. Negli ultimi anni, invece, a seguito anche delle varie inchieste sul calcioscommesse che hanno coinvolto e stanno coinvolgendo anche giocatori di alto livello, il sospetto aleggia praticamente su tutte le partite di una stagione, financo le prime. Ciò potrebbe indurre, come ovvio, molti scommettitori ad evitare accuratamente i campionati italiani, con conseguente deperimento del mercato. Anche nello sport, il Sistema Italia è totalmente screditato.

Share:

giovedì 11 ottobre 2012

Betting Exchange in Italia: annunciazione, annunciazione?


(Ecco il link alla parola chiave "betting exchange" del Sole 24 Ore)

Basta poco, pochissimo per scatenare l’entusiasmo di migliaia di appassionati di betting exchange in Italia. E’ ciò che è successo ieri, complice un aggiornamento sul sito del “Sole 24 Ore”, storico quotidiano economico italiano.
I fatti: nella sezione “argomenti” viene aggiornata la voce riguardante il betting exchange. La descrizione, in realtà, non aggiunge nulla di nuovo a ciò che già sappiamo: il betting exchange è stato previsto nel decreto Abruzzo, il funzionamento del gioco prevede il duplice ruolo per l’utente sia di banco sia di punta e che l’accettazione della giocata sarà soggetta ad un controllo da parte del sistema informatico per verificare la capacità di pagamento per l’eventuale vincita. Un dettaglio, però, colpisce: “la nuova tipologia di scommesse potrebbe vedere la luce entro la fine dell’anno”. Come potete vedere dallo screenshot, la data dell’ultimo aggiornamento è proprio 10 ottobre 2012, ossia ieri.
In realtà, noi pensiamo che non ci sia nulla di nuovo: si tratta, si presume, di una semplice aggiunta del termine betting exchange all’interno delle parole chiave della sezione “argomenti”. Se avessero avuto aggiornamenti, avrebbero sicuramente dedicato un articolo alla questione. Ci auguriamo, comunque, che la previsione del “Sole 24 Ore” si riveli azzeccata.
Share:

mercoledì 10 ottobre 2012

Trading nel betting exchange "settimanale"

Serie A TimNelle settimane precedenti abbiamo analizzato tutti i “tempi” del trading: da quello immediato (ad esempio il live, fino a sfiorare lo scalping) a quello a lungo termine (ad esempio il trading sugli antepost). Oggi approfondiamo il trading su un tempo di una settimana. L’esempio classico, per comprendere meglio il discorso, si può fare con la Serie A italiana.

Ogni lunedì, i principali books mondiali producono le quote di Serie A. Alcuni utilizzano la tecnica della lavagna alta (quindi quota bassa): le informazioni sono poche, quindi bisogna mettersi sulla difensiva e magari le quote verranno alzate man mano che si avvicina alla data dell’evento. Altri utilizzano la tecnica inversa: lavagna bassa, quota alta e poi “sforbiciata” finale in prossimità dell’evento. Nessuna delle due tecniche è esente da errori, ma partono ovviamente da due impostazioni diverse: una difensivista e l’altra offensivista, un po’ come Mondonico e Zeman!

Perchè prendiamo i books classici come riferimento? Perchè ad inizio settimana il mercato su Betfair non è ancora formato, e può tranquillamente capitare che un book abbia la “punta” più alta di quella di Betfair (ma sempre sotto il banco) Qualora ciò non si verificasse, ovviamente prenderemo di riferimento la “punta” di Betfair (o altro sito di betting exchange).

Come fare trading “settimanale”? Semplice! Quale quota della serie A sarà giocata più di tutte? Allora bisogna puntare su quella: prenderla dal book che la offre più alta, e attendere. Se avremo ragione, la domenica quella quota si sarà abbassata di parecchio, e noi potremo bancarla. Chiaramente vi sono alcune cose che potrebbero influenzare la variazione del gioco, e quindi della quota: pensiamo agli infortuni o alle partite di coppa infrasettimanali. Va anche detto, però, che a noi interessa poco se la squadra su cui abbiamo puntato effettivamente vincerà. A noi interessa solo che quella squadra sia tra le più giocate, sicchè la sua quota scenderà sicuramente garantendoci una vincita matematica.

Share:

martedì 9 ottobre 2012

Focus on: Betliner


Betliner HomepageÈ sempre utile, da un punto di vista strettamente informativo, conoscere varie piattaforme di betting exchange. Continuiamo con la carrellata di operatori che operano nell’ambito del betting exchange al di fuori dei confini del Belpaese. Oggi è il turno di Betliner, che offre la possibilità di scambiare scommesse su diversi sport come il calcio, basket, tennis, formula 1, hockey e baseball.

Il sito è tradotto in due lingue: inglese e tedesco. La piattaforma fa molto affidamento sull’interfaccia diversa dalle comuni piattaforme di betting exchange, che in teoria dovrebbe semplificare l’accesso alle quote da parte degli utenti. Interessante anche il servizio del play for fun, dove è possibile provare immediamente a puntare o bancare una quota.
Betliner, oltre ad offrire il servizio di betting exchange, opera anche nell’ambito dei casinò (betvoyager) e del poker (betraiser).


Per quanto riguarda il supporto clienti, è prevista un'assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, attraverso il telefono o via e-email. Da notare, infine, che l'azienda fornisce spesso delle esclusive promozioni con lo 0% di commissioni. Simili iniziative, sono in grado di aumentare sensibilmente, il margine di guadagno dei Betting Traders.

Share:

lunedì 8 ottobre 2012

La filosofia del betting exchange



Navigando un po’ in rete, tra forum disparati e siti di informazione, capita sempre più spesso di imbattersi in un “equivoco filosofico”: bancare è un po’ come scommettere al contrario. Facciamo un esempio, prendendo il derby Milan – Inter come riferimento: nel betting classico, bisogna scommettere sull’esito che si verificherà (ad esempio, la vittoria del Milan); nel betting exchange, bisogna scommettere sull’esito che non si verificherà (ad esempio, bancare l’Inter perché crediamo che non vincerà). Ciò è vero, per carità, ma non rispecchia la “filosofia del betting exchange”, perché lo scopo non deve essere scommettere su ciò che non succederà, ma bancare la quota che salirà e puntare la quota che scenderà. Sono due posizioni, due prospettive completamente diverse: nel primo caso, la nostra vincita o perdita sarà legata all’esito della partita; nel secondo caso, sarà indipendente dall’esito della partita. Questa – se vogliamo – è la principale differenza tra betting e betting exchange. Lo scommettitore classico scommette su un esito, e attende la fine della partita (o del primo tempo, o il raggiungimento dei gol necessari, ecc…) per vincere o perdere; lo scommettitore di betting exchange, invece, punta su un evento pronosticando che la quota scenderà, per poi bancarla e vincere sicuramente; oppure banca su un evento pronosticando che la quota salirà, per poi puntarla e vincere matematicamente. Come si vede, il betting exchange è indipendente dal risultato (o meglio, non è la cosa principale), perché lo scommettitore non deve attendere che l’evento su cui ha puntato si verifichi: a lui basta semplicemente che la variazione di quota sia tale da produrre una vincita.

Share:

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange