Social combine: contatti su Facebook per truccare i match.


Tutto è partito a marzo. Una decina di calciatori militanti in Prima Divisione di 3 squadre diverse (secondo i rumours uno dei club sarebbe il Como) sarebbero stati contattati da uomini dell’est per truccare partite. Proposta rifiutata e pronta denuncia alle autorità competenti. I giocatori sarebbero stati addirittura contattati attraverso i loro profili personali su Facebook. Il direttore generale della Lega Pro, Ghirelli, ha manifestato tutta la propria soddisfazione, ricordando le diverse misure messe in atto per la lotta al match fixing. Dalla collaborazione con Sport Radar all’Integrity Tour.
A noi, francamente, la storia convince poco. Facebook non è esattamente il modo migliore per portare a compimento una combine. Lo capirebbe anche un bambino. Ci risulta difficile immaginare che realmente c’era la volontà di truccare un match in questo modo. Resta però il dato positivo del comportamento dei giocatori, che hanno prontamente denunciato il tutto. Resta un interrogativo: se il contatto fosse avvenuto in maniera diretta, senza la possibilità di essere tracciati, i calciatori avrebbero avuto lo stesso comportamento?

PS: non perdere gli aggiornamenti di Betting Trader su Facebook!

Commenti