Entra anche tu nella rivoluzione del Betting Exchange

Se non hai ancora aperto un conto fallo subito, e segui il nostro blog per imparare ad operare nel Betting Exchange sia da scommettitore evoluto che da Sport Trader - BettingTraderBlog.com.

mercoledì 30 aprile 2014

Federbet conferma le anomalie su Juve Stabia-Avellino


Anche Francesco Baranca, segretario generale di Federbet, ha confermato le anomalie di puntate avute su Juve Stabia-Avellino. Ricorderete, ne abbiamo parlato in questo post, sottolineando strani movimenti riscontrati durante quella giornata, soprattutto in live.
Baranca, aveva già avuto modo di sottolineare prima del match i propri timori, in particolare per l’1-1 al termine del primo tempo e l’Over 2,5 finale. Come è finita la partita? 1-1 alla fine del primo tempo (reti di Caserta per i padroni di casa e Castaldo per gli ospiti). Risultato finale: 2-2 (dunque over), con goal di Caserta (sì, ancora lui) e Galabinov. Baranca ha sottolineato che “bisogna andare con i piedi di piombo prima di parlare di match fixing”. Tuttavia, “il problema non può essere sottovalutato, visto che già il giorno prima molti quotisti avevano chiuso il gioco”. Qualche esempio? Betflag (Sportsbook), che nel giorno della partita non ha consentito di effettuare puntate ai propri scommettitori. Monito anche per quanto riguarda i mercati internazionali:”Fine settimana da allarme rosso sui campionati della Repubblica Ceca e seconda divisione portoghese”. State attenti, Traders.

Share:

martedì 29 aprile 2014

Betfair: via dalla Russia

Continua la realizzazione della politica del CEO di Betfair Breon Corcoran di concentrarsi sui mercati “sostenibili” e di non investire su altri. Sembra che il numero preferito sia il 12.
Fuori da 12 paesi per concentrarsi su altri 12.
Gli “in” sono: Regno Unito, Australia, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia

Gli “out” sono: USA, Cina, Hong Kong, Giappone, Malta, Francia e Turchia per ragioni normative. Successivamente sono stati aggiunti Sud Africa, Germania e Grecia, ed infine di recente, Canada e Russia.
Proprio la Russia, è l’ultima colpita da questa politica. Niente più investimenti di marketing in questo Paese ed eliminata la lingua russa da Betfair.com. Dallo scorso 11 aprile Betfair non accetta più nuove iscrizioni, i conti già aperti potranno però continuare ad essere operativi.

PS: il riferimento ai Paesi del post non è esclusivamente rivolto al prodotto Exchange, ma alla globalità dei servizi offerti da Betfair. 
Share:

lunedì 28 aprile 2014

Bancora ai Traders:”Siate pazienti!”


Nei giorni scorsi, abbiamo avuto modo di scambiare qualche parola con l’ex AD di Betfair Italia, Max Bancora. Lo abbiamo fatto pubblicamente, attraverso Twitter (diventate nostri follower!). Gli argomenti trattati sono stati vari, dalla liquidità all’ippica, passando per i primi giudizi iniziali riguardo il lancio del betting exchange in Italia. Nelle ore successive, lo stesso Bancora ha avuto modo di ampliare il suo parere, senza i tradizionali vincoli di caratteri presenti su Twitter. Lo ha fatto con questo post

Il paragone fatto da Bancora tocca l’ambito culinario: dopo aver assaporato il miglior panzerotto della città, non è semplice andare in un qualsiasi locale economico e accontentarsi di hamburger e patatine fritte. La stessa cosa accade con il betting exchange. Non è facile accontentarsi di Betfair Exchange .it, dopo aver assaporato il .com.

Una cosa simile è accaduta col poker, ma senza l’effetto “panzerotto”. Perchè, nonostante il lancio pokeristico iniziale di Gioco Digitale non sia stato esaltante (tra bug e problemi vari), la maggior parte degli utenti non avevano mai provato il prodotto prima.

Il passaggio probabilmente più importante è questo: Bancora, non è sicuro che sia stato fatto il massimo da parte di Betfair, per evitare questo tipo di problematiche. Probabilmente il lancio è stato fatto con l’intento di “migliorarlo in corsa”. L’invito di Bancora è dunque quello di essere pazienti e di dimenticare il .com per cominciare a pensare a qualcosa di nuovo che potrebbe valere la pena aspettare.

Share:

domenica 27 aprile 2014

Paypal sbarca su Betfair Italia


Da qualche settimana, come vi abbiamo comunicato sui social, Betfair Italia ha inserito Paypal tra le proprie modalità di deposito. Si tratta sicuramente di un passo in avanti, che consentirà ai Traders di aver una maggiore possibilità di scelta per quanto riguarda il momento cruciale del deposito. Dunque, al momento, è possibile depositare sia con carta di credito, sia con Paypal (deposito minimo di 6€, elaborazione immediata e 0 commissioni). Oppure, c’è la terza opzione basata sul bonifico bancario (deposito minimo 15€, 0 commissioni e elaborazione dai 2 ai 5 giorni).

Per lanciare al meglio questa nuova introduzione, Betfair ha messo a disposizione uno speciale bonus valido fino alle 23:59 di stasera. Chi depositerà attraverso Paypal, avrà uno speciale bonus del 100% pari all’importo depositato fino ad un massimo di 10€. Dunque, se siete interessati, approfittatene! Per chi non fosse registrato, invece, il link per creare l’account è questo.

Share:

sabato 26 aprile 2014

Nuovi codici tributo per versare l’imposta sull’Exchange


Nei giorni scorsi, l’Agenzia delle Entrate ha preso le contromisure per adeguarsi al betting exchange, istituendo dei nuovi codici tributo per versare l’imposta unica sul betting exchange.
Dunque, con i codici 5352 e 5361 i contribuenti potranno versare, con il modello F24, l’imposta, gli interessi e le sanzioni. Inoltre, sono stati stabiliti altre 2 tipologie di codici.
La prima tipologia, riguarda i codici per effettuare i pagamenti delle somme dovute a seguito dei controlli dei Monopoli (codici da 5362 a 5365).
La seconda tipologia, riguarda quelli per saldare l’imposta unica, laddove vi siano conti pendenti con l’Erario. Codici: da 5366 a 5371.

Tranquilli, non dovete pagare tasse aggiuntive per usufruire dell’Exchange. Il meccanismo relativo alle tasse è già noto, ma lo ripetiamo per coloro che non lo avessero ancora letto.
Il bookie che mette a disposizione la piattaforma Exchange, decide un tot. di commissione da applicare sulle vincite dei clienti (fino ad un max del 10%). La commissione applicata da Betfair Exchange, ad esempio, è del 5%. Su questo 5%, Betfair deve dare il 20% allo Stato, in qualità di sostituto d’imposta. Dunque, i soldi guadagnati dai Traders in Italia sono già tassati.

PS: iscrivetevi a Betfair e scoprite la nuova promo riservata per Inter-Napoli.
Share:

venerdì 25 aprile 2014

Rodano:”Liquidità condivisa in fase di studio”

Anche Rodano, Capo dell’Ufficio Gioco a Distanza dei Monopoli di Stato, ha espresso la sua opinione riguardo il betting exchange. Innanzitutto, i motivi che hanno spinto all’introduzione di questo prodotto in Italia. Noti e stranoti: il betting exchange è stato un prodotto regolamentato in diversi paesi del mondo e i residenti italiani vi accedevano semplicemente cambiando i dns. Dunque, l’introduzione del punta e banca in Italia è servito a rendere disponibile in forma “legale” un prodotto molto apprezzato dai gamblers italiani.

Passaggio cruciale sulla liquidità: attualmente è in fase di studio preliminare una liquidità condivisa con Spagna e UK. Però, è ancora presto per stabilire se e quando il progetto si realizzerà effettivamente.
Capitolo ippica: Rodano ha sottolineato che la decisione deve essere presa dalle autorità politiche, non dai regolatori. Non a caso, anche Corcoran, Ceo di Betfair, qualche giorno fa ha sottolineato di voler incontrare il ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina, per introdurre l’ippica nello scambio scommesse.
Rodano, ha infine sottolineato, che sono al lavoro per ridurre i tempi di riscossione delle vincite serali. Un tema che tocca la sensibilità di molti traders.

Share:

giovedì 24 aprile 2014

Quanti soldi investire sul Betting Exchange?

Dollaro Sterlina Schermo
(Credit Photo)
Il Betting Exchange è arrivato in Italia, molti già lo conoscevano, altri si stanno appassionando. Questo post è proprio dedicato a quest’ultimi.

Quanto occorre depositare inizialmente per giocare sull’Exchange? Una cifra esatta non c’è. Come per ogni investimento, occorre prima accumulare conoscenza ed esperienza, soprattutto quando si è alle prime armi, perchè il rischio di perdere soldi è dietro l’angolo.

Quindi, prima di investire anche solo un euro, consigliamo di comprendere come funziona esattamente il punta ed il banca. Sul nostro blog troverete molti articoli utili anche sulle strategie da adottare a seconda degli sport e situazioni che si presentano.
Simulate delle giocate, segnandovi gli andamenti delle quote pre match e live.
Quando siete sicuri di aver ben compreso il gioco, apritevi il conto sfruttando anche qualche bonus di benvenuto.

A questo punto, depositate una piccola cifra e mettete in pratica ciò che avrete appreso, magari confrontandovi anche con altri appassionati (sulla nostra fanpage Facebook ci sono discussioni quotidiane sull’argomento!). Non ha senso partire giocando molto, dunque pensate sempre alle scommesse prima di tutto come ad un divertimento, una passione da svolgere nel tempo libero.

Se avete dei quesiti non esitate a chiedere a noi e ad i nostri traders!

Share:

mercoledì 23 aprile 2014

Casa Betflag: test sul betting exchange esaltanti


Continuano i test sul Punta e Banca griffato Betflag. Noi stessi, stiamo provando in questi giorni la piattaforma e vi abbiamo mostrato le prime immagini. Da casa Betflag, filtra entusiasmo per questa fase di test, che ha visto raccogliere anche oltre 140.000€ di liquidità in un solo giorno sulla piattaforma. Proprio in virtù di questi dati, questa fase è stata definita “esaltante”, poichè il prodotto è stato offerto ad una cerchia ristretta di utenti seppur a condizioni vantaggiose (0% di commissione). Dunque appare sempre più vicina la data d’introduzione pubblica di Betflag Exchange.

Cosa fare per partecipare ai betatest?

Occorre registrarsi al sito tramite questo link e poi collegarsi a www.betflag.it/puntaebanca

Nei commenti, ci piacerebbe sapere le vostre impressioni circa questa nuova piattaforma.

Share:

martedì 22 aprile 2014

Corcoran (Ceo Betfair):”Cercheremo di portare l’ippica nel betting exchange italiano”


Il Ceo di Betfair, Breon Corcoran, ha commentato per la prima volta l’introduzione del betting exchange in Italia. Innanzitutto, ha cercato di rassicurare gli amanti dell’ippica, affermando la volontà di voler parlare con il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, per introdurre lo scambio scommesse anche sui cavalli. Ha inoltre aggiunto, che per una novità del genere ci vorranno anni.
Ha poi aggiunto, sul tema dell’imposizione fiscale:”Il modello giusto è la tassazione sul margine e non sugli incassi, come previsto dalla legge italiana in vigore, ed è sostenibile: l’obiettivo di tutti deve essere quello di tenere questa attività in Italia e per riuscirci la tassazione non deve essere eccessiva”. Dunque, un assist agli operatori tradizionali:”Auspichiamo che la tassazione sul margine di guadagno dei bookmakers possa essere applicata anche alle scommesse tradizionali”.

Infine, porte aperte agli altri concessionari per quanto riguarda la liquidità. “Il nostro business è ok anche senza la liquidità UE (eeeeeh?! ndr). Abbiamo parlato con molti operatori negli ultimi anni e saremmo contenti di poter collaborare con altri bookmaker, che naturalmente godono di un vantaggio rispetto a Betfair in termini di brand e di presenza sul territorio. Noi abbiamo la migliore tecnologia, ma mi aspetto un’elevata concorrenza: anche altre società offriranno l’Exchange attraverso noi o altre piattaforme. In ogni caso, siamo aperti ad ogni forma di collaborazione per far decollare la Borsa delle Scommesse".

Share:

lunedì 21 aprile 2014

Betting exchange in Italia e depositi non prelevabili: è tutto legale?

Conto Betfair.it
In questi giorni, numerosi Traders hanno segnalato sulla nostra fanpage un’anomalia registrata sul Betfair Exchange .IT. Dove è possibile riscontrarla? Andando nella sezione conto personale, voce “riepilogo”. In questa zona del sito, è possibile osservare il saldo disponibile per le scommesse, i bonus, le vincite. Ma non solo. C’è una vocina, in particolare, che sta facendo discutere: quella dei depositi non prelevabili.


Facciamo un esempio per capirci meglio: io utente Mario Rossi, deposito su Betfair.it 100€. A questo punto, la voce dei depositi non prelevabili segnalerà che ci sono 100€ non prelevabili. Fin qui, prassi comune. Per cercare di ridurre il fenomeno del riciclaggio, è stata attuata questa misura. Il problema dove sorge? Quando operiamo.

Ipotizziamo che lo stesso Mario Rossi abbia mosso, attraverso varie operazioni sull’Exchange, circa 40€ per vincerne 10€. La voce depositi non prelevabili segnalerà che ci sono 90€ non prelevabili, invece che 50€ (40+10).

Facendo la stessa operazione su un bookmaker tradizionale, che offre solo lo Sportsbook, il saldo prelevabile è regolarmente giocata+vincita e non solo la vincita.

Probabilmente, questo aspetto è regolato dal punto di vista normativo, dunque è indipendente dalla volontà di Betfair Italia. La stessa società, però, può farsi portavoce verso le istituzioni di questa vera e propria truffa legalizzata ai danni di chi opera sulle piattaforme Exchange. No al sequestro dei depositi.

Share:

domenica 20 aprile 2014

Le quote del Betting Exchange sono più alte di quelle dei bookies?

Profit Target
(Credit Photo)
Oggi vogliamo rispondere ad un quesito che ci viene posto spesso. “Le quote del Betting Exchange sono più alte di quelle dei bookmakers tradizionali?” In genere, sì! Due sono le cause di questa differenza. La prima è il margine di guadagno che è inserito nel calcolo delle quote delle scommesse tradizionali. Invece, nel Betting Exchange l’operatore prende una commissione solo in caso di vincita (su Betfair Exchange Italia è del 5%).

Il secondo aspetto è riconducibile a chi fa la quota. Nelle scommesse tradizionali ci sono i quotisti professionisti dipendenti del bookmaker che hanno solo il compito di mettere sul mercato le quote il più possibile “giuste”. Dall’altro lato l’utente che vuole “vendere” la sua quota sulle piattaforme Exchange, deve renderla più appetibile rispetto alle quote tradizionali e quindi la offre più alta.

A volte, però, capita di trovare delle quote completamente differenti e questo si può ricondurre alla poco esperienza degli utenti, oppure alla necessità da parte di uno scommettitore, anche esperto, di voler chiudere subito un trading (All Green) perché già sta traendo beneficio da un’altra operazione sullo stesso evento.
Inoltre, è importante sottolineare cosa si intenda per “quote”.

Se parliamo di quote massime, possiamo trovarle veramente ovunque: sia piattaforme Exchange, sia bookies tradizionali. È proprio per questo motivo che è meglio per uno scommettitore o un trader avere più conti dislocati su più piattaforme bettistiche. Se parliamo di quote “medie”, allora tendenzialmente troveremo lavagne più basse sulle piattaforme exchange e su qualche bookie tradizionale che magari risparmia sul marketing, per offrire quote più basse ai propri clienti (dunque avere un margine inferiore).

Share:

sabato 19 aprile 2014

Scommesse: tutta la verità su Juve Stabia - Avellino


Premessa obbligatoria: il fatto che su una partita di calcio girino voci di combine o di strani movimenti di mercato non indica affatto una certezza, nè un sospetto. Sono solo voci, come ne girano tante: talvolta si dimostrano vere, molte altre volte si dimostrano bufale.
Oggi prendiamo in oggetto la partita tra Juve Stabia e Avellino, che si è disputata ieri sera a Castellammare di Stabia. Inutile dire che le quote pre-match indicassero ovviamente l’Avellino come favorita, sia per il netto divario in classifica tra le due squadre, sia perchè la Juve Stabia sta per dire addio alla Serie B. A molte ore dall’inizio della partita, tuttavia, c’è stato un improvviso crollo di mercato sulla quota della Juve Stabia: Pinnacle è sceso a 3.65, Sbobet (riferimento importante per quanto concerne la liquidità asiatica) addirittura 3.20. I books italiani si sono subito adeguati al mercato: alcuni rimanendo alti, altri scendendo decisamente. Perchè questa quota è scesa? Boh. Non c’era un motivo al mondo che giustificasse questo crollo. In Asia, lo spread dell’Avellino è salito tantissimo.

Fin qui, comunque, nulla di troppo anomalo: un crollo ingiustificato non significa nulla, di per sè. Più saporito, invece, è stato il crollo su alcune classi di esito riferite al primo tempo della stessa partita: gol primo tempo e X primo tempo.
Come è andata la partita? Dopo soli due minuti, la Juve Stabia ha segnato un gol, per la gioia di chi aveva puntato sull’1 a quota alta quando il mercato aveva cominciato a crollare (e, così facendo, ha potuto subito coprirsi e bancare). Al 47esimo del primo tempo, pareggio dell’Avellino (quindi gol e X primo tempo): inutile dire che la quota live dell’X primo tempo era altissima.
Secondo tempo: al 74esimo ancora un gol della Juve Stabia (quindi ancora una possibilità di copertura per chi ha giocato l’1 in crollo); infine pareggio dell’Avellino a due minuti dalla fine.
Casualità? Combine? Non spetta a noi dirlo. Noi di Betting Trader ci limitiamo ad informare e a valutare le variazioni di quota che abbiamo considerate anomale, o quanto meno ingiustificate, su questa partita.

Share:

venerdì 18 aprile 2014

Attacco alla regolamentazione del betting exchange in Spagna


Duro attacco alla regolamentazione del betting exchange in corso in queste settimane in Spagna. Parte della sinistra spagnola, secondo Agimeg, avrebbe presentato una mozione per chiedere l’annullamento della regolamentazione del betting exchange e delle slot online. Secondo i detrattori, dunque, questi 2 prodotti non contribuirebbero al raggiungimento dell’obiettivo relativo al contrasto del gioco patologico.
Mozione comprensibile, ma ingenua. Con abbastanza facilità è possibile operare con gli stessi prodotti sul .com e dunque il problema dei malati patologici di ludopatia continuerebbe ad esistere. Dal nostro punto di vista, la ludopatia non si contrasta nè limitando l’offerta di giochi a disposizione nel singolo paese, nè vietando le pubblicità.

Innanzitutto, si deve partire dalla consapevolezza che il problema si può migliorare, ma è complicato risolverlo del tutto. Le auto, pur migliorando notevolmente in termini di sicurezza e affidabilità, continuano a produrre migliaia di morti in tutti gli anni. È solo un paragone. Ma utile per far capire come, nonostante il progresso, sia difficile eliminare del tutto un problema.
Allo stesso modo, una quota di persone che giocheranno in maniera compulsiva, ci sarà sempre. Questo però, non vuol dire che l’impegno verso questa battaglia debba scemare. Dal nostro punto di vista, l’educazione ai giovani riguardo le probabilità e il money management può rappresentare un valido punto d’inizio. Giocare di per sè, non è un aspetto da demonizzare. Occorre diffondere la cultura della responsabilità.

Share:

giovedì 17 aprile 2014

Betflag Exchange: ecco le prime immagini

In questi giorni abbiamo avuto la possibilità di testare la nuova piattaforma di betting exchange firmata Betflag. Attualmente il sito è in versione beta e una cerchia selezionata di utenti sta avendo occasione di provare il prodotto con commissione zero.

Partiamo dal primo punto fondamentale: la liquidità. In questa fase di sviluppo, è assolutamente ingiudicabile. È assente su numerosi eventi, tranne qualche eccezione. Questo elemento, probabilmente anche dopo il lancio ufficiale, rappresenterà un fattore di differenza tra Betfair Exchange e Betflag Exchange, poichè questi ultimi sono partiti in ritardo. Ma non solo. Probabilmente, il gap riguarda anche l’aspetto comunicativo, visto che il brand Betfair è storicamente associato al betting exchange. Betflag, essendo appena sbarcato nel settore, avrà bisogno di forti investimenti nel marketing per poter lanciare al meglio il prodotto.

Betflag però, cercherà di colmare questo oggettivo gap con le commissioni. Come abbiamo già anticipato, al momento i test si svolgono con una commissione al 0%. Probabilmente, a parte qualche piccolo periodo promozionale, dopo il lancio non sarà così. Ma quasi sicuramente, la commissione che incasserà Betflag sarà inferiore a quella che incassa attualmente Betfair (5%). È una dinamica che abbiamo potuto notare anche nei .com, con le piattaforme concorrenti di Betfair in perenne lotta per avere commissioni inferiori al 5%.

Altro punto a favore di Betflag: al momento, è possibile scommettere cifre inferiori ai 2€, ma superiori a 0,50€. Questo elemento sicuramente può piacere a tutti i neofiti dell’Exchange, perchè così hanno la possibilità di provare il funzionamento di questa nuova modalità rischiando meno dal punto di vista economico.

E passiamo adesso alle immagini.


Da un punto di vista cromatico, la punta resta di colore azzurro, esattamente come Betfair Exchange. Diverso invece il colore del Banca, che in Betflag Exchange è di colore arancione. Da notare anche come sia diversa la disposizione tra 1 X e 2 rispetto a Betfair Exchange. 


Sotto l'1 nel punta e banca di Betflag appare l'X, mentre la tradizionale schermata di Betfair prevede la squadra in trasferta appena sotto la squadra di casa. Per cui, fate molta attenzione.



Per quanto riguarda il live, questa è la schermata che vi troverete davanti. Grande risalto sia per i minuti correnti della partita, sia per il risultato provvisorio del match, espressi con un carattere molto grande. 


Infine, è interessante notare la differenza terminologica nel caso della "responsabilità". Il concetto espresso da Betflag, invece, è "esposizione". Termini differenti, stesse funzionalità. 






Share:

mercoledì 16 aprile 2014

Betflag Exchange: al via i test con gli utenti



Una volta effettuato il collaudo, Betflag Exchange ha iniziato a far testare il proprio prodotto ad un gruppo ristretto di utenti. L’obiettivo è quello di limare i piccoli difetti della piattaforma per proporre sin da subito un Exchange degno di tale nome. Sarà molto interessante capire nei prossimi giorni, come la società si sarà strutturata per avere una piattaforma dotata di una buona liquidità. Però, per quanto riguarda l’Italia, non possiamo che essere felici dell’arrivo di nuovi competitor di Betfair, che comunque dovrebbe restare la regina del settore. Riguardo i tempi di introduzione ufficiale di Betflag Exchange, dovrebbe ormai mancare davvero poco per questo atteso lancio.

Share:

martedì 15 aprile 2014

Software per Betfair Exchange Italia: ecco il primo!



Parte il betting exchange, cresce l’interesse (soprattutto da parte di coloro che non hanno avuto la fortuna di dotarsi di un account su betfair.com) verso questa nuova (per l’Italia) modalità di gioco. In questa settimana abbiamo potuto notare come la liquidità sia passata dagli 8.000€ abbinati nel mercato di massima liquidità nella prima serata ai quasi 50.000€ registrati in Udinese-Juve nel mercato esito finale alla fine del primo tempo di ieri. Merito, probabilmente, dei primi market maker approdati sulla piattaforma. Liquidità ancora non soddisfacente? Sicuramente. Distanza abissale dal .com? Fiera dell’ovvio.


Però, Betfair Exchange Italia sta facendo registrare questi lievi progressi, che vanno comunque sottolineati. Lievissimi progressi che ci sono anche nel settore dei software. A breve, sbarcheranno anche sul mercato italiano software specifici per il trading sportivo. Il primo a partire, probabilmente, sarà Traderline. È un software che impareremo a conoscere nei dettagli nelle prossime settimane, con appositi tutorial. Per oggi, preme sottolineare che anche il mercato italiano sta per avere i suoi software. Il suddetto prodotto ha terminato la fase di test e sarà lanciato presto sul mercato. Inoltre, abbiamo avuto diversi contatti con alcune aziende creatrici di prodotti simili, sia nei mesi scorsi e sia in questi ultimi giorni. Possiamo anticiparvi che ne nasceranno di nuovi.

Share:

lunedì 14 aprile 2014

ADM: Nuove scommesse sugli Under/Over


Attraverso un comunicato sul proprio sito ufficiale, l’ADM informa che ha aumentato gli indici disponibili per tutte le scommesse Under/Over (pre match e live).  Con l’Under/Over occorre pronosticare se la somma dei gol segnati da entrambe le squadre nel corso dei 90 minuti regolamentari (più eventuale recupero) superi o meno l’indice di goal stabilito. Se si pronostica under, si ipotizza che il numero di goal segnati da entrambe le squadre sarà inferiore a quell’indice; se si pronostica over, si ipotizza che il numero di goal sarà superiore a tale indice.

Per l’Under/Over sono stati introdotti gli indici: 9,5 - 10,5 - 11,5 - 12,5 - 13,5 - 14,5 - 15,5
Per l’Under/Over Casa e Ospite (occorre pronosticare la somma dei gol segnati dalla squadra in casa o ospite) sono stati introdotti i seguenti nuovi indici: 4,5 - 5,5 - 6,5 - 7,5 - 8,5 - 9,5 - 10,5 - 11,5 - 12,5 - 13,5 - 14,5 - 15,5.
Analoghi indici anche per l’Under/Over 1° e 2° Tempo  in cui occorre pronosticare la somma dei gol segnati nel primo o nel secondo tempo.
I Monopoli precisano che la pubblicazione della disciplina delle nuove scommesse non implica la loro immediata introduzione nel palinsesto che avverrà, progressivamente, sulla base dell’effettuazione dei necessari adempimenti tecnici da parte di Sogei spa.

Share:

domenica 13 aprile 2014

Cos'è il pulsante Cash out su Betfair Exchange?



Una delle novità portate da Betfair in Italia è rappresentata dal Cash out (Incassa ora). Ma cos'è? È una funzione disponibile solo in modalità Exchange che vi consente di bloccare un profitto o una perdita prima della fine dell'evento. Il Cash out è attivo dopo che l’incontro è iniziato in tutti i mercati contraddistinti da un’icona gialla. La funzione calcola in tempo reale il valore delle scommesse piazzate sull’evento in corso in base ai prezzi dei mercati live. Il sistema tramite il Cash out ci dice in tempo reale se stiamo perdendo o vincendo in base al trend della partita e ci da la possibilità di chiudere (cliccando sull’icona gialla) la scommessa in maniera anticipata senza dover attendere la fine.

Se il campo Profitto/Perdita è colorato di verde ci assicura che siamo in attivo, naturalmente in qualsiasi momento la quota potrebbe cambiare in base all’andamento dell’incontro e trasformarsi in rosso, quindi in negativo. E’ importante saper “leggere la partita” e cogliere il momento giusto per ottenere un guadagno certo, premendolo prima che gli eventi cambino, oppure tenere la scommessa aperta e sperare in una vincita maggiore. Più i minuti passano, più la giocata è vicina ad essere vincente, più soldi sono disponibili per il Cash out.
Quando facciamo clic sul pulsante Cash out il sistema si occupa di chiudere il trade piazzando la scommessa sul mercato, vendendola ad altri utenti. Quindi saranno necessari alcuni secondi perché questa venga comprata o più precisamente abbinata.

Share:

sabato 12 aprile 2014

Partenza di Betfair Exchange Italia: dura reazione del comitato clienti italiani

Homepage Blog Comitato

Dopo la partenza di Betfair Exchange Italia, è arrivata la reazione del comitato promotore “clienti italiani di betfair.com”. Il comunicato integrale potete leggerlo sul loro blog. Nell'ambito dell'aspro dibattito che si sta scatenando in queste ore, riteniamo sia giusto offrire adeguato spazio sia a coloro che vogliono godersi il nuovo prodotto arrivato in Italia, sia a coloro che vorrebbero ritornare ad operare sul .com. Ed è proprio per questo motivo che stiamo dando la giusta visibilità a questa iniziativa. 

In sostanza, nel comunicato, si afferma che la “migrazione” dei residenti in Italia da betfair.com sia finalizzata a rendere viva la piattaforma Exchange .it. Inoltre, vengono espresse dure critiche a Breon Corcoran, CEO della società, invitato a farsi da parte.
Viene ribadito, inoltre, che da parte degli aderenti al comitato, non c’è la volontà di formalizzare l’iscrizione Betfair Exchange Italia, poichè hanno intenzione di continuare la battaglia. Chi la spunterà?

Share:

venerdì 11 aprile 2014

People’s Ibex: lancio sospeso?


Non molti sanno, che la prima piattaforma di betting exchange presentata ufficialmente in Italia è stata People’s Ibex. Nata dalla collaborazione tra GBE, Microgame e Betlab. Ma non si hanno notizie riguardo il superamento del collaudo tecnico necessario per la partenza. Peraltro ne parlavamo proprio ieri di questo argomento sulla nostra pagina Facebook (seguiteci per tutte le nostre dritte!). Cosa è veramente successo? È giunta al grande orecchio del Blog una notizia in questo senso: il prodotto, infatti, sarebbe stato momentaneamente sospeso. Quali i motivi?

Pare che ci siano profonde difficoltà nella gestione del prodotto, con poche risorse umane disponibili a lavorare su così tanti fronti in Microgame. Inoltre, in questa fase il betting exchange in Italia viene considerato come un prodotto poco remunerativo. In effetti, essendoci una liquidità esclusivamente italiana ed avendo davanti un colosso del settore come Betfair che fa fatica ad avere un’adeguata liquidità, la possibilità che il progetto si areni momentaneamente sono tante. In più, la nuova concorrenza firmata Betflag, potrebbe convincere definitivamente a sospendere il lancio del nuovo prodotto in casa Microgame.

Probabilmente, in questo momento i dirigenti delle principali società coinvolte, sono alla finestra per cercare di intuire le vere potenzialità dell’Exchange in Italia. Per cui, non c’è da sorprendersi se dovessero esserci accelerate improvvise per People’s Ibex. Traders, voi che ne pensate? People’s Ibex arriverà sul mercato entro il 2014?

Share:

giovedì 10 aprile 2014

Rodano:”Il betting exchange è destinato a rimanere un mercato di nicchia”



In queste ore si è espresso sul tema del betting exchange in Italia anche Francesco Rodano. E chi è? Sconosciuto ai più, è un dirigente dei Monopoli di Stato. Non è la prima volta che il suo nome fa la comparsa in questo Blog, poichè è stato sicuramente un attore importante per la regolamentazione in Italia dello scambio scommesse. Come si è espresso? Attraverso un’intervista rilasciata a Gioco News.

Ha dichiarato:”Per il momento Betfair è l’unico che è partito, ma non è il solo ad aver chiesto il collaudo per il betting exchange. A breve, infatti, dovrebbero partire con questa modalità di gioco altri operatori”. Giusto e infatti ieri vi abbiamo parlato del nuovo Exchange griffato Betflag. Dopo aver garantito che non c’è alcun rischio di riciclaggio sul .it, ha aggiunto:”È evidente che l’exchange non sarà un fenomeno di massa, è destinato a rimanere un mercato di nicchia. Del resto basta guardarsi attorno negli altri mercati dove viene offerto per vedere il ruolo che ricopre che è del tutto marginale”.

Tralasciamo i paragoni con gli altri Paesi, dove ogni Nazione ha delle proprie peculiarità. Ma dire una frase del genere, dopo aver mutilato il betting exchange in questo modo, è folle. La sensazione è che questo tempismo non sia casuale. Ci sembra sia una forte rassicurazione nei confronti dei bookies tradizionali.
Il consiglio, è quello di lavorare affinchè il betting exchange non si limiti ad essere un mercato di nicchia. Per farlo, c’è bisogno di cambiare decisamente passo.
Share:

mercoledì 9 aprile 2014

Betflag supera il collaudo per il betting exchange


Oooh amici Traders. Queste sono soddisfazioni!

Ieri nel tardo pomeriggio Agimeg ha annunciato il superamento del collaudo da parte di Betflag, che dunque entra a far parte della famiglia del betting exchange italiano, insieme a Betfair Exchange e People’s Ibex. Sarà necessario soltanto un’ulteriore verifica tecnica da parte dei Monopoli di Stato.
Dov’è la soddisfazione? Nell’avervelo annunciato più di un mese fa. Gli unici e i soli a farlo. Quando abbiamo una notizia, non c’è cosa più bella che condividerla con voi Betting Traders. Betflag è un’azienda che si è imposta con grande decisione nel panorama del telematico in Italia. Forse qualcuno ricorderà il bonus molto aggressivo che propose inizialmente (e mi fruttò qualche centinaia di euro a rischio 0, ma non sono qui per il celolunghismo). È un bookie che ha una quota di mercato di gran lunga superiore a Betfair Italia nell’ambito delle scommesse sportive tradizionali. Inoltre, è molto attiva nel settore dell’ippica. Il sito ufficiale è questo. Da valutare l’impatto che avrà nel settore Exchange, poichè si tratta di un segmento di business completamente nuovo per l’azienda. Il consiglio che ci sentiamo di dare a questo interessante operatore è: puntare su un marketing aggressivo. Betting Exchange spesso è sinonimo di Betfair. Occorre fare uno sforzo deciso per farsi conoscere, puntando su campagne fuori dal convenzionale. Altrimenti, il rischio di diventare una nicchia di una nicchia, è forte.

Share:

martedì 8 aprile 2014

Corcoran (Ceo Betfair):”Felici per la regolamentazione in Italia”

Ok amici. Ci siamo. Betfair Exchange ormai è una realtà anche in Italia. Qualcuno tra noi è stato costretto a migrare dal .com, altri stanno provando per la prima volta questo nuovo prodotto. Stiamo raccogliendo tantissime vostre opinioni, sia sui nostri canali social (Facebook, Twitter, G+) ma anche nella Community, con sempre più iscritti quotidiani. Grazie!

Oggi crediamo sia doveroso riprendere il comunicato stampa diffuso da Betfair per il lancio del punta e banca in Italia. È stato pubblicato poco fa e sulla questione si è espresso il Ceo dell’azienda, Breon Corcoran:”Siamo lieti di essere il primo operatore di Exchange completamente regolamentato in Italia e siamo ansiosi di portare i vantaggi della nostra piattaforma di scommesse innovative ai clienti italiani, compresa la possibilità di usare la modalità Cash Out. Crediamo che questo lancio segni un passo importante nel nostro sforzo di aumentare i ricavi sostenibili”.

Dichiarazioni normalissime, da parte di un CEO di un’azienda quotata in borsa. In queste ore c’è molto malcontento tra i traders italiani per il funzionamento dell’Exchange. È evidente a tutti. Fare trading è (quasi) utopia in questo momento.

“E allora perchè Betfair sta facendo tutto questo?” vi starete chiedendo. Una domanda giusta, a cui si può trovare risposta con una parola presente nel comunicato di Betfair.

RICAVI SOSTENIBILI

Betfair ha intenzione di rendere sostenibile il suo business, dunque non vuole avere problemi con i vari regolatori. Vuole tuffarsi nei principali mercati mondiali, ma senza avere problemi da un punto di vista normativo. Lo sbarco dell’Exchange va proprio in questa direzione. Il nuovo prodotto, ha attirato numerosi utenti a creare i conti (chi per curiosità, chi per necessità, lo abbiamo fatto in molti). Adesso, diverse persone in più fanno parte dell’universo di Betfair. Dunque ci sono possibilità maggiori di ricavi attraverso lo Sportsbook. L’Exchange bene o male qualcosa riesce a muovere (oltre 8000€ abbinati su Juve-Livorno nel mercato esito finale, quante commissioni hanno generato?). E ancora, maggiori possibilità di introiti con il Poker. Maggiori possibilità di aumentare i guadagni col casinò. In questo caso, in conclusione, è abbastanza evidente che l’obiettivo dell’azienda sia quello di ampliare il numero di utenti. Questo non significa che in un futuro prossimo non ci possano essere svolte in grado di (ri)avvicinare i traders. Ma significa che, in questo preciso momento, l’obiettivo dell’azienda Betfair è un altro. Tutto qui.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate in merito e se avete idee differenti riguardo la questione.


Share:

lunedì 7 aprile 2014

Al via Betfair Exchange.

Il momento tanto atteso è arrivato. Dopo anni di regolamentazione, il betting exchange è ufficialmente sbarcato in Italia. Avremo tempo per analizzare la piattaforma nei dettagli e le migliori strategie per fare bene in questi affascinanti mercati. Ora c’è bisogno solo di dare alcune informazioni essenziali, per iniziare a familiarizzare con l’Exchange.

Primo elemento: la registrazione. Per poter usufruire di questa nuova modalità, occorre semplicemente creare un account con Betfair. Fatelo qui.

Secondo elemento: qual è l’indirizzo della piattaforma? L’Exchange è disponibile all’indirizzo betfair.it/exchange. È attivo in homepage un banner che rimanda alla grande novità di Betfair Italia.


Terzo elemento: al di là dei giudizi normativi, adesso è tempo di osservare la piattaforma, i mercati, la liquidità. Impossibile farlo oggi, con l’apertura della piattaforma slittata al pomeriggio. Dunque rimandiamo nei giorni prossimi tutte le considerazioni.

PS: iscrivetevi gratuitamente alla prima community interamente dedicata al betting exchange. La prima a nascere in Italia. Cliccate qui.

Share:

domenica 6 aprile 2014

Betfair Exchange: domani ufficialmente al via.


Tramite un'email inviata a diversi utenti operanti sul .com, Betfair ha ufficializzato l’introduzione ufficiale dello scambio scommesse in Italia. Avverrà domani.
Questa è l’email integrale pervenuta a diversi utenti:

Ciao [Nome Utente], ti scriviamo in quanto titolare di un conto sul sito betfair.com dal quale risulti essere residente in Italia.
Siamo lieti di annunciarti che da Lunedì 7 aprile, il Betting Exchange sarà finalmente disponibile anche in Italia sul sito betfair.it.
Desideriamo informarti che potrai accedere al sito betfair.com solamente per altri 3 giorni. Secondo la regolamentazione italiana, non potrai più usufruire dei servizi offerti da betfair.com ma potrai continuare a scomettere in modalità Exchange sul sito betfair.it.

PS: cliccate qui per iscrivervi a Betfair.it.

Share:

sabato 5 aprile 2014

Inizio del Punta e Banca in Italia: 2 nuove ipotesi


Più si avvicina l’introduzione del betting exchange in Italia, più arrivano dettagli circa la data precisa d’avvio. Riepiloghiamo la situazione e aggiorniamo il tutto con le ultime indiscrezioni avute nelle ultime ore.

Premessa: Betfair non ha confermato (nè smentito) le date che stanno circolando. C’è assoluto silenzio in società sulla questione. La prima a sbilanciarsi sulla questione è stata Agipro, ipotizzando giovedì 10 aprile.
Ieri, ci sono state ben 2 notizie riguardo la questione. In primis, si è sbilanciata Traderline Betfair (software per il trading), sottolineando su Twitter che la partenza di Betfair Exchange Italia ci sarà l’8 aprile, ossia martedì.

Inoltre, anche nel forum ufficiale di Cymatic (altro software per il trading) hanno provato a fare chiarezza sulla questione, puntando sul 7 aprile.
Tutti gli indizi, dunque, ci fanno ipotizzare che l’Exchange italiano partirà la prossima settimana. È importante sottolineare, inoltre, che entrambi i software saranno disponibili per il betting exchange italiano, ma non a partire dal primo giorno d'introduzione.
Share:

venerdì 4 aprile 2014

Nessuna data ufficiale per il betting exchange

Dopo l’anticipazione di Agipro, c’è ormai tanta attesa per il betting exchange in Italia. Sia coloro che hanno l’account su betfair.com, sia coloro che non lo hanno, attendono notizie ufficiali da parte di Betfair. Poche ore fa, si è occupata della questione una delle più importanti agenzie specializzata sul gioco: Gioco News. Quali le novità?

Betfair non ha ancora comunicato alcuna data ufficiale. Lo sta facendo indirettamente, nelle tante comunicazioni (via email, sms e telefono) che sta avendo con coloro che hanno l’account sul .com. C’è da dire, che i vari operatori danno interpretazioni diverse circa il periodo d’introduzione (“a breve”, “ad inizio aprile”, “a metà aprile”, “tra 2-3 settimane”). Ciò che è certo, è che tra poco si partirà. Betfair ha garantito continuità di servizio tra .com e .it, dunque non ci saranno spazi vuoti tra la chiusura degli account sul .com e l’avvio del .it.

PS: Cashback Extra di Betfair.it su Parma-Napoli. Iscriviti al sito e scopri la promozione.


Share:

giovedì 3 aprile 2014

Catania-Napoli: i calci d’angolo regalano soldi


Su queste pagine del blog abbiamo spesso parlato di “disavventure” capitate agli scommettitori (come la storia di Ciro), ma oggi vi raccontiamo una storia ai danni dei concessionari.
Tutto inizia con la partita Catania-Napoli giocata il 26 marzo alle ore 20.45 e finita sul punteggio di 2 a 4, ma non vogliamo soffermarci sul risultato finale, ma sul numero di calci d’angolo.
La Lega Calcio Serie A ha refertato 6 calci d’angolo, ma i Monopoli, tramite il loro fornitore tecnologico So.Ge.I., hanno creato un po’ di caos nel referto di una scommessa. La scommessa in questione è totali calcio d’angolo. Il primo referto (errato) su questa scommessa con esito vincente  “< DI 6” è arrivato il 29/03/2014, 12:10:04 e a distanza di qualche decina di minuti in alcune agenzie di scommesse si sono presentati degli scommettitori per riscuotere dei biglietti con questo esito.
Il secondo referto con esito vincente “DA 6 A 8” (giusto) è arrivato il 01/04/2014 11:07:46 e ancora una volta, dopo qualche decina di minuti si presentano (sembra gli stessi del sabato) a riscuotere i biglietti con l’esito refertato vincente.
Queste giocate alte anomale per questa scommessa hanno colpito un po’ tutti i bookmakers e chi ha provato a protestare in So.Ge.I. si è sentito rispondere, che rientra sempre nei “rischi di impresa” del concessionario la errata refertazione da parte dei Monopoli (?!). Rimaniamo un po’ perplessi di fronte a questa risposta e a tutta questa storia che un po’ ci fa dubitare.
A voi i commenti.

PS: Paddy Power rimborserà tutte le scommesse singole perdenti relative a Primo Marcatore e Risultato Esatto di Lione - Juvntus se il match finisce in parità. Iscrivetevi qui.


Share:

mercoledì 2 aprile 2014

Intervista al creatore del comitato dei clienti italiani di betfair.com

Così come è giusto sottolineare l'entusiasmo di chi non ha mai provato il betting exchange e sta per farlo, così è anche giusto evidenziare le critiche offerte da chi già opera su betfair.com. Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato della nascita di questo comitato a favore dei diritti dei clienti italiani operanti su betfair.com. Abbiamo conosciuto il creatore dell'iniziativa, per sapere le sue opinioni riguardo vari temi. Buona lettura!

Presentati ai Betting Traders. Da quanto operi su betfair.com?

Logo Betfair scuro
Sono Francesco Caridi, cittadino italiano ed europeo. Sono un utente di Betfair.com da oltre 12 anni, come dire uno dei primi italiani che ha avuto il piacere di conoscere ed operare con l’ exchange.

Come è nata l'idea del comitato dei clienti italiani di betfair.com?

L’idea nasce, insieme ad alcuni amici, dalla consapevolezza della decisione di betfair.com di "cacciarci via". È a nostro avviso un sopruso, un atto decisamente vessatorio e discriminatorio e già basta questo per qualificarlo come atto illegittimo che si apprestano a compiere, nei confronti di migliaia e migliaia di italiani, che come me fanno parte di betfair.com da anni e anni.

Qualcuno ha detto che betfair.com è una azienda privata e può fare il "cavolo che vuole". A questi, rispondiamo che nei paesi civili e di diritto, tutti sono sottoposti al rigore delle leggi e chi sbaglia se ne assume le conseguenze.
Altri hanno detto che betfair.com è costretta ad agire così perchè le leggi italiane gli impogono questo. A questi altri, diciamo che le leggi italiane per essere valide, devono essere in armonia con la costituzione italiana, con il diritto comunitario e con il diritto internazionale e nel caso specifico non lo sono. Senza dire che l’attuale normativa è in vigore da anni, eppure non mi risulta che abbia impedito a  Betfair di avere clienti italiani.

L’ultima osservazione di betfair.com, e di chi sostiene la chiusura dei conti, consiste nel fatto che, visto che Betfair apre anche in Italia l’Exchange .it, quindi il prodotto sarà uguale all’ Exchange .com, per cui non c’è più ragione che gli italiani conservino i conti ed operino con betfair.com. Questa motivazione non sta nè in cielo, nè in terra, è completamente ridicola e falsa, infatti l’Exchange .it non è equivalente all'Exchange .com, per
molti motivi, è per dimostrarlo ne cito solo uno di straordinaria importanza oltre che di straordinaria evidenza, senza se e senza ma. Nel palinsesto degli sport che proporrà l’Exchange .it mancherà l’ippica, (non solo quella italiana, ma sopratutto quella del Regno Unito e d’Irlanda) che rappresenta il pezzo da 90 di un qualunque Exchange che si rispetti.

Una volta evidenziato quest’ultimo aspetto, che di fatto, impedirebbe con la forza a migliaia di cittadini italiani di poter esercitare un loro diritto costituzionalmente garantito, che nella fattispiece consiste nel poter liberamente disporre come vogliono del loro tempo libero e in questo caso seguire, interessarsi e vedere, il loro sport preferito. Mi chiedo, perchè quando Betfair qualche anno fa aprì in Italia Betfair.it, non chiuse allora i conti dei clienti italiani? È una domanda che spiega e chiarisce molte cose.

Pare che Betfair raggiunse un accordo con i Monopoli, accordo che in quel momento prevedeva per betfair.com di non accettare più clienti italiani, ma consentiva alla sŧessa betfair.com di continuare a far operare i clienti italiani, con la motivazione che dato che in Italia l’Exchange non c’era, poteva tenerseli perchè appunto offriva un prodotto che era assente nel mercato italiano dei giochi autorizzati dai Monopoli di Stato. Tanto è vero che betfair.com, si tenne i clienti italiani, ma li escluse dai giochi che erano autorizzati in Italia.
Oggi a rigor di logica visto che l’ippica non è tra gli sport che saranno quotati nell’Exchange italiano, betfair.com deve tenersi i clienti italiani ed eventualmente escluderli solo dai mercati quotati in italia. In tal senso abbiamo diffuso un comunicato, che farò avere anche a voi di Betting Trader. (Ndr: il post è questo)

Come si può aderire concretamente all'iniziativa?

Tutti gli utenti di betfair.com, che si vorrano associare all’iniziativa, al momento non devono fare altro che comunicarci la loro adesione al nostro obiettivo comune, e aggiugerei di darsi da fare per far raggiungere la comunicazione a quanti più utenti possibile.

Il comitato è già stato creato o è in via di definizione?

Di fatto oggi esiste il comitato promotore, se effettivamente betfair.com ignorerà i nostri diritti e ci chiuderà il conto, all’indomani della chiusura dei conti il comitato sarà formalizzato e potrà operare in tutte le sedi legali competenti in Italia e all’estero.

Cosa pensi delle caratteristiche del betting exchange in Italia?

Io sinceramente non intendo demonizzare o ipercriticare il betting exchange italiano, innanzitutto ribadisco che é un exchange mutilato in maniera abnorme.
La mancanza delle corse dei cavalli sono un handicap grave, non solo perchè non attirerà gli appassionati di questo sport, ma anche perchè, come voi ben sapete, l’ippica è lo sport d’elezione per un exchange. Ci sarà il calcio che è sport con milioni di appassionati, ma dovete tenere conto di alcuni aspetti peculiari del compartimento degli scommettitori italiani, e cioè:
a)gli italiani sono abituati a rincorrere le grandi vincite, cioè le multiple. L’exchange offrirà solo le singole e questo terra lontani i più. Si potrebbero avvicinare i giocatori delle singole attratti da quote migliori, ma....
b)l’Exchange .com forte della grande liquidità, offre sempre quote superiori ai bookmakers tradizionali, l’Exchange Italia rischierà al netto della commissione di offrire quote addirittura inferiori.
Sinceramente credo che chi vorrà fare trading sull’exchange.it...potrebbe
rimanere deluso.
Detto questo, se è quando in futuro sarà un vero exchange, allora sarà un’altra
cosa.


Ti iscriverai a betfair.it?

Questo dipenderà dalle decisioni di betfair.com e mi spiego meglio. Noi costruttivamente e responsabilmente al fine di conseguire il nostro obiettivo (ovvero la non chiusura dei conti), tentiamo un accordo e così facendo eviteremmo a betfair.com di finire nell occhio del ciclone con una class action che non si limiterebbe solo ai conti, ma sarebbe a tutto campo (e su questo non dico altro), stiamo facendo una proposta a betfair.com, ne accenevo prima. Vale a dire, visto che non inseriscono l’ippica nel palinsesto del betting exchange italiano, betfair.com continuerà a farci operare nel .com su tutti gli sport che non avrà in palinsesto in Italia.

In tal caso io personalmente e quanti lo vorranno apriremo anche un conto su betfair.it, per operare su calcio e quant’altro.
Attenzione: questa nostra proposta se andrà in porto, porterà benefici a tutti, compreso betfair .com. Conseguiremmo i nostri obiettivi, con soddisfazione di tutte le parti e questo sarebbe sì un buon auspicio per l’Exchange in Italia e la sua liquidità e operatività.
In caso contrario la risposta è no e purtroppo per Betfair saranno dei no che quantificandoli sarebbe necessario scrivere una cifra con molti zeri.

A quali modalità alternative hai pensato per continuare ad operare su betfair.com?

Io mi auguro e sono quasi certo che troveremo uno sbocco e rimaremmo a operare con betfair.com, quanto meno per gli sport che non saranno quotati in Italia, come dicevo prima siamo disposti ad un compromesso che favorirà anche l’exchange italiano.
Credetemi il risultato di questa querelle, non sarà deciso da betfair.com e dai Monopoli, questa nostra battaglia non è una scommessa per cui l’esito dipende dalla sorte o da fattori che noi non possiamo influenzare.

Dipenderà solo ed esclusivamente da noi clienti di betfair.com. Se saremo uniti il nostro peso contrattuale sarà così forte, che Betfair.com capirà che siamo nel giusto e che ciò che proponiamo farà del bene a tutti. In tal caso ti prego di farmi fare un appello a tutti i nostri amici clienti di betfair.com, non solo di aderire ma di essere fattivi e collaborativi nel diffondere i nostri propositi e rammentare che vinceremo se saremo tanti e uniti. Grazie.

Share:

martedì 1 aprile 2014

Clamoroso: Papa Francesco si esprime sul betting exchange in Italia



Pubblico:”Francesco! Francesco! Francesco! Francesco! Francesco!”

Papa Francesco: “Frateli e sorele, buonasera!”

Applausi ed ovazione dal pubblico.

Papa Francesco:”Voi sapete, che il dovere del conclave era quello di dare un vescovo a Roma. Ma stavolta, abbiamo parlato di un argomento ben più interessante: il betting exchanssscc!”

Pubblico in delirio:”All green! All Green! All green! All green!”

Papa Francesco:”Vi ringrassio dell’accogliensa. Prima di tutto, vorrei fare una prechiera per i nostri frateli che hanno regolamentato il betting exchansssc in Italia, in evidente stato di ubriachessa. Il mondo deve essere privo di barriere, tutti siamo frateli e abbiamo il diritto di poter avere una liquidità unica e condivisa!
E che dire dei continui ritardi dell’introduzione del betting exchanssss in Italia? C’ho il conto su un paio di .com e non sso mai se devo ritirare i sssoldi o continuare a ssssciocare con i dns modificati. E che dire dell’impossibilità di fare newtwork tra le piataforme? Il mondo ha bisogno di sssolidarietà. Vogliamo davvero avere piattaforme con mercati con liquidità di 500 lire? 
E infine, vogliamo parlare dell’impossibilità di poter operare 24 ore su 24, non potendo investire sui mercati sudamericani? No, lì non me ne frega un casso. Di note sscioca il San Lorensso. Mica posso fare trading!” 

PS: sta per partire il betting exchange. Iscrivetevi a Betfair e sfruttate il Cashback Extra disponibile su Manchester United - Bayern Monaco.


Share:

Post consigliati Betting Exchange

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bonus Betting Exchange

Punta e Banca con BetFlag!

Archivio blog

Segui il Blog via e-mail!

Attenzione

Betting Trader è il primo blog informativo in Italia incentrato sul betting exchange e sul mondo delle scommesse sportive. Il nostro impegno, mira ad aumentare la conoscenza degli utenti sul punta e banca ed incentiva gli stessi ad usare strumenti professionali e statistici sempre utilizzando una gestione del denaro corretta, diminuendo il più possibile il rischio di perdere soldi. Si vuole creare una cultura nuova sul trading sportivo mettendo a disposizione dei lettori una sorta di guida betting exchange e articoli esplicativi. Ci teniamo a sottolineare che il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può creare dipendenza patologica.
Consultare le probabilità di vincita sul sito AAMS. Per cui: siate responsabili.

Choose your language!

Seguici:

Archivio blog

Libro Betting Exchange