Calcioscommesse, considerazioni sulle richieste di Palazzi.


A Roma è iniziato il processo di I grado per i presunti illeciti di Lazio-Genoa e Lecce-Lazio del 2011. Coinvolti personaggi del calibro di Mauri e Milanetto, ma anche nomi di secondo piano come Benassi, Ferrario, Rosati, Gervasoni, Cassano e Zamperini. Tra le società spiccano i nomi di Lazio, Genoa e Lecce.
Le richieste di Palazzi che più hanno fatto discutere sono state: 4 anni e mezzo per Mauri, 6 punti di penalizzazione e 20.000 € di multa alla Lazio di patron Lotito.
Le scommesse sulle partite in questione, inoltre, pare siano state effettuate all’estero e proprio su questo punto Palazzi ha ricordato la collaborazione attiva di Sks365, bookmaker austriaco, che ha collaborato creando una relazione sui flussi di scommesse relativi alle partite in questione.
Ovviamente non si sono fatte attendere le reazioni da parte degli avvocati dei personaggi coinvolti, che hanno negato ogni coinvolgimento dei propri assistiti.
Un paio di considerazioni sulla vicenda: indagato non significa colpevole. I processi lasciamoli fare in tribunale, dunque è bene avere un atteggiamento prudente sulla posizione di tutte le persone coinvolte. Allo stesso modo, gli avvocati sono pregati di non fantasticare su presunte congetture da parte della Procura. Non esistono “disegni”, nè “accanimenti” nei confronti di nessuno. Pensate forse che stiamo facendo riferimento all’avvocato di Stefano Mauri? Esattamente. Ma qui il problema è semplicemente una giustizia sportiva che parte dal principio di “presunta colpevolezza”, al contrario della giustizia ordinaria. Un problema sistemico, che esula dal caso del singolo.

Commenti