Anche in Francia c’è una partita sospetta.


Sembra che anche i “cugini” transalpini siano stati toccati dal morbo delle partite sospette. Sotto la lente di ingrandimento dell’Autorità francese per la regolamentazione del gioco online (Arjel) è finita la partita tra i campioni in carica del Montpellier e l’Ajaccio, squadra che milita nei bassifondi della classifica. Il match, disputatosi sabato 27, ha visto la vittoria della compagine corsa per 2 a 1. I principali operatori di mercato, non solo francesi ed europei, ma anche asiatici, avevano registrato già dal venerdì fluttuazioni anomale di denaro, e quindi di quota, sulla partita e avevano denunciato l’anomalia all’Arjel, come conferma il presidente dell’autorità Jean-Francois Villotte.

Commenti